Monte dei Sospiri, Apecchio, 19.05.1944

(Pesaro e Urbino - Marche)

Monte dei Sospiri, Apecchio, 19.05.1944

Monte dei Sospiri, Apecchio, 19.05.1944
Descrizione

Località Monte dei Sospiri, Apecchio, Pesaro e Urbino, Marche

Data 19 maggio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: Giornelli Giorgio, n. a Forlì il 29/07/1926, di Umberto e Morici Gina, studente, qualifica Partigiano caduto, V Brigata Pesaro (20/04/1944 – 19/05/1944), grado Comandante distaccamento – Sotto tenente, riconosciutagli il 07/05/1946 ad Ancona.
Palleri Zeno, n. ad Apecchio il 04/08/1926, di Luigi e Maffei Brigida, contadino, qualifica Partigiano caduto, distaccamento Gramsci (20/03/1944 – 19/05/1944), grado Ispettore organizzativo – Sotto tenente, riconosciutagli il 21/02/1946 ad Ancona.
Rebiscini Cleto, n. ad Apecchio il 15/02/1927, di Abramo e Bartolini Giuseppina, contadino, qualifica Partigiano caduto, distaccamento Gramsci (20/03/1944 – 19/05/1944), grado Tenente, riconosciutagli il 21/02/1946 ad Ancona.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-23 22:19:08

Vittime

Elenco vittime

Era l’alba del 19 maggio 1944 quando, nella zona montana di Apecchio reparti di polizia e SS furono impegnati in un imponente operazione di rastrellamento volta a colpire i distaccamenti Picelli, Gasparini e Stalingrado. Sul costone orientale del Monte Cisterna si consumarono diverse ore di accaniti combattimenti nei quali fu fatto uso anche di mortai da ambo le parti. Ma infine i partigiani, rendendosi conto che il nemico si stava muovendo in una manovra di accerchiamento, decisero di sganciarsi rapidamente verso nord, in direzione di Carpegna. Inseguiti inutilmente, grazie alla boscaglia e all’accidentalità della zona impervia, riuscirono a far perdere le loro tracce. Solo tre partigiani, appartenenti alla Brigata Garibaldi – 3° zona Marche, Giorgio Giornelli, Zeno Palleri e Cleto Ribiscini, furono catturati e tradotti ad Apecchio. Vennero interrogati dal comandante tedesco e per suo stesso ordine, fucilati nelle immediate vicinanze. I loro cadaveri furono subito rimossi e seppelliti al cimitero locale.

Elenco vittime partigiani 3

Giornelli Giorgio,
Palleri Zeno,
Rebiscini Cleto

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Comitato provinciale dell'ANPI Pesaro (a cura di), Secondo risorgimento: Albo d'oro dei caduti nella lotta di liberazione della provincia di Pesaro e Urbino, 1943-1944, Societa Tipografica modenese, Modena s.d.
Ivan Tognarini (a cura di), L'Appennino del '44: eccidi e protagonisti sulla Linea Gotica, Le balze, Montepulciano 2005.
La 5° Brigata Garibaldi "Pesaro", Centro stampa Provincia di Pesaro e Urbino, Pesaro stampa 1980.
Sandro Severi, Il Montefeltro tra guerra e liberazione 1940 – 1945, Società di Studi Storici per il Montefeltro, San Leo 1997.
Umberto Marini, La resistenza nel Candigliano, Metauro, Fossombrone 2000.
Relazione sulla costituzione e attività della Brigata "Garibaldi-Pesaro", Comune di Pesaro, Pesaro 1974.
Zeno Viggiani, L'incoscienza ... di Zeno. Racconti di un ragazzo in tempo di guerra, S.l., s.n., 2013.

Sitografia


www.storiamarche900.it/main?p=storia_territorio_sant%27angeloinvado

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Centrale dello Stato, Fondo Ricompart - Ufficio per il servizio riconoscimento qualifiche e per le ricompense ai partigiani, Marche, schedario e pratica:
n. 2515 (Giornelli Giorgio);
n. 19586 (Rebiscini Cleto);
n. 19587 (Palleri Zeno).
Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche (in copia), Notiziari GNR, E/2, b. 1, fasc. D, “Attività ribelli – Pesaro 14.6.1944”.
Bundesarchiv, Berlino, R 70 Italien/24; /25, p. 73.
Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, N 1/11, b. 2132.
Procura Generale Territoriale La Spezia, CPI, f. 49/16.