FORNACE BISULLI MELDOLA 21.08.1944

(Forlì-Cesena - Emilia-Romagna)

FORNACE BISULLI MELDOLA 21.08.1944

FORNACE BISULLI MELDOLA 21.08.1944
Descrizione

Località fornace laterizi Bisulli, Meldola, Forlì-Cesena, Emilia-Romagna

Data 21 agosto 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 18

Numero vittime uomini 18

Numero vittime uomini adulti 11

Numero vittime uomini anziani 5

Numero vittime uomini senza informazioni 2

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: incendio di abitazione

Tipo di massacro: punitivo

Estremi e note penali: - Procedimento penale davanti alla Corte d’Assise straordinaria di Forlì contro Arnaldo Feltrami, Romano Beltrami e Ezio Landi accusati di aver partecipato materialmente alle sevizie delle vittime e alle uccisioni della fornace. Con sentenza del febbraio 1946 la Corte li condannò Feltrami a 30 anni di reclusione, Beltrami e Landi a morte. Fu presentato ricorso in Cassazione. La Cassazione con sentenza 28/06/1946 annullò senza rinvio la sentenza della Corte d’Assise straordinaria di Forlì poiché mancavano le prove della colpevolezza dei tre condannati.

Annotazioni: Buona parte delle vittime ottenne la qualifica di partigiano, ma l’età avanzata di molti fa ritenere probabile nel loro caso che si tratti di civili o di persone legate ai partigiani. Ravaglioli e Petrini nel loro libro segnalano Bertozzi come padre di un partigiano; inoltre scrivono di Bartolini che partecipò alla Resistenza, ma il suo nome non compare fra i caduti partigiani nella documentazione dell’Anpi e dell’Istituto per la storia della Resistenza di Forlì-Cesena. Secondo il Diario di Mambelli erano partigiani Lombini, Nanni, Giusti, Cangini, Fantuzzi. Fantuzzi in più di una fonte è ricordato come il colono del podere che ospitò uno dei primi insediamenti partigiani della valle del Bidente tra Cusercoli e San Paolo in Aquiliano. La documentazione fascista coeva parla di 14 ribelli e quattro persone conniventi.

Scheda compilata da ROBERTA MIRA
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-10-29 22:37:12

Vittime

Elenco vittime

- Alessandrini Alessandro, nato a Pieve di Rivoschio (FC) il 29/03/1880, colono. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 16/09/1943 al 21/08/1944.
- Bartolini Domenico. Civile.
- Bevoni Francesco nato a Voltre di Civitella di Romagna (FC) il 24/04/1879, residente a Pieve di Rivoschio (FC), mezzadro. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 02/01/1944 al 21/08/1944.
- Bertozzi Domenico nato a Sorbano (FC) il 13/06/1881, residente a Pieve di Rivoschio (FC), bracciante. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 29/11/1943 al 21/08/1944.
- Biondini Antonio, nato a Sarsina (FC) il 03/08/1895, residente a Pieve di Rivoschio (FC), contadino. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 02/01/1944 al 20/08/1944.
- Cangini Giovanni, nato a Cusercoli (FC) il 07/08/1904, bracciante. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 06/10/1943 al 21/08/1944.
- Castellucci Celso, nato a Civitella di Romagna (FC) il 28/06/1896, residente a Cigno di Civitella (FC). Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 01/01/1944 al 21/08/1944.
- Fantuzzi Attilio, nato a Sarsina (FC) il 18/02/1896, residente a Cusercoli (FC), colono. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 06/11/1943 al 21/08/1944.
- Giusti Angelo, nato a Civitella di Romagna (FC) il 02/10/1924, residente a Cusercoli (FC), operaio. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 15/02/1944 al 18/06/1944.
- Landi Domenico, nato a Sarsina (FC) il 30/11/1863, residente a Pieve di Rivoschio (FC). Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 30/09/1943 al 21/08/1944.
- Lombini Marcello, nato a Civitella di Romagna (FC) il 02/03/1927, residente a Cusercoli (FC), garzone di fornaio. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 01/01/1944 al 30/11/1944.
- Mezzanotte Cesare, nato a Sarsina (FC) il 16/03/1916, residente a Giaggiolo (FC), colono. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 06/11/1943 al 21/08/1944.
- Mondardini Salvatore, nato a Sarsina (FC) il 19/01/1862, residente a Santo Stefano di Sarsina (FC), agricoltore. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 10/11/1943 al 21/08/1944.
- Nanni Marcello (Lello), nato a Civitella di Romagna (FC) il 02/10/1926, residente a Cusercoli (FC), garzone. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 18/09/1943 al 28/06/1944.
- Orfei Antonio, nato a Bagno di Romagna (FC) il 30/09/1910, residente a Santa Sofia (FC), bracciante. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 07/01/1944 al 21/08/1944.
- Pondini Francesco, nato a Pieve di Rivoschio (FC) il 01/04/1891, agricoltore. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 05/05/1944 al 21/08/1944.
- Secaroli Angelo. Civile.
- Soldati Pasquale, nato a Sarsina (FC) il 19/01/1891, residente a Pieve di Rivoschio (FC), colono. Riconosciuto partigiano nell’8ª brigata Garibaldi dal 03/01/1944 al 21/08/1944.

