BISCIA CASTEL MAGGIORE 12.09.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

BISCIA CASTEL MAGGIORE 12.09.1944

BISCIA CASTEL MAGGIORE 12.09.1944
Descrizione

Località Biscia Castel Maggiore, Castel Maggiore, Bologna, Emilia-Romagna

Data 12 settembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 7

Numero vittime uomini 7

Numero vittime uomini adulti 7

Descrizione: Il 12 settembre 1944 alcuni partigiani di Castel Maggiore (BO) fermarono un camion tedesco lo requisirono e disarmarono i soldati tedeschi che erano a bordo lasciandoli liberi. Per rappresaglia i nazisti incendiarono un caseggiato in località Biscia di Castel Maggiore e fermarono sette uomini nei pressi dell’edificio (secondo una fonte le vittime abitavano nel caseggiato, secondo altra fonte erano stati fermati per strada). Si trattava di Dionigio Bordoni, Roberto Dezaiacomo, Calimero Donati, Domenico Guerri, Enrico Piva, Romano Stanzani e Gino Zanarini, tutti attivi nel movimento di opposizione e legati alla Resistenza, probabilmente individuati grazie ad una delazione. I fermati furono portati al comando tedesco alla villa Montaguti di Granarolo (BO), forse per essere interrogati, e poi, ricondotti alla Biscia, vennero uccisi.
L’azione tedesca portò ad un’ottava vittima: Cleto Scagliarini che, malato, fu portato fuori dall’edificio e lasciato sdraiato su di un materasso e che morì per l’aggravarsi delle sue condizioni.
La notizia della fucilazione dei sette uomini fu data da un volantino del Cln di Castel Maggiore che, denunciando la violenza nazista e fascista, esortava la popolazione a partecipare ad una giornata di lutto cittadino, i negozianti a tenere chiusi gli esercizi, gli operai, i braccianti, i contadini e tutti i cittadini ad astenersi dal lavoro.

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: incendio di abitazione

Tipo di massacro: rappresaglia
--> Per saperne di più sulle tipologie

Estremi e note penali: Presso Villa Montaguti aveva sede un comando tedesco di genieri; la cuoca del comando dichiarò davanti alla Corte d’Assise straordinaria di Bologna che gli ufficiali di stanza a Villa Montaguti concedevano a tedeschi di altri reparti (disse anche delle SS) l’autorizzazione per spostamenti, azioni e rastrellamenti nel territorio di loro competenza.
- Procedimento penale davanti alla Corte d’Assise straordinaria di Bologna contro Maccaferri Vittoria, cuoca del comando tedesco di villa Montaguti, accusata di delazione a danno delle vittime uccise a Biscia. La Maccaferri fu assolta per non aver commesso il fatto.

Annotazioni: - Il Dizionario dei partigiani bolognesi indica Cleto Scagliarini come morto di malattia il 13/09/1944; il suo nome però è tra quelli dei caduti partigiani nel registro dei caduti, nel cimitero e nel lapidario del Comune di Castel Maggiore, mentre non compare nel monumento in località Biscia.

Scheda compilata da ROBERTA MIRA
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-04-29 14:31:50

Vittime

Elenco vittime

- Bordoni Dionigio, nato a Minerbio (BO) il 02/03/1905, residente a Bologna, muratore. Comunista e oppositore durante il regime. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, dal 01/10/1944 al 12/09/1944.
- Dezaiacomo Roberto, nato a Bologna il 16/09/1906, residente a Castel Maggiore (BO), operaio. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, battaglione Cirillo, dal 10/07/1944 al 12/09/1944.
- Donati Calimero, nato il 19/08/1911 a Budrio (BO), residente a Castel Maggiore (BO), calzolaio. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, battaglione Cirillo, dal 01/01/1944 al 12/09/1944.
- Guerri Domenico, nato a Sestola (MO) il 13/06/1887, residente a Castel Maggiore (BO), bracciante. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, battaglione Cirillo, dal 01/04/1944 al 12/09/1944.
- Piva Enrico, nato a Sant’Agostino (FE) il 02/09/1905, residente a Castel Maggiore (BO), colono. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, battaglione Cirillo, dal 10/07/1944 al 12/09/1944.
- Stanzani Romano, nato a San Giorgio di Piano (BO) l’08/05/1915, residente a Bologna. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli dal 01/11/1943 al 12/09/1944.
- Zanarini Gino, nato a Bentivoglio (BO) il 04/06/1902, residente a Castel Maggiore (BO), ambulante. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, battaglione Cirillo, dal 10/07/1944 al 12/09/1944.

