LOIANO DI CASTEL SAN PIETRO 21.11.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

LOIANO DI CASTEL SAN PIETRO 21.11.1944

LOIANO DI CASTEL SAN PIETRO 21.11.1944
Descrizione

Località Loiano, Castel San Pietro Terme, Bologna, Emilia-Romagna

Data 21 novembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini ragazzi 1

Descrizione: Il 21 novembre 1944 militari tedeschi si recarono alla casa Gaiba in località Loiano di Castel San Pietro (BO) per prelevare viveri. Vi trovarono Angiolino Brini e la sorella Albertina che erano sfollati dalla loro abitazione con la madre che in quel momento era nel rifugio vicino alla casa. I tedeschi trascinarono il ragazzo di appena 16 anni sull’aia e lo fucilarono come sospetto partigiano davanti alla sorella. Secondo la dichiarazione rilasciata ai carabinieri nel dopoguerra dalla madre della vittima, i tedeschi dissero di aver ricevuto ordine dal loro comandante di uccidere immediatamente tutti i partigiani catturati. La salma, abbandonata dai tedeschi sul luogo dell’uccisione, venne inumata nel cimitero di Castel San Pietro per volere della madre.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo
--> Per saperne di più sulle tipologie

Scheda compilata da ROBERTA MIRA
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-09-27 09:50:15

Vittime

Elenco vittime

Brini Angiolino, nato a Castel San Pietro (BO) il 01/10/1928

Elenco vittime civili 1

Brini Angiolino

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

- AISPER, Fondo Commissione parlamentare d’inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti (Armadio della vergogna), 4 Docc. consegnati maggio 2009, 44/1, f. 378, Legione territoriale dei carabinieri reali di Bologna, Compagnia di Imola, Statistica riguardante le violenze commesse da tedeschi e fascisti contro le popolazioni civili nella giurisdizione di questa Compagnia, 15/05/1946 e f. 486 dichiarazioni di Bianca Comellini e Albertina Brini (madre e sorella della vittima), 25/04/1946 ivi allegate.