CODERA SONDRIO 01.12.1944

(Sondrio - Lombardia)

CODERA SONDRIO 01.12.1944

CODERA SONDRIO 01.12.1944
Descrizione

Località Codera, Sondrio, Sondrio, Lombardia

Data 1 dicembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Un massiccio rastrellamento coinvolge la 55a brigata Garibaldi f.lli Rosselli e la 40ª brigata Garibaldi G. Matteotti alla fine di novembre del 1944 nella bassa Valtellina spingendo i partigiani verso l’alta val Codera e lo sconfinamento in Svizzera. Nei pressi del rifugio Brasca, nella piana della Valle Codera, la sera del 30 novembre si ritrova il grosso dei partigiani che decide di divallare a Bondo attraversando il passo della Teggiola (2500 m) nella notte del 1 dicembre 1944. Singoli partigiani e gruppetti seguono il gruppo principale. Pomina, che calza degli zoccoli ed è rallentano la marcia, viene sorpreso nei pressi del rifugio Brasca e ucciso sul posto. Il cadavere, per interdizione dei tedeschi, rimarrà insepolto per alcuni giorni.

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: incendio di abitazione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Il rifugio Brasca, di proprietà del CAI Milano, è intitolato ad un noto esponente del fascismo milanese; dato alle fiamme dai tedeschi verrà ricostruito nel dopo guerra ma continua a portare il nome del fascista milanese Brasca, ricordato anche da una targa all’interno, mentre una targa all’esterno ricorda il percorso della 55° brigata Garibaldi f.lli Rosselli. Alla memoria di Enrico Pomina è dedicato un cippo alla cui manutenzione nessuno più provvede.

Scheda compilata da MASSIMO FUMAGALLI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-05-15 15:16:20

Vittime

Elenco vittime

Pomina Enrico nato il 31.08.1906 a Cedrasco (SO).

Elenco vittime partigiani 1

Pomina Enrico

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Val Codera

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Val Codera

    Descrizione: Lapide presso il rif. Brasca in val Codera

Bibliografia


FRANCO CATALANO, La Resistenza nel Lecchese e nella Valtellina, dattiloscritto inedito contenente i risultati di una ricerca coordinata da Franco Catalano negli anni Settanta del secolo scorso, in Fondo Catalano, Istituto di storia contemporanea “Pier Amato Perretta”

Marco Fini, Franco Giannantoni , La Resistenza più lunga, lotta partigiana e difesa degli impianti idroelettrici in Valtellina: 1943-1945; presentazione di Arturo Colombo. - 2. ed. riv., corr. e accresciuta. - Milano, Sugarco, 2008.
Gabriele Fontana, Eugenio Pirovano, Marco Ripamonti, Sui sentieri della Guerra Partigiana, il percorso della 55a brigata Rosselli, Lecco, SD.

Sitografia


http://www.55rosselli.it/progetto%20catalano/pdf%20progetto%20catalano/catalano_web01.pdf
http://www.55rosselli.it/luoghi/codera_lapide.htm.

Fonti archivistiche

Fonti

Testimonianza di Romilda del Prà a Fontana Gabriele e Patrizio Daina rilasciata il 15 luglio 2005.