Elenco vittime civili 2

Bartolini Domenico
Secaroli Angelo.

Elenco vittime partigiani 16

Alessandrini Alessandro
Bevoni Francesco
Bertozzi Domenico
Biondini Antonio
Cangini Giovanni
Castellucci Celso
Fantuzzi Attilio
Giusti Angelo
Landi Domenico
Lombini Marcello
Mezzanotte Cesare
Mondardini Salvatore
Nanni Marcello
Orfei Antonio
Pondini Francesco
Soldati Pasquale
Soldati Pasquale

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Arnaldo Feltrani

    Nome Arnaldo

    Cognome Feltrani

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento - Procedimento penale davanti alla Corte d’Assise straordinaria di Forlì contro Arnaldo Feltrami, Romano Beltrami e Ezio Landi accusati di aver partecipato materialmente alle sevizie delle vittime e alle uccisioni della fornace. Con sentenza del febbraio 1946 la Corte li condannò Feltrami a 30 anni di reclusione, Beltrami e Landi a morte. Fu presentato ricorso in Cassazione. La Cassazione con sentenza 28/06/1946 annullò senza rinvio la sentenza della Corte d’Assise straordinaria di Forlì poiché mancavano le prove della colpevolezza dei tre condannati.

  • Ezio Landi

    Nome Ezio

    Cognome Landi

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento - Procedimento penale davanti alla Corte d’Assise straordinaria di Forlì contro Arnaldo Feltrami, Romano Beltrami e Ezio Landi accusati di aver partecipato materialmente alle sevizie delle vittime e alle uccisioni della fornace. Con sentenza del febbraio 1946 la Corte li condannò Feltrami a 30 anni di reclusione, Beltrami e Landi a morte. Fu presentato ricorso in Cassazione. La Cassazione con sentenza 28/06/1946 annullò senza rinvio la sentenza della Corte d’Assise straordinaria di Forlì poiché mancavano le prove della colpevolezza dei tre condannati.

  • Romano Beltrami

    Nome Romano

    Cognome Beltrami

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento - Procedimento penale davanti alla Corte d’Assise straordinaria di Forlì contro Arnaldo Feltrami, Romano Beltrami e Ezio Landi accusati di aver partecipato materialmente alle sevizie delle vittime e alle uccisioni della fornace. Con sentenza del febbraio 1946 la Corte li condannò Feltrami a 30 anni di reclusione, Beltrami e Landi a morte. Fu presentato ricorso in Cassazione. La Cassazione con sentenza 28/06/1946 annullò senza rinvio la sentenza della Corte d’Assise straordinaria di Forlì poiché mancavano le prove della colpevolezza dei tre condannati.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Meldola (FC), strada Bidentina, di fronte alla fornace laterizi

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Meldola (FC), strada Bidentina, di fronte alla fornace laterizi

    Descrizione: monumento che riporta i nominativi delle vittime (in sostituzione di una vecchia lapide posta accanto al cancello della fornace.

  • monumento a Forlì, piazza Saffi, portico di San Mercuriale

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Forlì, piazza Saffi, portico di San Mercuriale

    Descrizione: nel sacrario dei caduti partigiani sono ricordate le vittime di Meldola tranne Bartolini e Secaroli.

