Sforzacosta, Macerata, 20.12.1943

(Macerata - Marche)

Sforzacosta, Macerata, 20.12.1943

Sforzacosta, Macerata, 20.12.1943
Descrizione

Località Sforzacosta, Macerata, Macerata, Marche

Data 20 dicembre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: L’attività partigiana svolta nella frazione di Frontale di Apiro ebbe notevole rilievo nel movimento di Resistenza nelle Marche. Diversi erano i gruppi che si muovevano in quella zona. Un primo nucleo partigiano si era costituito già alla fine del mese di settembre 1943. Suo comandante era Mario Batà: studente di ingegneria iscritto all’Università di Roma e, al tempo stesso, allievo ufficiale alla scuola centrale del genio militare che era stata trasferita da Civitavecchia a Macerata. In seguito all’occupazione della città, il 16 settembre 1943, cadde prigioniero dei tedeschi e aderì all’offerta collaborazionista, con l’idea di scappare appena si fosse creata l’occasione. Così fece e il 23 settembre era nel villaggio di Frontale, dove si erano andati rifugiando alcuni giovani anconetani e bolognesi. Nel corso delle settimane, Batà allacciò i collegamenti con gli altri gruppi operanti nella zona e con i locali Comitati di Liberazione, finché fu catturato dai fascisti il 15 novembre 1943 a Macerata, dove si trovava per cercare armi per il suo gruppo, presumibilmente a causa di una delazione su cui non si è mai fatta luce. In seguito fu trasferito al campo di internamento di Sforzacosta, dopo essere processato dal Tribunale tedesco di Guerra di Macerata. Lì fu fucilato il 20 dicembre legato a un palo da un plotone tedesco. Un interprete della polizia tedesca presente alla fucilazione dichiarò: “Ne ho visti tanti fucilare ma nessuno è stato tanto sereno e tranquillo come lui”.
Fu il primo comandante caduto nelle Marche. Prima di morire scrisse una lettera alla famiglia: “Cari genitori, il vostro Mario, quando riceverete questa lettera, non sarà più nel mondo dei vivi. La così detta giustizia umana ha troncato la sua vita nel mondo dei vivi. Non piangete, non disperatevi, io sarò sempre vicino a voi e vi verrò spesso a trovare. Pensate che non sono morto, ma sono vivo, vivo nel mondo della verità. Mamma, papà, Maria, non addio, arrivederci. La mia anima sta per iniziare una nuova vita nella nuova era. Desidero che la mia stanza rimanga com’è… io verrò spesso. Perdonatemi se ho preposto la Patria a voi. Arrivederci Vostro Mario”.
Nell’Ascolano un battaglione prenderà il suo nome.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-09-28 12:48:10

Vittime

Elenco vittime

Batà Mario, n. 1917 a Roma, studente in ingegneria, qualifica di Partigiano comb. Caduto, Gruppo Porcarella (23/09/1943 – 20/10/1943), gradi Vice comandante di Brigata 12° Divisione Ancona – Sergente.

Elenco vittime partigiani 1

Betà Mario

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


AA.VV., Tolentino e la resistenza nel Maceratese, Accademia Filelfica, Tolentino 1964, p. 218-219.
Mario Batà, in Enciclopedia dell’Antifascismo e della resistenza, I volume, La Pietra 1968.
Ruggero Giacomini, Ribelli e partigiani. La Resistenza nelle Marche 1943-1944, Affinità elettive, Ancona 2008.
Pietro Malvezzi, Giovanni Pirelli (a cura di), Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana (8 settembre 1943-25 aprile 1945), Einaudi, Torino 2003.
Un eroe. Mario Batà, in «Gazzetta delle Marche», n. 7, 9 agosto 1944.

Sitografia


www.anpi.it/donne-e-uomini/mario-bata/
www.storiamarche900.it/main?p=storia_territorio_sforzacosta
Mario Batà, in Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana [http://www.ultimelettere.it/?page_id=35&ricerca=757], url consultata il 28 settembre 2018

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Centrale dello Stato, Fondo Ricompart - Ufficio per il servizio riconoscimento qualifiche e per le ricompense ai partigiani, Marche, schedario e pratica n. 166 (trasmessa al Distretto militare di Roma 02/07/1959).
Archivio dell’istituto per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Macerata, fondo Anpi di San Severino, “Carte varie sulla Resistenza nel maceratese 1943-1975”, b. 1, f. 3.
Archivio dell’istituto per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Macerata, fondo Fascicoli personali, “Mario Batà”, b. 1, f. 7.