CIMA RIPA GANDINO 11.07.1944

(Bergamo - Lombardia)

CIMA RIPA GANDINO 11.07.1944

CIMA RIPA GANDINO 11.07.1944
Descrizione

Località Cima Ripa, Gandino, Bergamo, Lombardia

Data 11 luglio 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: Giovanni Cazzaniga “Maistrak”, originario della zona, e Tolmino Fontana “Magnanino”, da poche settimane membri della 53a brigata Garibaldi “13 martiri”, recatisi alla trattoria Trani di Cima cadono in una imboscata tesa loro da militi della 612ª Compagnia OP della GNR, spacciatisi per antifascisti in cerca di contatti con i partigiani. Cazzaniga è ucciso immediatamente mentre Fontana, ferito alla schiena, viene raggiunto in una via adiacente e finito con un colpo alla testa.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: punitivo

Estremi e note penali: Sentenza CAS di Bergamo: Il 3 settembre 1946 la Corte d’Assise di Bergamo condannò per l’omicidio a 16 anni e 8 mesi (con il condono di un terzo della pena) Giuseppe Isoretti e Gaetano Perola, ex militi della 612ª Compagnia ordine pubblico.
Furono invece assolti gli altri due accusati Mangialardo e Giudici.

Annotazioni: I cadaveri dei due partigiani, abbandonati per la via come monito agli operai delle vicine fabbriche, poterono essere rimossi solo nel pomeriggio. Quello di Cazzaniga fu portato nella casa paterna, mentre quello di Tolmino fu raccolto pietosamente dall’allora curato don Francesco Ghilardi, assistito da alcuni paesani. Il sacerdote fu poi interrogato dai fascisti e ammonito, mentre un certo Trevaini, che lo aveva aiutato, fu arrestato, percosso e trattenuto per tre giorni nelle carceri di Sant’Agata a Bergamo. Secondo altre fonti orali i due partigiani sarebbero caduti in un agguato scendendo dalla montagna in cerca di viveri.

Scheda compilata da MASSIMO FUMAGALLI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-06-02 09:35:13

Vittime

Elenco vittime

1. Giovanni Cazzaniga nato il 30.06.1919 a Gandino (BG).
2. Tolmino Fontana nato nel 1919 a Robecco d’Oglio (CR).

Elenco vittime partigiani 2

Giovanni Cazzaniga,
Tolmino Fontana

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


GNR, 612. Compagnia OP Macerata

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Gaetano Perola

    Nome Gaetano

    Cognome Perola

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Giuseppe Isoretti e Gaetano Perola, ex militi della 612ª Compagnia OP.

    Note procedimento Il 3 settembre 1946 la Corte d’Assise di Bergamo condannò per l’omicidio a 16 anni e 8 mesi (con il condono di un terzo della pena) Giuseppe Isoretti e Gaetano Perola, ex militi della 612ª Compagnia ordine pubblico. Furono invece assolti gli altri due accusati Mangialardo e Giudici.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR, 612. Compagnia OP Macerata

  • Giuseppe Isoretti

    Nome Giuseppe

    Cognome Isoretti

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Giuseppe Isoretti e Gaetano Perola, ex militi della 612ª Compagnia OP.

    Note procedimento Il 3 settembre 1946 la Corte d’Assise di Bergamo condannò per l’omicidio a 16 anni e 8 mesi (con il condono di un terzo della pena) Giuseppe Isoretti e Gaetano Perola, ex militi della 612ª Compagnia ordine pubblico. Furono invece assolti gli altri due accusati Mangialardo e Giudici.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR, 612. Compagnia OP Macerata

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Gandino

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Gandino

    Descrizione: Lapide sul luogo dell’assassinio a Gandino

Bibliografia


G. BERTACCHI, Tolmino Fontana, partigiano per venti giorni, “Studi e ricerche di storia contemporanea, n. 63, giugno 2005.

Sitografia


http://www.gandino.it/news/omaggio-ai-partigiani-maistrak-e-magnanino

Fonti archivistiche

Fonti

ASBg, fondo Volontari della Libertà, schede di smobilitazione, Cazzaniga Giovanni.
ASBg, fondo Ministero assistenza post-bellica, schede di smobilitazione, Fontana Tolmino.
Isrec Bergamo, fondo ANPI, schede caduti, ad nomen.