  • lapide a Pieve di Rivoschio (FC), facciata scuola elementare

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Pieve di Rivoschio (FC), facciata scuola elementare

    Descrizione: lapide che ricorda i cittadini di Pieve di Rivoschio uccisi dai nazisti e dai fascisti; fra loro le vittime della fornace di Meldola Alessandro Alessandrini, Domenico Bertozzi, Francesco Bevoni, Antonio Biondini, Domenico Landi, Salvatore Mondardini, Francesco Pondini e Pasquale Soldati.

  • lapide a Ranchio (FC), piazza

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Ranchio (FC), piazza

    Descrizione: lapide che ricorda le vittime civili e militari della seconda guerra mondiale; tra i nominativi vi è quello di Salvatore Mondardini.

  • monumento a Sarsina (FC), parco comunale lungo la strada del Savio

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Sarsina (FC), parco comunale lungo la strada del Savio

    Descrizione: stele dedicata ai cittadini di Sarsina morti durante la seconda guerra mondiale per fatti di guerra o per fucilati per rappresaglia; vi compaiono i nomi di Alessandro Alessandrini, Domenico Bertozzi, Francesco Bevoni, Antonio Biondini, Domenico Landi, Salvatore Mondardini, Francesco Pondini, Pasquale Soldati.

  • monumento a Giaggiolo di Civitella

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Giaggiolo di Civitella

    Descrizione: tempietto dei caduti; su una delle lapidi all’interno è ricordato Cesare Mezzanotte.

  • lapide a Civitella di Romagna (FC), via Gramsci, mura del castello

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Civitella di Romagna (FC), via Gramsci, mura del castello

    Descrizione: lapidario dei caduti per la libertà; vi compaiono i nomi di Giovanni Cangini, Celso Castellucci, Attilio Fantuzzi, Angelo Giusti, Marcello Lombini, Cesare Mezzanotte, Marcello Nanni.

  • monumento a Seguno

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Seguno

    Descrizione: monumento ai caduti nelle due guerre mondiali; vi compaiono i nomi di Celso Castellucci e Salvatore Mondardini.

Bibliografia


- Antonio Mambelli, Diario degli avvenimenti in Forlì e Romagna dal 1939 al 1945, a cura di Dino Mengozzi, Lacaita, Manduria, Bari, Roma, vol. II, pp. 823-824.
- Vladimiro Flamigni, La “guerra ai civili” nell’Appennino forlivese, in Istituto per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena (a cura di), 1944 Stragi naziste e fasciste sull’Appennino tosco-romagnolo, Il Ponte Vecchio, Cesena, 2003, pp. 75-78.
- Adler Raffaelli, Guerra e Liberazione. Romagna 1943-1945, vol. II, Epigrafia, Comitato regionale per le celebrazioni del 50° anniversario della Resistenza e della Liberazione Emilia-Romagna, Bologna, 1995, pp. 37, 41-42, 50, 66, 68-69, 108.
- Luciano Ravaglioli, Mariagiulia Petrini (a cura di), Cippi storici della Resistenza meldolese, Comune di Meldola, Meldola, 2000, pp. 53-61.

Sitografia


- Istituto per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena, Elenco dei caduti delle formazioni partigiane:
http://www.istorecofc.it/caduti-formazioni-partigiane.asp
(ad nomen; non risultano Bartolini e Secaroli).

- Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Università di Bologna, Database dei partigiani dell’Emilia-Romagna:
http://www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/biblioteca/fondi-1/partigiani
(schede relative alla provincia di Forlì; ad nomen; non risultano Bartolini e Secaroli).

Fonti archivistiche

Fonti

- ACS, MI, Gab. RSI, b. 20, cat. K16, fasc. 418 K16/34, Prefettura di Forlì, Esecuzioni capitali e rastrellamenti in provincia, 09/09/1944.
- AISRFC, Eccidi, b. 6, fasc. 8.
- AISPER, Fondo Commissione parlamentare d’inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti (Armadio della vergogna), 4 Docc. consegnati maggio 2009, 44/1, f. 78, N.O della Legione dei carabinieri reali di Bologna in Firenze, Gruppo di Forlì, Delitti commessi dai nazi-fascisti durante la loro dominazione, 06/04/1945.
- Tribunale di Forlì, sezione penale, Sentenze della Corte d’Assise straordinaria di Forlì 1945-1947, vol. 1946-1947, sentenze n. 39/46.