CARTIERA, OVARO, 31.12.1944

(Udine - Friuli-Venezia Giulia)

CARTIERA, OVARO, 31.12.1944

CARTIERA, OVARO, 31.12.1944
Descrizione

Località Cartiera di Ovaro, Ovaro, Udine, Friuli-Venezia Giulia

Data 31 dicembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: Alle prime luci del giorno del 31 dicembre 1944, un soldato cosacco tentò di violentare una ragazza di diciannove anni, Lucia Zuliani, mentre la giovane donna si stava recando al lavoro presso la locale cartiera. La ragazza riuscì a sfuggire alle brame del militare e ad allontanarsi da lui, ma questi, certamente per vendicarsi, le sparò con il suo fucile. La ragazza morì poco dopo a causa delle ferite riportate, ma prima di spirare riuscì a pronunciare poche parole per spiegare quanto era accaduto. Tale evento, com’è facilmente comprensibile, destò notevole sconcerto nella popolazione locale, tanto che il soldato cosacco ritenuto colpevole della tentata violenza e del conseguente assassinio venne immediatamente denunciato al Comando del presidio delle truppe d’occupazione. Questo poté accadere perché il militare fu riconosciuto da alcune persone del luogo.
In seguito il militare venne arrestato in forza delle accuse che gli vennero contestate, ma la popolazione non poté sapere quali provvedimenti furono presi a suo carico. Pier Arrigo Carnier, che nel suo libro L’armata cosacca in Italia riporta che la giovane ragazza di Ovaro venne assassinata «per non aver ceduto a proposte amorose [sic!]», asserisce che il soldato venne successivamente processato dal proprio Tribunale militare; il processo venne celebrato il 13 febbraio 1945 a Comeglians presso l’albergo Raber e si chiuse con il proscioglimento dell’imputato dalle accuse che gli venivano contestate.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: stupro

Tipo di massacro: violenze di genere

Estremi e note penali: nessun procedimento noto

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): L’episodio è spesso citato per attestare la misura della violenza portata dalle truppe cosacche nelle zone da loro occupate.

Scheda compilata da Fabio Verardo
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-10-26 11:15:43

Vittime

Elenco vittime

Zuliani Lucia, di Giovanni e Gressani Giacoma; nata il 28/10/1925. Nata e residente ad Ovaro, nubile. Professione cartaia. Salma tumulata ad Ovaro.

Elenco vittime civili 1

Zuliani Lucia

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Pier Arrigo Carnier, L’armata cosacca in Italia 1944-1945, Mursia, Milano 1998.
Michele Gortani, Il martirio della Carnia dal 14 marzo 1944 al 6 maggio 1945, «Carnia», Tolmezzo (Ud) 1966.
Alessandro Ivanov, Cosacchi perduti. Dal Friuli all’URSS 1944-1945, Aviani & Aviani, Tricesimo (Ud) 1989.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Gortani, Museo Carnico delle Arti popolari “Michele Gortani”, Fondo Guerra 1940-1945, b. 47, fascicolo Reazioni sulla situazione dei Comuni dipendenti dall’occupazione Russa 1944-1945, Lettera del Municipio di Ovaro a Michele Gortani, 8 gennaio 1945.
IRSMLFVG, Fondo Friuli, b. CXL, fascicolo 2, Relazione di Michele Gortani al Deutsch Berater per la Provincia del Friuli (Allegato 6), 12 febbraio 1945.