MALALBERGO 02.10.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

MALALBERGO 02.10.1944

MALALBERGO 02.10.1944
Descrizione

Località Malalbergo, Malalbergo, Bologna, Emilia-Romagna

Data 2 ottobre 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: La mattina del 2 ottobre 1944 Dino Gotti si allontanò dalla base partigiana nella campagna di Malalbergo (BO) dove era alloggiato con un gruppo di sappisti per recarsi in un fondo colonico non lontano. Lungo il tragitto alcuni fascisti che stavano eseguendo un’operazione antipartigiana (secondo una fonte guidati da un fascista di Malalbergo) individuarono Gotti, lo fermarono e, perquisendolo, gli trovarono addosso una pistola. I fascisti picchiarono Gotti per fargli confessare dove si trovassero i partigiani; infine il comandante diede ordine di portare Gotti al comando di Malalbergo, ma giunti sulla via Scalone i militi lo uccisero e lasciarono a terra il suo corpo.
Un altro gruppo di militi proseguendo nell’operazione di perlustrazione della zona fermò e uccise il partigiano Ardo Guidetti non lontano da dove era stato ucciso Gotti.
Nel corso della stessa operazione fascisti e partigiani vennero ad uno scontro armato che vide prevalere i partigiani e i fascisti ritirarsi. Nel pomeriggio però i militi repubblicani tornarono con il supporto di tedeschi e si ebbe un nuovo scontro a fuoco che terminò con la cattura di alcuni fascisti da parte dei partigiani. Secondo Felicani che era tra i partigiani presenti, i sappisti interrogarono i fascisti e, individuati i responsabili dell’uccisione di Gotti e Guidetti, li condannarono a morte e lasciarono agli altri la scelta se entrare a far parte della Resistenza o meno promettendo di utilizzarli per uno scambio di prigionieri. Mentre partigiani e prigionieri si trasferivano verso altre basi nella campagna di Altedo (BO), i fascisti tentarono di fuggire e i partigiani li uccisero.
Il 3 ottobre 1944 fascisti e tedeschi effettuarono un rastrellamento a Pegola di Malalbergo, a Boschi di Baricella (BO) e nella campagna tra le due località alla ricerca di partigiani, armi e munizioni. Commisero ruberie e atti di vandalismo e rastrellarono gli uomini, in prevalenza e allo scopo di raccogliere manodopera per la Germania, alcune donne e il parroco di San Gabriele di Baricella, don Antonio Sita che era favorevole alla Resistenza. I fermati furono condotti a Baricella e rinchiusi nel cortile dell’edificio scolastico. I fascisti minacciarono alcuni di loro di fucilazione, ma per intervento del podestà di Baricella la fucilazione non ebbe luogo. Parte dei fermati fu rilasciata; alcuni uomini furono portati a Bologna e da qui deportati come lavoratori nel Reich.

Modalità di uccisione: fucilazione,uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: rastrellamento

Annotazioni: - Per il Dizionario e il sito Storia e memoria di Bologna furono i tedeschi a uccidere Guidetti, mentre per Gotti queste due fonti parlano di nazifascisti.

Scheda compilata da ROBERTA MIRA
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-09-29 08:45:31

Vittime

Elenco vittime

- Gotti Dino, nato a Malalbergo (BO) l’08/09/1919, bracciante. Riconosciuto partigiano nella 4ª brigata Garibaldi Venturoli dal 01/05/1944 al 02/10/1944.
- Guidetti Ardo, nato a Baricella (BO) il 01/03/1920, operaio. Riconosciuto partigiano nel battaglione Gotti della 4ª brigata Garibaldi Venturoli dal 01/03/1944 al 02/10/1944.

Elenco vittime partigiani 2

- Gotti Dino,
- Guidetti Ardo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Tipo di reparto: Brigata Nera

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Bologna, piazza del Nettuno

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bologna, piazza del Nettuno

    Descrizione: Gotti e Guidetti sono ricordati nel sacrario dei caduti partigiani.

  • cippo a Malalbergo (BO), via Scalone

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Malalbergo (BO), via Scalone

    Descrizione: cippo commemorativo di Gotti e Guidetti.

  • luogo della memoria a Malalbergo

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Malalbergo

    Descrizione: una strada è intitolata a Dino Gotti.

  • luogo della memoria a Passo Segni di Baricella (BO)

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Passo Segni di Baricella (BO)

    Descrizione: una strada è intitolata a Ardo Guidetti.

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Descrizione: A Gotti fu intitolato il battaglione partigiano della 4ª brigata Venturoli che operava a Malalbergo (BO) e dintorni.

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Il nome Guidetti fu aggiunto alla bandiera della sezione del Pci di Baricella (BO).

Bibliografia


- Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. III, Dizionario biografico D-L, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1986, pp. 419, 480.
- Goffredo Felicani “Dick”, Il battaglione partigiano “Dino Gotti”, con uno scritto di Aroldo Tolomelli “Al Fangéin” su La Resistenza nella Bassa Bolognese, a cura di Graziano Zappi “Mirco”, Aspasia, Bologna, 2002, pp. 54-71.
- Cesarino Volta, Mondo contadino e lotta di liberazione. Resistenza in pianura (Baricella-Malalbergo 1943-45), Brechtiana Editrice, 1980, pp. 37, 130, 190-192, 237-239.

Sitografia


- Storia e memoria di Bologna:
Gotti Dino
http://www.storiaememoriadibologna.it/gotti-dino-479320-persona
Guidetti Ardo
http://www.storiaememoriadibologna.it/guidetti-ardo-478860-persona

- Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Università di Bologna, database dei partigiani dell\'Emilia Romagna:
http://www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/biblioteca/fondi-1/partigiani
(schede relative alla provincia di Bologna, ad nomen).

- Per Gotti e Guidetti i partigiani composero due canzoni: Il battaglione Gotti e Perché cadesti tu.

Fonti archivistiche

Fonti