Cimitero di Santa Liberata, Mosso, 20-21.04.1944

(Biella - Piemonte)

Cimitero di Santa Liberata, Mosso, 20-21.04.1944

Cimitero di Santa Liberata, Mosso, 20-21.04.1944
Descrizione

Località Cimitero di Santa Liberata, Mosso, Biella, Piemonte

Data 20 aprile 1944 - 21 aprile 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 7

Numero vittime uomini 7

Numero vittime uomini adulti 7

Descrizione: Durante il rastrellamento scatenato con diverse operazioni sulla zona del Bocchetto Sessera, dove si trovavano tre distaccamenti partigiani che facevano parte della 2^ brigata Garibaldi “Biella”, furono catturati otto uomini del distaccamento “Piave” all’alpe Prapian il 20 febbraio 1944. Il giorno successivo, dopo essere stati portati al cimitero di Santa Liberata a Mosso Santa Maria, sette di loro furono fucilati alla schiena. L’ottavo partigiano fatto prigioniero non venne fucilato ma denunciato al Tribunale militare «perché è stato provato che fa parte della banda soltanto da tre giorni e non ha preso parte ad alcuna azione con elementi della banda stessa».
Nel rapporto “Ribelli italiani e stranieri fucilati perché catturati con le armi in pugno”, inviato dal comandante della legione “Tagliamento” Merico Zuccari al capo dell provincia di Vercelli Michele Morsero e ai tedeschi il 21 febbraio 1944 (conservato in ASV, Prefettura repubblicana 1943-45, Gabinetto, mazzo 66) si legge: “Ho potuto seguire, a mezzo di posti di vedetta situati sul Monte San Bernardo alle pendici del quale avevo collocato il comando di Battaglione ed a mezzo delle scarse comunicazioni radio, il movimento delle due colonne. Non ho, durante l’azione, impartito alcun ordine, poiché fin dal primo momento avevo intuito che la località era stata scelta bene e che l’azione sarebbe riuscita in pieno. Tutte le vie erano state bloccate ed i ribelli dovevano essere assolutamente annientati dal fuoco delle armi nostre e tedesche. Ho solamente chiesto più volte alla Compagnia germanica se aveva raggiunto le posizioni assegnate e l’assicurazione che ne ho ricevuto mi ha convinto dell’assoluta inutilità di modificare l’ordine di operazioni che avevo fatto il giorno prima. La banda del Basto era forte di più di cento uomini, tutti rinchiusi nella zona fissata e senza alcuna possibilità di uscita. La maggior parte si sono potuti allontanare sfuggendo alla nostra azione, solamente perché è venuto a mancare o è stato insufficientemente efficace il blocco dal lato ovest. La 1a Compagnia a monte Prapian ed all’Alpe Margosio ha distrutto la base dei ribelli dove era conservata una ingente quantità di viveri e stoffe, ha fatto otto prigionieri, ha catturato una mitragliatrice, un fucile mitragliatore e diverse armi individuali e preso documenti importanti. L’azione ha avuto termine alle 18. Ritengo che i ribelli superstiti si siano diretti in direzione ovest verso Camandona. Sono in corso accertamenti».

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: incendio di abitazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Questo episodio non rientra fra i capi d’imputazione al processo contro Merico Zuccari e altri celebrato nel 1952

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Memoria condivisa

Scheda compilata da Enrico Pagano
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-30 21:05:43

Vittime

Elenco vittime

Arrigoni Roberto, “Dinamite Negher”, di Vincenzo e Zita Ferrara, nato a Torino il 30.12.1925, residente a Vigliano Biellese, 5^ divisione Garibaldi “Maffei”, 2^ brigata “Ermanno Angiono Pensiero”,
Camerlo Palmino, “Alfredo Silvestro”, di Pietro e Angela Merlino, nato a Valprato Soana il 05.05.1925, residente a Candelo (Bi), 5^ divisione Garibaldi “Maffei”, 2^ brigata “Ermanno Angiono Pensiero”,
Crestani Francesco, “Folgore”, di Francesco e Paola Crestani, nato a Vallonara (Vi) il 11.07.1924, residente a Trivero (Bi), Vdivisione Garibaldi “Maffei”, 2^ brigata “Ermanno Angiono Pensiero”,
Gavasso Antonio, “Piave”, di Silvio e Guglielmina Fretto, nato a Monte di Malo (Vi), residente a Pettinengo (Bi), XII divisione Garibaldi “Nedo”,
Lanza Corrado, “Volpe Rossa”, di Savino e Caterina Assone, nato a Candelo (Bi) il 20.05.1925, ivi residente, XII divisione Garibaldi “Nedo”, 50^ brigata “Edis Valle”,
Bowes Franklin (Frank), nato a Christchurch (Nuova Zelanda) il 04.11.1907,
Miller Harry Herbert, nato a Birmingham (Australia) il 14.09.1920,