Elenco vittime partigiani 7

- Bordoni Dionigio, nato a Minerbio (BO) il 02/03/1905, residente a Bologna, muratore. Comunista e oppositore durante il regime. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, dal 01/10/1944 al 12/09/1944.
- Dezaiacomo Roberto, nato a Bologna il 16/09/1906, residente a Castel Maggiore (BO), operaio. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, battaglione Cirillo, dal 10/07/1944 al 12/09/1944.
- Donati Calimero, nato il 19/08/1911 a Budrio (BO), residente a Castel Maggiore (BO), calzolaio. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, battaglione Cirillo, dal 01/01/1944 al 12/09/1944.
- Guerri Domenico, nato a Sestola (MO) il 13/06/1887, residente a Castel Maggiore (BO), bracciante. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, battaglione Cirillo, dal 01/04/1944 al 12/09/1944.
- Piva Enrico, nato a Sant’Agostino (FE) il 02/09/1905, residente a Castel Maggiore (BO), colono. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, battaglione Cirillo, dal 10/07/1944 al 12/09/1944.
- Stanzani Romano, nato a San Giorgio di Piano (BO) l’08/05/1915, residente a Bologna. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli dal 01/11/1943 al 12/09/1944.
- Zanarini Gino, nato a Bentivoglio (BO) il 04/06/1902, residente a Castel Maggiore (BO), ambulante. Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli, battaglione Cirillo, dal 10/07/1944 al 12/09/1944.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Vittoria Maccaferri

    Nome Vittoria

    Cognome Maccaferri

    Ruolo nella strage Delatore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento - Procedimento penale davanti alla Corte d’Assise straordinaria di Bologna contro Maccaferri Vittoria, cuoca del comando tedesco di villa Montaguti, accusata di delazione a danno delle vittime uccise a Biscia. La Maccaferri fu assolta per non aver commesso il fatto.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Castel Maggiore, Palazzo comunale

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Castel Maggiore, Palazzo comunale

    Descrizione: sulla lapide che ricorda i caduti e i dispersi nella guerra 1940-1945, militari partigiani, civili compaiono tra i partigiani Bordoni, Dezaiacomo, Donati, Guerri, Piva, Scagliarini, Zanarini (manca Stanzani).

  • monumento a Biscia di Castel Maggiore

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Biscia di Castel Maggiore

    Descrizione: monumento che ricorda i fatti del 12 settembre 1944 e i nomi dei fucilati (manca Cleto Scagliarini).

  • monumento a Bologna, piazza del Nettuno

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bologna, piazza del Nettuno

    Descrizione: sacrario dei caduti partigiani; vi sono ricordati Bordoni, Dezaiacomo, Donati, Guerri, Piva, Scagliarini, Stanzani, Zanarini.

Bibliografia


- Alessandro Albertazzi, Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. II, Dizionario biografico A-C, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1985, p. 314.
- Alessandro Albertazzi, Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. III, Dizionario biografico D-L, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1986, pp. 55, 65, 477.
- Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. IV, Dizionario biografico M-Q, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1995, p. 663.
- Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. V, Dizionario biografico R-Z, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1998, pp. 237, 343-344, 663.
- Luigi Arbizzani, Castel Maggiore, in Luigi Arbizzani, Antifascismo e lotta di Liberazione nel bolognese Comune per Comune, Anpi, Bologna, 1998, p. 77.
- Domenico Bruno, Enrico Cavalieri, Luca Pastore, La pianura e il conflitto. Fascismo, Resistenza e ricostruzione a Castel Maggiore 1919-1946, Marsilio, Venezia, 2010, pp. 199-201.
- Roberto Fregna, Castel Maggiore 1943-45. Documenti e testimonianze della lotta contro il nazi-fascismo, Edizioni APE, Bologna, 1974, pp. 26, 117-118, 181-184.
- Roberta Mira, Bologna, in Luciano Casali, Dianella Gagliani (a cura di), La politica del terrore. Stragi e violenze naziste e fasciste in Emilia Romagna, L’Ancora del Mediterraneo, Napoli, Roma, 2008, pp. 66-67.
- Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. I, Bologna dall’antifascismo alla Resistenza, Comune di Bologna, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Bologna “Luciano Bergonzini” (Isrebo), Bologna, 1998, p. 54.

Sitografia


- Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Università di Bologna, database dei partigiani dell\'Emilia Romagna:
http://www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/biblioteca/fondi-1/partigiani
(schede relative alla provincia di Bologna, ad nomen; compare solo Stanzani).

- Storia e memoria di Bologna:
Eccidio di Biscia
http://memoriadibologna.comune.bologna.it/eccidio-di-biscia-28-evento
Bordoni Dionigio
http://memoriadibologna.comune.bologna.it/bordoni-dionisio-480306-persona
Dezaiacomo Roberto
http://memoriadibologna.comune.bologna.it/dezaiacomo-roberto-478726-persona
Donati Calimero
http://www.storiaememoriadibologna.it/donati-calimero-478729-persona
Guerri Domenico
http://www.storiaememoriadibologna.it/guerri-domenico-478859-persona
Piva Enrico
http://www.storiaememoriadibologna.it/piva-enrico-480263-persona
Scagliarini Cleto
http://www.storiaememoriadibologna.it/scagliarini-cleto-479645-persona
(compare ma non tra gli uccisi a Biscia)
Stanzani Romano
http://www.storiaememoriadibologna.it/stanzani-romano-479983-persona
Zanarini Gino
http://www.storiaememoriadibologna.it/zanarini-gino-479603-persona

- Comune di Minerbio, Partigiani del territorio di Minerbio:
http://anteprime.officinedigitali.it/comune_minerbio/normativa/pagina70.html
(ad nomen; presente Dionigio Bordoni).

Fonti archivistiche

Fonti

- ASBO, Corte d’appello di Bologna, Penale, Corte d’assise straordinaria, fasc. proc. n. 227/1945