Mortè (Chiusa di Pesio), 12.11.1944

(Cuneo - Piemonte)

Mortè (Chiusa di Pesio), 12.11.1944

Mortè (Chiusa di Pesio), 12.11.1944
Descrizione

Località Mortè, Chiusa di Pesio, Cuneo, Piemonte

Data 12 novembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: L’11 novembre Antonio Guerriero e Michele Molineris sono inviati dai superiori a Chiusa Pesio (CN) per verificare la presenza di truppe germaniche in paese. Coinvolti in uno scontro a fuoco, rimangono senza munizioni e vengono catturati. Il giorno successivo i due partigiani vengono condotti in località Mortè e fucilati dai nazisti.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo
--> Per saperne di più sulle tipologie

Scheda compilata da Igor Pizzirusso
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-12-28 21:16:22

Vittime

Elenco vittime

1. Antonio Guerriero, nato l’11 aprile 1923 a Torino. Residente a Fossano (CN) con la famiglia. Arruolato nell’esercito come allievo ufficiale, dopo l’8 settembre ritorna a Fossano e si unisce alle bande partigiane della Valle Stura. Comandante di una squadra della 1ª Divisione GL (Giustizia e Libertà), poi assume il comando di un distaccamento della 3ª Divisione Alpi (in Val Pesio), appartenente al Gruppo divisioni R di controspionaggio. Nome di battaglia: Bill.
2. Michele Molineris, nato il 2 aprile 1926 a Fossano (CN) e ivi residente. Unitosi al movimento partigiano, entra a far parte del Gruppo divisioni R. Nome di battaglia: John.

Elenco vittime partigiani 2

Antonio Guerriero,
Michele Molineris,

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


• La Resistenza a Fossano, Fossano (CN), ANPI di Fossano, 1975, pp. 24, 40-42
• I nostri martiri. Antonio Guerriero in "Il Cavour", Torino, 3 febbraio 1946

Sitografia


• Antonio Guerriero (Bill), in Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana [http://www.ultimelettere.it/?page_id=35&ricerca= 726], url consultata il 28 settembre 2018

Fonti archivistiche

Fonti

• Istituto Nazionale Ferruccio Parri - Milano, Fondo Corpo volontari della libertà, b. 166, fasc. 538