Elenco vittime partigiani 5

Arrigoni Roberto,
Camerlo Palmino,
Crestani Francesco,
Gavasso Antonio,
Lanza Corrado

Elenco vittime prigionieri di guerra 2

Bowes Franklin
Miller Harry Herbert

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


5. Gebirgs-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

1. legione d’assalto M “Tagliamento”

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Merico Zuccari

    Nome Merico

    Cognome Zuccari

    Ruolo nella strage Autore

    Note responsabile Merico Zuccari era nato a Saavedra, in Argentina, il 4 novembre 1906, da genitori originari di Montefano (Mc), che erano rimpatriati l’anno seguente. Si era iscritto al fascio nel 1922; squadrista, aveva partecipato alla marcia su Roma, poi aveva prestato servizio in fanteria, raggiungendo il grado di capitano. Nel 1936 aveva preso parte alle azioni militari in Africa orientale, dove era stato decorato di croce di guerra; durante la seconda guerra mondiale aveva combattuto sul fronte greco-albanese, dove, il 4 dicembre 1940, era rimasto ferito, con menomazione del braccio destro. Nel novembre del 1942 era stato inquadrato, con il grado di centurione, nella 6a legione universitaria della Milizia; nel maggio 1943 era stato trasferito, con il grado di seniore, al 41o battaglione, che, alla fine del mese di giugno, era confluito nel Gruppo battaglioni “Tagliamento” della divisione legionaria corazzata “Centauro”. All’inizio di settembre era stato trasferito al 63o battaglione, incorporato nella stessa divisione. Dopo l’armistizio, prima ancora che fosse costituita la Repubblica sociale italiana, il 63o battaglione era entrato a far parte della II divisione paracadutisti tedesca e i suoi componenti avevano pronunciato il giuramento militare tedesco. Dapprima impiegato sulle montagne appenniniche in operazioni di rastrellamento degli ex prigionieri angloamericani fuggiti dai campi di concentramento, alla fine di novembre era stato inviato in provincia di Brescia e nel mese di dicembre in provincia di Vercelli. Nel frattempo Zuccari era stato promosso al grado di 1o seniore. Il reparto si era arreso il 3 maggio 1945, in provincia di Trento: il suo comandante era fuggito e in seguito era riparato in Argentina, da dove rimpatriò in seguito all’amnistia del luglio 1959 e morì a Montefano il 5 dicembre dello stesso anno.

    Note procedimento Questo episodio non rientra fra i capi d’imputazione al processo contro Merico Zuccari e altri celebrato nel 1952

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Mosso, cimitero di Santa Liberata

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Mosso, cimitero di Santa Liberata

    Descrizione: Lapide Mosso santa Maria, esterno cimitero, con nomi delle vittime e scritta “Mosso S.Maria ai Martiri per la Lotta di Liberazione Nazionale Cavasso (sic, recte Gavasso) Antonio di anni 18 Camerlo Palmino \" 18 Lanza Corrado \" 18 Crestani Frances

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Commemorazione annuale Anpi Alta Valle Strona

Bibliografia


Luigi Moranino, Il primo inverno dei partigiani biellese, Isrsc Bi-Vc, Borgosesia, 1994; poi, 2a edizione in formato elettronico, 2010

Anello Poma, Gianni Perona, La Resistenza nel Biellese, Parma, Guanda, 1972; Biella, Giovannacci, 1978
Claudio Dellavalle, Operai, industriali e partito comunista nel Biellese. 1940-45,Milano, Feltrinelli, 1978

Sitografia


https://picasaweb.google.com/gualaluciano/BIELLESERIBELLE#5330871163367950802

Fonti archivistiche

Fonti

Isrsc Bi-Vc, banca dati del partigianato piemontese
Archivio di Stato di Vercelli, Prefettura repubblicana 1943-45, Gabinetto, mazzo 66