CODIGORO 22.04.1945

(Ferrara - Emilia-Romagna)

CODIGORO 22.04.1945

CODIGORO 22.04.1945
Descrizione

Località Codigoro, Codigoro, Ferrara, Emilia-Romagna

Data 22 aprile 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: Olga Fabbri fu uccisa il giorno della liberazione di Codigoro mentre tentava di far evitare al marito, Bruno 'Sbarazin' Paolati, l'arresto da parte di fascisti in ritirata. Era stato fermato dai fascisti perchè trovato in possesso di armi che aveva preso poco prima ad un soldato tedesco. I fascisti lo presero per condurlo, con un amico, verso Mezzogoro (FE). Un fascista appena diciottenne in bicicletta e con un mitra li seguiva di scorta. Arrivarono nei pressi della casa di Olga Fabbri: «Lascia mio marito, ha cinque figli da crescere», disse la donna al ragazzo che chiamò rinforzi ed ordinò alla donna di tornare a casa. Pochi istanti dopo sparò un colpo che colpì Olga Fabbri alla spalla, facendola cadere a terra su un mucchio di ghiaia. Testimoni dell'accaduto furono i figli, i suoceri, la cognata Bruna, la famiglia Turri e numerosi vicini. Nello stesso istante arrivò un secondo fascista che li tenne lontani da Olga, minacciandoli con il mitra. Quando permisero di avvicinarsi, la donna aveva ormai perso moltissimo sangue. La riportarono in casa, era ancora cosciente e chiese del marito e poi si raccomandò per i figli prima di morire. Il giorno dopo tornò il marito, che giunto nei pressi del Po, era riuscito a liberarsi ed a fuggire, dopo essere stato torturato con ferri roventi nelle mani e nei polpacci.
E' sempre stato sostenuto, senza prove certe, che gli autori di tale uccisione siano stati elementi della X Mas in ritirata che si erano appena recati nelle carceri mandamentali di Codigoro alla ricerca di antifascisti, trovando, invece, le celle vuote perchè il pretore Giovanni Zizak era riuscito a far liberare tutti i prigionieri rimasti: nelle notti dal 19 al 20 aprile 1945, infatti, a piccoli gruppi, uscirono dalle cosiddette 'fasanare' gli ultimi circa ottanta prigionieri.
Gli autori dell'uccisione non furono mai individuati.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: sevizie-torture

Tipo di massacro: ritirata

Annotazioni: Nella bibliografia ho indicato un articolo de la Nuova Ferrara reperito in internet ma del quale mi è stato impossibile stabilire la data anche con l'aiuto dei redattori del giornale stesso.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): La vicenda di Olga Fabbri ispirò la famosa sequenza di Roma città aperta di Roberto Rossellini in cui Anna Magnani insegue il camion su cui era stato caricato da soldati tedeschi il marito e viene falciata davanti agli occhi del figlio e del prete impersonato da Aldo Fabrizi. Fu Giancarlo Pajetta a raccontare quanto era accaduto a Codigoro a Roberto Rossellini che poì adattò la vicenda alle esigenze cinematografiche della vicenda raccontata nel film.

Scheda compilata da DAVIDE GUARNIERI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-05-10 12:17:37

Vittime

Elenco vittime

Fabbri Olga, nata a Comacchio, il 16 novembre 1914. Partigiana della 35° brigata Bruno Rizzieri

Elenco vittime partigiani 1

Fabbri Olga

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Codigoro

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Codigoro

    Anno di realizzazione: 1947

    Descrizione: Sulla facciata del comune di Codigoro è presente una lapide contenente questo testo: “IN QUESTO ALBO DI MARMO / STANNO INCISI I NOMI / DI EROI TRUCIDATI / SULLA CONTESA MARCIA DELLA LIBERTA’ / DALL’8 SETTEMBRE 1943 AL 22 APRILE 1945 / GLORIA DELLE GENERAZIONI PRESENTI / ESEMPIO DELLE FUTURE”. Segue l’elenco dei caduti: tra cui vi è anche Olga Fabbri. L’epigrafe riprende poi con con: ”DA QUESTA PIETRA / UN TORRENTE DI LUCE SI SPRIGIONA / AMMONISCE I TARDI / RAMPOGNA I VILI E I TRADITORI / RIVENDICA I MORTI / CHE MANTENGONO VIVA E SEMPITERNA LA PATRIA / TESTIMONI GLORIOSI / CHE PUO’ ANCHE ALL’ITALIA / MANCARE IL SENNO E LA FORTUNA / NON IL VALORE DEI SUOI FIGLI / FATE CHE NOI / PER LA PATRIA E PER LA LIBERTA’ / NON SIAMO MORTI INVANO / 14 febbraio 1947”.

Bibliografia


Delfina Tromboni, Con animo di donna, Cartografica Artigiana, Ferrara, p. 269
Lisa Viola Rossi, La fine di Olga, bella e innamorata, in La Nuova Ferrara [s.d.]
Andrea Poggiali, I segni della guerra, volume 2°, Claudio Nani editore, Ravenna, 2012, p. 57

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti