CORTECCHIO CASTEL DEL RIO 23.02.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

CORTECCHIO CASTEL DEL RIO 23.02.1944

CORTECCHIO CASTEL DEL RIO 23.02.1944
Descrizione

Località Cortecchio, Castel del Rio, Bologna, Emilia-Romagna

Data 23 febbraio 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: Tra il 1943 e il 1944 gli antifascisti imolesi, in particolare i comunisti, puntarono sulla creazione di formazioni combattenti sull’Appennino imolese, in contrasto con quanto stabilito dai vertici del Pci di Bologna che ritenevano la regione inadatta allo sviluppo della Resistenza e preferirono inviare i futuri partigiani bolognesi sulle Prealpi Venete. La zona del Monte Faggiola al confine tra Emilia-Romagna e Toscana fu individuata come un luogo adatto per l’insediamento dei primi gruppi di imolesi e bolognesi che ebbero una prima base nella casa colonica abbandonata denominata l’Albergo a Cortecchio (BO). Da questi gruppi, poco armati ed equipaggiati e in via di organizzazione, sarebbero venute forze alla futura 8ª brigata Garibaldi Romagna, attiva nel Forlivese, e alla 36ª brigata Garibaldi Bianconcini, attiva tra l’Imolese e la Toscana. Verso la fine di febbraio del 1944 la Gnr di Imola e quella di Faenza organizzarono un rastrellamento nella zona di Cortecchio, dove ritenevano che si trovassero dei gruppi armati di oppositori. Quattro colonne di circa 60 uomini l’una, partendo da Palazzuolo sul Senio, Castel del Rio, Coniale e Badia di Susinana, salirono verso l’Albergo. Solo una delle colonne riuscì a raggiungere effettivamente la località a causa della neve e la mattina del 23 febbraio 1944 attaccò la casa. Alcuni dei partigiani presenti erano usciti per prelevare viveri, altri riuscirono ad uscire e ad allontanarsi dopo l’attacco fascista, mentre quattro giovani (Dante Cassani, Germano Giovannini, Romano Mazza e Luigi Zauli) restarono all’interno tentando di resistere. Negli scontri a fuoco i partigiani uccisero il caposquadra della Gnr di Imola Primo Brini. I fascisti incendiarono il fienile adiacente alla casa e catturarono i quattro giovani, uccidendo Cassani e Zauli. I militi della Gnr derubarono e spogliarono i cadaveri, li presero a sputi e calci e li trascinarono nella neve per poi abbandonarli. I loro corpi furono raccolti dai contadini del luogo, in contrasto con gli ordini dei fascisti, e tumulati nel cimitero di Badia di Susinana. La salma di Cassani fu poi traslata al cimitero di Bubano (BO). Gli altri due partigiani presenti nell’Albergo – Mazza, ferito, e Giovannini – vennero catturati, picchiati e costretti a camminare scalzi nella neve trasportando il corpo del caposquadra Brini a valle. Furono poi incarcerati a Imola (BO) e successivamente trasferiti a Bologna e a Castelfranco Emilia (MO). Entrambi riuscirono a fuggire dalla prigione e continuarono a combattere nelle formazioni partigiane ed entrambi furono uccisi in circostanze diverse: Giovannini nello scontro di Rasiglio dell’8 ottobre 1944 (v. Episodio di Piazza Matteotti, Casalecchio di Reno (BO), 10 ottobre 1944) e Mazza al poligono di tiro di Bologna il 13 dicembre 1944 (v. Episodio Poligono di tiro Bologna, 13 dicembre 1944).

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: - Procedimento contro Masi Ezio davanti alla Corte d’Assise straordinaria Bologna, conclusosi con sentenza di condanna a 8 anni e 4 mesi di reclusione per collaborazionismo il 19/07/1945. Masi, iscritto al Pfr, appartenente ai paracadutisti, collaboratore del segretario del fascio di Castel del Rio, fu accusato di aver fatto da guida a una delle colonne che dovevano prendere parte al rastrellamento di Cortecchio. Affermò di aver smarrito la strada e che la sua colonna arrivò all’Albergo ad azione ormai conclusa e non prese parte agli scontri a fuoco, ma fu comunque condannato alla pena minima e con concessione di attenuanti data la levità della collaborazione. Masi ricorse in Cassazione, ma il ricorso fu rigettato. Con sentenza 23/08/1946 la Cassazione dichiarò cessata l’esecuzione della sentenza per amnistia.

Annotazioni: Secondo il manifesto dei fascisti imolesi che diede notizia del rastrellamento e della morte di Primo Brini il rastrellamento operato dalla Gnr era stato ordinato dalla polizia tedesca di Bologna. Anche l’imputato Ezio Masi accusato di aver fatto da guida ad una colonna parlò di un’operazione mista di tedeschi e fascisti; in particolare la colonna che doveva guidare Masi era composta di carabinieri, gendarmi tedeschi e militi della Gnr.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): La notizia della morte di Cassani e Zauli fu data da un volantino del Cln imolese del 26 febbraio 1944, nonché da un manifesto fascista che parlò dello scontro di Cortecchio per ricordare il caposquadra Primo Brini della Gnr.

Scheda compilata da ROBERTA MIRA
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-04-29 14:25:44

Vittime

Elenco vittime

Cassani Dante “Gario”, nato a Bubano (BO) il 26/08/1925, apprendista sarto. Appartenente ai primi gruppi saliti sull’Appennino imolese che avrebbero dato vita alla 36ª brigata Garibaldi Bianconcini, fu riconosciuto partigiano nella 36ª dal 17/01/1944 al 20/02/1944.
Zauli Luigi “Libero”, nato a Riolo Terme (RA) il 13/04/1926, casante. Appartenente ai primi gruppi saliti sull’Appennino imolese che avrebbero dato vita alla 36ª brigata Garibaldi Bianconcini, fu riconosciuto partigiano nella 36ª dall’11/01/1944 al 28/02/1944.

