CASTENASO 23.09.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

CASTENASO 23.09.1944

CASTENASO 23.09.1944
Descrizione

Località Castenaso, Castenaso, Bologna, Emilia-Romagna

Data 23 settembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini ragazzi 1

Descrizione: Nel settembre 1944 le autorità fasciste di Bologna e provincia ordinarono a proprietari agricoli, coltivatori diretti, mezzadri e affittuari il conferimento dei capi di bestiame ai raduni fascisti e nazisti. Similmente a quanto era avvenuto nell’estate in occasione del raccolto e della lotta contro la consegna agli ammassi, partigiani e popolazione si mobilitarono per opporsi a tale ordine che, se eseguito, avrebbe comportato un impoverimento per le famiglie del territorio bolognese e fornito un aiuto ai tedeschi e ai fascisti per la continuazione della guerra. Come nel caso della campagna per la difesa dei raccolti, la mobilitazione servì a consolidare il legame tra rivendicazioni socio-economiche e lotta politica e armata, legame che fu un tratto distintivo della Resistenza in diverse aree dell’Emilia-Romagna dove si raggiunsero livelli di adesione di massa al movimento resistenziale. Nella zona di Castenaso e Budrio (BO) il 10 settembre 1944 civili e partigiani diedero prova di volersi opporre a fascisti e nazisti in una delle numerose manifestazioni popolari appoggiate dai partigiani che si registrarono nell’autunno 1944 in provincia di Bologna. Durante la manifestazione svoltasi a Marano di Castenaso, dove aveva sede provvisoria il Comune, furono bruciate le liste di leva e i ruoli delle tasse e presero la parola gli antifascisti e dirigenti partigiani Bruno Tosarelli e Luciano Romagnoli. Una manifestazione analoga ebbe luogo alla Pieve di Budrio (BO). L’ordine di consegna del bestiame fu un’altra occasione di manifestare la contrarietà della popolazione di Castenaso e Budrio alla Rsi e ai nazisti: il Cln di Castenaso diramò l’ordine di non conferire le bestie al raduno di Vigorso di Budrio (BO) e il 23 settembre 1944 i partigiani del battaglione Pasquali della 4ª brigata Venturoli e quelli del distaccamento di Castenaso della 7ª brigata Gap ricevettero l’ordine di presidiare le strade che portavano a Vigorso, affinché fermassero chi si recava a consegnare i capi di bestiame. Tedeschi e fascisti reagirono al mancato conferimento delle bestie con un rastrellamento lungo via Vigorso tra Vigorso e il territorio di Castenaso. Durante l’azione i tedeschi individuarono alcuni partigiani sappisti, tra cui Adalberto Mazzanti che i tedeschi uccisero (v. Episodio di Vigorso (BO), 23 settembre 1944). Nel corso dell’operazione di rastrellamento i tedeschi giunsero nel terreno agricolo dove stavano lavorando per la vendemmia Giordano Gnudi e suo padre. I due uomini non si misero al riparo in tempo e i tedeschi, aperto il fuoco contro di loro uccisero Giordano Gnudi.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento

Annotazioni: - In Benetti, Broccoli, Ognibene è scritto erroneamente che Gnudi morì il 23 maggio anziché il 23 settembre 1944.
- Il sito Storia ememoria di Bologna dà come causa della morte «caduto in combattimento».

Episodi collegati:
Episodio di Vigorso (BO), 23 settembre 1944.

Scheda compilata da ROBERTA MIRA
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-04-29 15:31:33

Vittime

Elenco vittime

- Gnudi Giordano, nato a Sala Bolognese (BO) il 05/06/1930, residente a Castenaso. La sua famiglia era legata alla Resistenza, ospitava i partigiani nella casa colonica e Giordano Gnudi svolgeva la funzione di “vivandiere”; il cugino Coriolano fu partigiano e fu ucciso il 18/08/1944 alla Croce del Biacco a Bologna (v. Episodio di Bologna, 18 agosto 1944). Riconosciuto partigiano della 4ª brigata Garibaldi Venturoli dal 18/07/1944 al 23/09/1944.

Elenco vittime partigiani 1

Gnudi Giordano

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Castenaso, cimitero

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Castenaso, cimitero

    Descrizione: Gnudi è sepolto nel monumento ai caduti partigiani.

  • lapide a Castenaso, Palazzo Cominale

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Castenaso, Palazzo Cominale

    Descrizione: Gnudi compare sulla lapide che ricorda i partigiani caduti.

  • monumento a Castenaso, Parco della Resistenza

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Castenaso, Parco della Resistenza

    Descrizione: monumento alla Resistenza; sulla targa che ricorda i nomi dei partigiani morti tra il 1943 e il 1945 compare Gnudi.

  • monumento a Bologna, piazza del Nettuno

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bologna, piazza del Nettuno

    Descrizione: Gnudi è ricordato nel sacrario dei caduti partigiani.

Bibliografia


- Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. III, Dizionario biografico D-L, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1986, p. 402.
- Andrea Benetti, Luigi Broccoli, Giorgio Ognibene, Castenaso: un contributo per la conquista della libertà e della democrazia (1900-1975), Edizioni APE, Bologna, 1975, pp. 137-140, 146-149, 200-201.
- Armide Broccoli, La resa dei conti, Vangelista, Milano, 1975, pp. 158-168, 171-175.
- Roberta Mira, Gli avvenimenti di Vigorso nella Resistenza, in Roberta Mira, Simona Salustri, 21 ottobre 1944 – 21 ottobre 2004. Vigorso: la storia e la memoria, Comune di Budrio, Comune di Castenaso, 2004, pp. 4-5.

Sitografia


- Storia e memoria di Bologna:
Gnudi Giordano
http://www.storiaememoriadibologna.it/gnudi-giordano-479318-persona

Fonti archivistiche

Fonti