Monte dei Sospiri, Apecchio, 19.05.1944

(Pesaro e Urbino - Marche)

Monte dei Sospiri, Apecchio, 19.05.1944

Monte dei Sospiri, Apecchio, 19.05.1944
Descrizione

Località Monte dei Sospiri, Apecchio, Pesaro e Urbino, Marche

Data 19 maggio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: Giornelli Giorgio, n. a Forlì il 29/07/1926, di Umberto e Morici Gina, studente, qualifica Partigiano caduto, V Brigata Pesaro (20/04/1944 – 19/05/1944), grado Comandante distaccamento – Sotto tenente, riconosciutagli il 07/05/1946 ad Ancona.
Palleri Zeno, n. ad Apecchio il 04/08/1926, di Luigi e Maffei Brigida, contadino, qualifica Partigiano caduto, distaccamento Gramsci (20/03/1944 – 19/05/1944), grado Ispettore organizzativo – Sotto tenente, riconosciutagli il 21/02/1946 ad Ancona.
Rebiscini Cleto, n. ad Apecchio il 15/02/1927, di Abramo e Bartolini Giuseppina, contadino, qualifica Partigiano caduto, distaccamento Gramsci (20/03/1944 – 19/05/1944), grado Tenente, riconosciutagli il 21/02/1946 ad Ancona.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rastrellamento
--> Per saperne di più sulle tipologie

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-23 22:19:08

Vittime

Elenco vittime

Era l’alba del 19 maggio 1944 quando, nella zona montana di Apecchio reparti di polizia e SS furono impegnati in un imponente operazione di rastrellamento volta a colpire i distaccamenti Picelli, Gasparini e Stalingrado. Sul costone orientale del Monte Cisterna si consumarono diverse ore di accaniti combattimenti nei quali fu fatto uso anche di mortai da ambo le parti. Ma infine i partigiani, rendendosi conto che il nemico si stava muovendo in una manovra di accerchiamento, decisero di sganciarsi rapidamente verso nord, in direzione di Carpegna. Inseguiti inutilmente, grazie alla boscaglia e all’accidentalità della zona impervia, riuscirono a far perdere le loro tracce. Solo tre partigiani, appartenenti alla Brigata Garibaldi – 3° zona Marche, Giorgio Giornelli, Zeno Palleri e Cleto Ribiscini, furono catturati e tradotti ad Apecchio. Vennero interrogati dal comandante tedesco e per suo stesso ordine, fucilati nelle immediate vicinanze. I loro cadaveri furono subito rimossi e seppelliti al cimitero locale.

Elenco vittime partigiani 3

Giornelli Giorgio,
Palleri Zeno,
Rebiscini Cleto

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Comitato provinciale dell'ANPI Pesaro (a cura di), Secondo risorgimento: Albo d'oro dei caduti nella lotta di liberazione della provincia di Pesaro e Urbino, 1943-1944, Societa Tipografica modenese, Modena s.d.
Ivan Tognarini (a cura di), L'Appennino del '44: eccidi e protagonisti sulla Linea Gotica, Le balze, Montepulciano 2005.
La 5° Brigata Garibaldi "Pesaro", Centro stampa Provincia di Pesaro e Urbino, Pesaro stampa 1980.
Sandro Severi, Il Montefeltro tra guerra e liberazione 1940 – 1945, Società di Studi Storici per il Montefeltro, San Leo 1997.
Umberto Marini, La resistenza nel Candigliano, Metauro, Fossombrone 2000.
Relazione sulla costituzione e attività della Brigata "Garibaldi-Pesaro", Comune di Pesaro, Pesaro 1974.
Zeno Viggiani, L'incoscienza ... di Zeno. Racconti di un ragazzo in tempo di guerra, S.l., s.n., 2013.

Sitografia


www.storiamarche900.it/main?p=storia_territorio_sant%27angeloinvado

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Centrale dello Stato, Fondo Ricompart - Ufficio per il servizio riconoscimento qualifiche e per le ricompense ai partigiani, Marche, schedario e pratica:
n. 2515 (Giornelli Giorgio);
n. 19586 (Rebiscini Cleto);
n. 19587 (Palleri Zeno).
Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche (in copia), Notiziari GNR, E/2, b. 1, fasc. D, “Attività ribelli – Pesaro 14.6.1944”.
Bundesarchiv, Berlino, R 70 Italien/24; /25, p. 73.
Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, N 1/11, b. 2132.
Procura Generale Territoriale La Spezia, CPI, f. 49/16.