Elenco vittime partigiani 2

Cassani Dante “Gario”
Zauli Luigi “Libero”

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


GNR Imola

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Gnr di Faenza

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Ezio Masi

    Nome Ezio

    Cognome Masi

    Ruolo nella strage Delatore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento - Procedimento contro Masi Ezio davanti alla Corte d’Assise straordinaria Bologna, conclusosi con sentenza di condanna a 8 anni e 4 mesi di reclusione per collaborazionismo il 19/07/1945. Masi, iscritto al Pfr, appartenente ai paracadutisti, collaboratore del segretario del fascio di Castel del Rio, fu accusato di aver fatto da guida a una delle colonne che dovevano prendere parte al rastrellamento di Cortecchio. Affermò di aver smarrito la strada e che la sua colonna arrivò all’Albergo ad azione ormai conclusa e non prese parte agli scontri a fuoco, ma fu comunque condannato alla pena minima e con concessione di attenuanti data la levità della collaborazione. Masi ricorse in Cassazione, ma il ricorso fu rigettato. Con sentenza 23/08/1946 la Cassazione dichiarò cessata l’esecuzione della sentenza per amnistia.

  • Primo Brini

    Nome Primo

    Cognome Brini

    Ruolo nella strage Autore

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR Imola

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Bologna, piazza del Nettuno

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bologna, piazza del Nettuno

    Descrizione: sacrario dei caduti partigiani; vi compaiono Cassani e Zauli, uccisi il 23/02/1944, e Mazza e Giovannini, uccisi rispettivamente il 13/12/1944 e l’08/10/1944.

  • monumento a Bubano (BO), piazza Dante Cassani

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bubano (BO), piazza Dante Cassani

    Descrizione: monumento ai caduti; l’epigrafe posta sotto la statua di un uomo che si libera dalle catene è dedicata a Dante Cassani a cui sono uniti i caduti di tutte le guerre, della Resistenza e dell’insurrezione.

  • monumento a Bubano, cimitero

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bubano, cimitero

    Descrizione: mausoleo di Dante Cassani.

  • lapide a Mordano (BO), torre comunale

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Mordano (BO), torre comunale

    Descrizione: lapide con i nominativi dei caduti e dispersi nella seconda guerra mondiale; vi compare Dante Cassani.

  • monumento a Palazzuolo sul Senio (FI), Monte Faggiola nei pressi del valico del Paretaio

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Palazzuolo sul Senio (FI), Monte Faggiola nei pressi del valico del Paretaio

    Descrizione: i nomi di Cassani e Zauli compaiono sulla stele dedicata ai partigiani della 36ª brigata Garibaldi.

  • luogo della memoria a Bubano

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Bubano

    Descrizione: una piazza è intitolata a Dante Cassani.

  • luogo della memoria a Riolo Terme

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Riolo Terme

    Descrizione: una via è intitolata a Luigi Zauli.

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Il 21 ottobre 1945 si svolsero a Imola i funerali collettivi dei partigiani imolesi caduti nella Resistenza con una grande partecipazione della cittadinanza.

Bibliografia


- Alessandro Albertazzi, Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. II, Dizionario biografico A-C, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1985, p. 467.
- Alessandro Albertazzi, Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. III, Dizionario biografico D-L, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1986, pp. 383-384.
- Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. IV, Dizionario biografico M-Q, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1995, p. 202.
- Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. V, Dizionario biografico R-Z, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1998, pp. 701-702.
- Giulia Dall’Olio, Marco Pelliconi, Alfiero Salieri, I segni della storia. Fatti e luoghi della Resistenza nel circondario imolese visti attraverso la toponomastica, i monumenti e le lapidi, Bacchilega, Imola, 2013, pp. 118-119, 158-159, 174.
- Nazario Galassi, Imola dal fascismo alla liberazione 1930-1945, University Press Bologna, Imola, 1995, pp. 283-291.
- Graziano Zappi “Mirco”, La rossa primavera. Esperienze di lotta partigiana sulla Faggiola, sul Falterona e nella Bassa Imolese, Galetai, Imola, 1985 pp. 57-72 e 351-354.

Sitografia


- Storia e memoria di Bologna:
Albergo di Cortecchio (luogo)
http://www.storiaememoriadibologna.it/albergo-di-cortecchio-214-luogo
Albergo di Cortecchio (evento)
http://www.storiaememoriadibologna.it/albergo-di-cortecchio-93-evento
Cassani Dante
http://www.storiaememoriadibologna.it/cassani-dante-478643-persona
Giovannini Germano
http://www.storiaememoriadibologna.it/giovannini-germano-478821-persona
Mazza Rossano
http://www.storiaememoriadibologna.it/mazza-rosano-rossano-478433-persona
Zauli Luigi
http://www.storiaememoriadibologna.it/zauli-luigi-480610-persona

Fonti archivistiche

Fonti

- ASBO, Corte d’Appello di Bologna, Penale, Corte d’Assise straordinaria, fasc. proc. n. 131/1945.
- ASBO, Corte d’Appello di Bologna, Penale, Corte d’Assise straordinaria, Sentenze, vol. 26, 1945, sentenza n. 54.
- CIDRA, Fototeca.