Roccapiemonte, 24/9/1943

(Salerno - Campania)

Roccapiemonte, 24/9/1943

Roccapiemonte, 24/9/1943
Descrizione

Località Roccapiemonte, Roccapiemonte, Salerno, Campania

Data 24 settembre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini senza informazioni 1

Descrizione: Il paese di Roccapiemonte ospitava, nei giorni successivi allo sbarco di Salerno, in un ospedale, alcuni feriti alleati, ma era occupato dai tedeschi. Il 24 settembre, due giovani del paese, Armando Latta e Raffaele Izzo, tentarono di allontanarsi dal centro abitato per non farsi rastrellare. Fermati da una pattuglia tedesca, i due ragazzi cercarono di scappare, ma Izzo fu ferito da una scarica di mitragliatrice. Morì il 12.11.1943 per sopravvenuta infezione.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: deportazione della popolazione

Tipo di massacro: legato al controllo del territorio

Estremi e note penali: Reparto indicato da Carlo Gentile nell’«Elenco atti criminosi in territorio di giurisdizione della Procura Militare della Repubblica di Napoli e perpetratori individuati in base alla documentazione militare tedesca (Bundesarchiv e Deutsche Dienststelle)»

Scheda compilata da Isabella INsolvibile
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-23 20:29:22

Vittime

Elenco vittime

Izzo Raffaele

Elenco vittime civili 1

Izzo Raffaele

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Fallschirm-Panzer-Division “Hermann Goring“

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Luftwaffe

Memorie
Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AUSSME N 1-11, b. 2133, fasc. Italia meridionale Campania
Carlo Gentile, «Elenco atti criminosi in territorio di giurisdizione della Procura Militare della Repubblica di Napoli e perpetratori individuati in base alla documentazione militare tedesca (Bundesarchiv e Deutsche Dienststelle)» (per gentile concessione dell’autore)
CPI 10/37