ISOLA SANTA SOFIA 16.04.1944

(Forlì-Cesena - Emilia-Romagna)

ISOLA SANTA SOFIA 16.04.1944

ISOLA SANTA SOFIA 16.04.1944
Descrizione

Località Isola, Santa Sofia, Forlì-Cesena, Emilia-Romagna

Data 16 aprile 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Catturato durante il rastrellamento di aprile contro i partigiani della brigata Garibaldi, ferito ad una gamba, fu fucilato dai fascisti il 16 aprile 1944 a Isola di Santa Sofia (FC).

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Estremi e note penali: - Procedimento penale davanti alla Corte d’Assise straordinaria di Forlì contro Luigi Talenti, accusato di collaborazionismo e di altri reati, tra cui essere stato presente all’uccisione di Pagliai e di aver detto al padre del partigiano che era stato lui a farlo uccidere. L’11 luglio 1946 la Corte lo condannò a morte mediante fucilazione alla schiena riconoscendolo colpevole di tutti i reati ascrittigli. Dalla sentenza si evince che la Corte, non essendoci dubbio sul collaborazionismo di Talenti, valutò numerosi elementi indiziari come prove della sua responsabilità per i fatti specifici. Talenti ricorse in Cassazione, la quale con sentenza 02/11/1946 annullò la sentenza della Corte d’Assise straordinaria di Forlì per mancanza di motivazioni e rinviò gli atti alla Corte d’Assise di Ancona.

Scheda compilata da ROBERTA MIRA
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-10-29 23:54:57

Vittime

Elenco vittime

- Pagliai Luciano, nato a Portico di Romagna (FC) il 03/04/1923. Riconosciuto partigiano dell’8ª brigata Garibaldi dal 23/01/1944 al 16/04/1944.

Elenco vittime partigiani 1

- Pagliai Luciano

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


305. Infanterie Division


Appartenenza: Heer Wehrmacht

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Luigi Talenti

    Nome Luigi

    Cognome Talenti

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile - Talenti Luigi, nato a Santa Sofia (FC) il 20/09/1914. Iscritto al Pnf e poi al Pfr, sergente della Gnr nel distaccamento di Santa Sofia, detenuto a Forlì. Imputato in un processo davanti alla Corte d’Assise straordinaria di Forlì per collaborazionismo e per altri reati, tra cui essere stato presente all’uccisione di Pagliai. Condannato a morte. Dopo il ricorso la Cassazione annullò la sentenza e rinviò alla Corte d’Assise di Ancona.

    Note procedimento - Procedimento penale davanti alla Corte d’Assise straordinaria di Forlì contro Luigi Talenti, accusato di collaborazionismo e di altri reati, tra cui essere stato presente all’uccisione di Pagliai e di aver detto al padre del partigiano che era stato lui a farlo uccidere. L’11 luglio 1946 la Corte lo condannò a morte mediante fucilazione alla schiena riconoscendolo colpevole di tutti i reati ascrittigli. Dalla sentenza si evince che la Corte, non essendoci dubbio sul collaborazionismo di Talenti, valutò numerosi elementi indiziari come prove della sua responsabilità per i fatti specifici. Talenti ricorse in Cassazione, la quale con sentenza 02/11/1946 annullò la sentenza della Corte d’Assise straordinaria di Forlì per mancanza di motivazioni e rinviò gli atti alla Corte d’Assise di Ancona.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Santa Sofia (FC), a 1 km dal paese lungo la strada del Bidente in direzione Isola

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Santa Sofia (FC), a 1 km dal paese lungo la strada del Bidente in direzione Isola

    Descrizione: macigno su cui sono incisi i nomi di alcuni partigiani morti o uccisi nell’aprile del 1944, tra cui Luciano Pagliai.

Bibliografia


- Vladimiro Flamigni, La “guerra ai civili” nell’Appennino forlivese, in Istituto per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena (a cura di), 1944. Stragi naziste e fasciste sull’Appennino tosco-romagnolo, Il Ponte Vecchio, Cesena, 2003, pp. 69-70.
- Adler Raffaelli, Guerra e Liberazione. Romagna 1943-1945, vol. II, Epigrafia, Comitato regionale per le celebrazioni del 50° anniversario della Resistenza e della Liberazione Emilia-Romagna, Bologna, 1995, p. 47.

Sitografia


- Istituto per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena, Elenco dei caduti delle formazioni partigiane:
http://www.istorecofc.it/caduti-formazioni-partigiane.asp
(ad nomen).

- Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Università di Bologna, Database dei partigiani dell’Emilia Romagna:
http://www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/biblioteca/fondi-1/partigiani
(schede relative alla provincia di Forlì, ad nomen).

Fonti archivistiche

Fonti

- Tribunale di Forlì, sezione penale, Sentenze della Corte d’Assise straordinaria di Forlì 1945-1947, vol. 1946-1947, sentenza n. 135/46.