Ceres, 08.03.1944

(Torino - Piemonte)

Ceres, 08.03.1944

Ceres, 08.03.1944
Descrizione

Località Ceres, Ceres, Torino, Piemonte

Data 8 marzo 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: Tra il 4 e l'11 marzo le valli di Lanzo sono investite da una grande operazione di rastrellamento. Gli eccidi commessi nel corso dell'operazione riguardano in particolare tre comuni: Corio, Rocca Canavese (distano 5 km l'una dall'altra) e Coassolo (10 km da Corio). L'operazione è conseguente alle manifestazioni che si susseguono nelle valli di Lanzo in appoggio agli scioperi generali proclamati a Torino in quegli stessi giorni. A Lanzo, Ciriè, Robassomero i comandanti partigiani tengono pubblici comizi. Il console Spallone invia una relazione allarmata al Comando generale della Gnr sostenendo che i giovani delle valli sono pronti per scendere a Torino e unirsi alla protesta degli operai. Nonostante una valutazione eccessiva delle reazioni dei valligiani e delle forze partigiane, la relazione rende conto dell'entusiasmo della popolazione: la reazione tedesca è immediata. Il 3 marzo a Nole i partigiani si scontrano con le truppe tedesche che stanno risalendo la valle per raggiungere Lanzo e ne nasce un violento combattimento. Il 4 marzo i tedeschi si acquartierano a Lanzo, pronti a rastrellare tutta la zona. Le truppe impiegate sono il 15 reggimento di SS, la Polizia di sicurezza del comando di Torino appoggiate dalla 287 sezione di contraerea pesante. Gianni ricorda due aerei "cicogna" che avevano già sorvolato la zona a gennaio, oltre alla presenza di artiglieria pesante. L'operazione investe i comuni di Corio, Coassolo, Rocca, Mezzenile, Pessinetto, Pugnetto e si porta poi nell'alta valle d'Ala, in val Grande e di Viù. Le operazioni avvenute l'8 marzo a Ceres hanno portato alla fucilazione di 4 garibaldini dell'XI brigata Garibaldi: di questi uno, riesce a fuggire mentre gli altri tre vengono fucilati vicino al viadotto.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Annotazioni: In altri comuni vicini Corio (il 05/03/1944), Rocca (il 06/03/1944), Coassolo (il 5-6/03/1944) nello stesso periodo altre stragi.

Scheda compilata da Barbara Berruti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-01-26 12:38:07

Vittime

Elenco vittime

Prono Giuseppe, nato il 07/03/1925, a Montanaro,To,Partigiano, 2 Div Garibaldi
Busso Celestino, nato il 08/03/1922, a Caselle Torinese,To,Partigiano, 17 Brg Garibaldi
Merlo Luigi, nato il 26/11/1924, a Caselle Torinese,To,Partigiano, 2 Div Garibaldi

Elenco vittime partigiani 3

Prono Giuseppe,
Busso Celestino,
Merlo Luigi

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


SS-Polizei-Regiment 15

Tipo di reparto: Polizei
Appartenenza: Ordnungspolizei

BdS Italien/Aussenkommando Turin

Tipo di reparto: Polizei
Appartenenza: Sicherheitspolizei u. SD

Schwere Flak-Abteilung 287 (V)

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Luftwaffe

Memorie
Bibliografia


Tullia De Mayo, Vincenzo Viano, Il prezzo della libertà. Venti mesi di lotta partigiana nel Canavese, ANPI, Cuorgné, 1984, pp. 79 ss
Giovanni Dolino, Partigiani in Val di Lanzo, F. Angeli, Milano, 1989, pp. 24-28
Giuseppe Tuninetti, Clero, guerra e Resistenza nella diocesi di Torino (1940-1945). Nelle relazioni dei parroci del 1945, Piemme, Casale Monferrato, 1996, p. 151

Sitografia


Aistoreto, banca dati del partigianato piemontese, http://intranet.istoreto.it/partigianato/default.asp

Fonti archivistiche

Fonti

BA-MA, RH 31 VI/8, LB 16/02 - 15/03/1944 (p. 142)
BA, R70 Italien/26, p. 46, 121; /21, p. 232; /27, p. 67, p. 78
BA, R70 Italien /31, p. 188
BA, R70 Italien/31, p. 132