Valle Zancati, Paliano, 16.05.1944

(Frosinone - Lazio)

Valle Zancati, Paliano, 16.05.1944

Valle Zancati, Paliano, 16.05.1944
Descrizione

Località Valle Zancati, Paliano, Frosinone, Lazio

Data 16 maggio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il 28 gennaio 1944 un gruppo di tedeschi, dopo aver razziato 18 capi di bestiame in contrada Camarrone di Castro dei Volsci (FR), viene fatto segno a colpi di arma da fuoco da parte di alcuni sfollati organizzati e guidati dal giovane cepranese Franco Valeri, i quali circondando la pattuglia tedesca e la disarmano dopo un breve combattimento. I soldati catturati, tra cui si contano due feriti, vengono presto rilasciati, ma all'alba del 30 gennaio, duecento tedeschi rastrellano a tappeto tutta l'area nel triangolo Castro dei Volsci-Ceprano-Falvaterra, fermando ottanta persone che vengono prima portate al comando tedesco – situato tra Ripi e Ceprano – e poi rinchiuse nel convento dei Carmelitani di Ceprano. Dopo i primi accertamenti, il giorno seguente il fermo si tramuta in arresto e tutti quanti sono trasferiti ad Arce, dopodiché, il 1° febbraio, gli arrestati vengono tradotti nel carcere di Paliano. Accertate le responsabilità, Alfredo Andreozzi, Giovanni Ricci, Giovanni Ceccarelli, Costantino Valeri, Francesco Rossi, Antonio Ricci e Luigi Ignagni vengono messi sottoprocesso che viene celebrato all’interno del carcere di Paliano da ufficiali del tribunale militare di Velletri in due udienze: il 28 marzo e il 14 aprile. Accusati di essere gli autori dell’attentato del 28 gennaio contro militari germanici, Andreozzi, Ricci Giovanni, Ceccarelli e Valeri vengono condannati a morte mediante fucilazione. Rossi, Ignagni e Ricci Antonio si salvano perché dimostrano di aver combattuto nella Campagna di Russia a fianco degli (ex) alleati tedeschi, e di essere stati decorati proprio da quest’ultimi, ma vengono condannati a pene variabili tra i sei e i dieci anni di lavori forzati in Germania. La sentenza però, è soltanto rinviata, perché il giudizio è rimesso alle decisioni del feldmaresciallo Kesselring, il quale conferma la prima ma rigetta la seconda perché, dice, è troppo mite. Ricomparsi davanti al tribunale militare, questa volta Ignagni, Ricci e Rossi vengono condannati a morte, ma solo i primi due riescono, per ignote ragioni, a scampare all’esecuzione. Alle 3 di notte del 16 maggio ‘44, Francesco Rossi viene prelevato dal carcere di Paliano e portato in contrada Santa Maria Pugliano, da lì a piedi fino alla cava di pozzolana in località Valle Zancati, dove era già stata scavata la fossa. Alle 4:30 cadeva colpito dalla scarica del plotone d’esecuzione.

Modalità di uccisione: fucilazione

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: punitivo
--> Per saperne di più sulle tipologie

Scheda compilata da Roberto Salvatori
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-07-11 12:38:05

Vittime

Elenco vittime

1. ROSSI Francesco, nato il 24 novembre 1920 (anni 23). Nato e residente a Ceprano (FR). Ex soldato, reduce della Campagna di Russia.

Elenco vittime civili 1

ROSSI Francesco

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


R. SALVATORI, Guerra e Resistenza a sud di Roma. Monti Prenestini e alta Valle del Sacco, 8 settembre 1943-5 giugno 1944, pp. 169-171, 184-185.
N. MARIANECCI, La 2a guerra mondiale nella zona prenestina: passaggio per Cave. E.d.a., Cave (RM) 1945, pp. 30-31.
C. JADECOLA, Linea Gustav. Centro studi sorani, Sora 1994, pp. 75-76.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti