Trevi nel Lazio, 01.05.1944

(Frosinone - Lazio)

Trevi nel Lazio, 01.05.1944

Trevi nel Lazio, 01.05.1944
Descrizione

Località Trevi nel Lazio, Trevi nel Lazio, Frosinone, Lazio

Data 1 maggio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Durante lo stazionamento del fronte di guerra sulla linea Gustav, il paese di Trevi nel Lazio è utilizzato dalle forze tedesche come zona di riposo per le truppe impegnate nel settore di Cassino. Numerosi reparti vi si alternano nel tempo, senza dare adito a particolari episodi di violenza. Nella zona hanno trovato riparo anche molti sfollati e profughi provenienti dalla linea del fronte e da altre regioni, mentre la popolazione nasconde e dà riparo ad alcuni ex prigionieri di guerra alleati. Una piccola formazione partigiana guidata dal capitano Giocondo Caponi opera nel territorio comunale creando qualche disturbo alle truppe di occupazione, riuscendo a passare informazioni oltre le linee e persino trasmettendo dal paese con un apparecchio radio. Ciò non sembra però sul momento creare situazioni di eccessivo pericolo. Alla fine di aprile, l’ultimo reggimento tedesco di stanza a Trevi lascia il paese dando la sensazione del definitivo ritiro degli occupanti. In realtà, forse a seguito di una delazione di un abitante del posto oppure a causa delle informazioni carpite da due soldati tedeschi spacciatisi per prigionieri alleati, la mattina del 1° maggio forze tedesche occupano in massa il paese, ne rastrellano la popolazione concentrandola fuori dell’abitato in località San Biagio o Terravalle e avviano meticolose perquisizioni casa per casa in cerca dei prigionieri alleati nascosti e della radio trasmittente. Mentre saccheggi e devastazioni accompagnano le ricerche dei tedeschi, il giovane Armando Caponi viene freddato con colpi d’arma da fuoco a seguito di un tentativo di fuga. Dopo aver inscenato la fucilazione di Angelo D’Ottavi (nella cui casa era stata rinvenuta la ricetrasmittente), del maresciallo Sarni, del carabiniere Corsaro e del podestà di Trevi Silviero Benassi, i tedeschi conducono la popolazione di nuovo in paese e la concentrano entro la chiesa collegiata di S. Maria Assunta, dove rimane trattenuta fino a tarda sera. Ulteriori violenze vengono scongiurate dall’intervento del parroco don Sandro Sibilia e, alla fine, i tedeschi abbandonano il paese deportando però alcuni dei fermati, tra i quali il D’Ottavi e Ildebrando Del Signore. Il corpo del Caponi, per tutto il tempo in cui i tedeschi conducono le operazioni in paese, è rimasto a terra sul luogo dell’uccisione guardato a vista da una sentinella tedesca. Solo a tarda sera i familiari riescono a recuperarne le spoglie.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: deportazione della popolazione,furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: rastrellamento
--> Per saperne di più sulle tipologie

Scheda compilata da Francesco Fusi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2019-08-06 14:57:55

Vittime

Elenco vittime

Caponi Armando di Mariano Domenico, nato nel 1924, pastore.

Elenco vittime civili 1

Caponi Armando

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Trevi nel Lazio

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Trevi nel Lazio

    Descrizione: Una lapide in memoria di Armando Caponi è stata collocata nel luogo in cui venne ucciso

Bibliografia


- Giuseppe Panimolle, La Resistenza nell’alta Val d’Aniene, Tipografia Garroni, Roma 1966, pp. 109-112.
- Gioacchino Giammaria, Luigi Gulia, Costantino Iadecola (a cura di), Guerra di Liberazione Dopoguerra in Ciociaria 1943-45, Amministrazione Provinciale di Frosinone, Frosinone 1985, p. 173.
- Marco De Nicolò e Antonio Parisella, Cronologi essenziale della Resistenza a Roma e nel Lazio (luglio 1943-giugno 1944), in Maria Letizi D’Autilia, Marco De Nicolò, Maria Galloro, Roma e Lazio 1930-1950. Guida per le ricerche. Fascismo, antifascismo, guerra, resistenza, dopoguerra, a cura di Antonio Parisella, FrancoAngeli, Milano 1994, p. 548.
- Tommaso Baris, Tra due fuochi. Esperienza e meoria della guerra lungo la linea Gustav, Editori Laterza, Roma-Bari 2003, pp. 20-21.

Sitografia


http://www.memoriedipaese.it/trevi-nel-lazio/

Fonti archivistiche

Fonti