VARIGNANA CASA NOVARIA CASTEL SAN PIETRO 26.10.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

VARIGNANA CASA NOVARIA CASTEL SAN PIETRO 26.10.1944

VARIGNANA CASA NOVARIA CASTEL SAN PIETRO 26.10.1944
Descrizione

Località Varignana, casa Novaria, Castel San Pietro Terme, Bologna, Emilia-Romagna

Data 26 ottobre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne anziane 1

Descrizione: Il 26 ottobre 1944 alcuni tedeschi si presentarono all’abitazione della famiglia Minzolini a Varignana di Castel San Pietro (BO) e fecero uscire di casa il capofamiglia, Alfonso Minzolini. Uno dei tedeschi estrasse la pistola e la puntò contro Minzolini che riuscì a ripararsi dentro casa e a fuggire da una finestra posta sul retro. I tedeschi, allora, aprirono il fuoco contro la porta di casa e colpirono, uccidendola, Giovanna Crocchi che si era avvicinata alla porta per aiutare la moglie di Minzolini a tenere chiusa la porta per impedire ai tedeschi di entrare. I tedeschi se ne andarono appena videro di aver ucciso la donna. Giovanna Crocchi fu seppellita il giorno successivo nel cimitero di Castel San Pietro.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da ROBERTA MIRA
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-09-29 14:44:49

Vittime

Elenco vittime

Crocchi Giovanna, nata a Castel San Pietro (BO) il 10/10/1872. Civile.

Elenco vittime civili 1

Crocchi Giovanna

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

- AISPER, Fondo Commissione parlamentare d’inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti (Armadio della vergogna), 4 Docc. consegnati maggio 2009, doc. 44/1, f. 379, Legione territoriale dei Carabinieri Reali di Bologna, Compagnia di Imola, Statistica riguardante le violenze commesse da tedeschi e fascisti contro le popolazioni civili nella giurisdizione di questa Compagnia, 15/05/1946 e ff. 473-474 dichiarazione di Renato Minzolini (nipote della vittima), 02/05/1946.