LOIANO DI CASTEL SAN PIETRO 21.11.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

LOIANO DI CASTEL SAN PIETRO 21.11.1944

LOIANO DI CASTEL SAN PIETRO 21.11.1944
Descrizione

Località Loiano, Castel San Pietro Terme, Bologna, Emilia-Romagna

Data 21 novembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini ragazzi 1

Descrizione: Il 21 novembre 1944 militari tedeschi si recarono alla casa Gaiba in località Loiano di Castel San Pietro (BO) per prelevare viveri. Vi trovarono Angiolino Brini e la sorella Albertina che erano sfollati dalla loro abitazione con la madre che in quel momento era nel rifugio vicino alla casa. I tedeschi trascinarono il ragazzo di appena 16 anni sull’aia e lo fucilarono come sospetto partigiano davanti alla sorella. Secondo la dichiarazione rilasciata ai carabinieri nel dopoguerra dalla madre della vittima, i tedeschi dissero di aver ricevuto ordine dal loro comandante di uccidere immediatamente tutti i partigiani catturati. La salma, abbandonata dai tedeschi sul luogo dell’uccisione, venne inumata nel cimitero di Castel San Pietro per volere della madre.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da ROBERTA MIRA
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-09-27 09:50:15

Vittime

Elenco vittime

Brini Angiolino, nato a Castel San Pietro (BO) il 01/10/1928

Elenco vittime civili 1

Brini Angiolino

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

- AISPER, Fondo Commissione parlamentare d’inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti (Armadio della vergogna), 4 Docc. consegnati maggio 2009, 44/1, f. 378, Legione territoriale dei carabinieri reali di Bologna, Compagnia di Imola, Statistica riguardante le violenze commesse da tedeschi e fascisti contro le popolazioni civili nella giurisdizione di questa Compagnia, 15/05/1946 e f. 486 dichiarazioni di Bianca Comellini e Albertina Brini (madre e sorella della vittima), 25/04/1946 ivi allegate.