FRASSINA, GREVE IN CHIANTI, 22.07.1944

(Firenze - Toscana)

FRASSINA, GREVE IN CHIANTI, 22.07.1944

FRASSINA, GREVE IN CHIANTI, 22.07.1944
Descrizione

Località Frassina, Greve in Chianti, Firenze, Toscana

Data 22 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: Attorno agli abitati di Dudda e Lucolena, posti in un'area di confine strategica tra i rilievi del Chianti e del Valdarno Superiore, nell'ultima decade di luglio le truppe tedesche della 356. Divisione di fanteria avviano in vista dell'imminente ripiegamento verso Firenze una serie di requisizioni a danno della locale popolazione rurale. Il contesto contingente di rapida avanzata del fronte di guerra (l'area di Dudda sarà liberata attorno al 26 luglio, mentre il resto del comune entro il 28) e la presenza nella zona del Monte Scalari dei partigiani della 22° Brigata Bis Sinigaglia hanno già dato corso nell'area a episodi di violenze e uccisioni. Il 22 luglio, Pietro Olmastroni, contadino del podere “Giuncaie” della fattoria di Querceto, viene ucciso a ora imprecisata in località Frassina, nel popolo di S. Maria alla Canonica di Pitignano, mentre si reca nel bosco per governare le bestie che lì aveva nascosto in precedenza per preservarle dalle razzie tedesche. Nei giorni seguenti, altri civili saranno uccisi nella zona nel contesto di requisizioni.

Modalità di uccisione: INDEFINITA

Tipo di massacro: indefinita

Scheda compilata da Francesco Fusi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-12-05 12:54:09

Vittime

Elenco vittime

1. Olmastroni Pietro, nato a Figline Valdarno (Firenze) il 14 /03/1876, mezzadro del podere “Giuncaie” dell\'amministrazione della fattoria di Querceto.

Elenco vittime civili 1

Olmastroni Pietro

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


356. Infanterie Division


Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • commemorazione a Greve in Chianti, località “La Panca”

    Tipo di memoria: commemorazione

    Ubicazione: Greve in Chianti, località “La Panca”

    Descrizione: In località La Panca, in occasione dell\'anniversario della liberazione del Comune (in luglio), l\'amministrazione comunale di Greve in Chianti organizza annualmente con l\'intervento dei familiari delle vittime, i rappresentanti dell\'Arma e delle associazioni combattentistiche, una commemorazione delle 22 vittime civili complessive cadute nei vari eccidi compiuti durante l\'estate del 1944 nel territorio comunale. La cerimonia si conclude con la deposizione di una corona sul monumento ai caduti.

  • monumento a Greve in Chianti

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Greve in Chianti

    Anno di realizzazione: 1994

    Descrizione: Il nome di Pietro Olmastroni è ricordato anche nel monumento a ricordo dei caduti del comune di Greve in Chianti inaugurato nel 1994 in località “La Panca”, opera della scultrice Maria Rosa Mazzantini.

  • lapide a Querceto

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Querceto

    Descrizione: Il nome di Pietro Olmastroni è ricordato su di una lapide posta nel dopoguerra su di un muro perimetrale del castello di Querceto, nella quale si ricordano le vittime della strage compiuta a Querceto il 24 luglio 1944. L\'Olmastroni, infatti, era un mezzadro della fattoria di Querceto.

Bibliografia


- Carlo Baldini, La seconda guerra mondiale da Greve in Chianti a Firenze. Sulla strada del cuore, vol. III, Edizioni Polistampa, Firenze, 1994, pp. 1361.

Sitografia


http://resistenzatoscana.org/monumenti/greve_in_chianti/lapide_della_fattoria_di_querceto/
http://resistenzatoscana.org/monumenti/greve_in_chianti/monumento_della_panca/

Fonti archivistiche

Fonti