Mossano, 27-28/04/1945

(Vicenza - Veneto)

Episodio di riferimento: Vallo Veneto ad est dei Colli Berici

Mossano, 27-28/04/1945

Mossano, 27-28/04/1945
Descrizione

Località Mossano, Mossano, Vicenza, Veneto

Data 27 aprile 1945 - 28 aprile 1945

Matrice strage Nazista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: Dopo la caduta della Linea Gotica, ma soprattutto dopo il tardivo attraversamento del fiume Po, i tedeschi non sono più in grado di effettuare un ordinato ripiegamento e sono anzi costretti ad abbandonare oltre il grande fiume ingenti quantitativi di armamento. I tedeschi, “nell’immensa arena della Pianura Padana si trovano alle calcagna 3000 corazzati e 2000 aerei sopra la testa, che avevano un unico obiettivo: distruggerli”. L’ordine di ripiegamento verso nord ha come meta la nuova linea difensiva nelle Prealpi, la Linea Blu, preceduta dal Vallo Veneto che “rappresenta lo schermo meridionale, la primissima linea di questo articolato sistema difensivo”. A disarticolare ulteriormente le formazioni tedesche in ritirata, oltre all’incalzare degli avversari e degli aerei, un ruolo decisivo lo assolvono le formazioni della Resistenza che diventano ogni giorno più forti, grazie anche all’apporto di molti civili che si uniscono ai partigiani, “si armano e si spargono nella campagna coll’intento di impedire possibili danni da parte delle truppe tedesche in ritirata”.
Il 25 aprile è il giorno dell’insurrezione generale proclamata dal CLNAI. Sul fronte Veneto, la 91^ Divisione americana “Powder River”, attraversato il Po, punta decisa su Vicenza. Il 27 aprile, il superamento del Vallo Veneto nell’area tra i Colli Berici ed Euganei, ha i primi scontri nelle posizioni più avanzate presso Agugliaro e Collaredo, per poi proseguire verso nord.
“I resti del 2° Battaglione del 9° Reggimento granatieri corazzati vengono messi in marcia al mattino con l’ordine di costituire un blocco su entrambi i lati della linea ferroviaria tra Cologna Veneta e Montegaldella, sulla riva settentrionale del Bacchiglione, per impedire l’attacco delle punte corrazzate nemiche ai ponti della ferrovia” (caporale Kurt Baden della 26^ Panzerdivision).
La Task Force “Giorge” (3° Btg. del 362° Regg. Fanteria, 755° Btg. Carri e 804° Btg. Cacciacarri) della 91^ Divisione americana, penetra in profondità e non dà ai tedeschi la possibilità di trincerarsi in posizioni difensive, anzi vengono spesso obbligati a ritirarsi “in una situazione doppiamente precaria a causa dei continui agguati organizzati dai partigiani”, che spesso affiancano i reparti americani nei combattimenti.
Alle 17.25 del 28 aprile 1945, la Task Force “Giorge” raggiunge Vicenza, dopo che da Longare non ha incontrato altra resistenza.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: ritirata

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Nel Basso Vicentino orientale, quella che si è sviluppata negli ultimi due giorni di guerra per il superamento del Vallo Veneto, non è stata fortunatamente la temuta battaglia finale, ma solo improvvisi scontri tra partigiani e truppe tedesche e combattimenti di breve durata tra retroguardie tedesche e avanguardie americane appoggiate dai partigiani. Solo in alcuni casi gli scontri si sono tramutati in vere e proprie battaglie, per quanto circoscritte a piccole aree. Questo evolversi della situazione, così come il sacrificio di partigiani e civili che hanno permesso di evitare a tutta l’area maggiori lutti e rovine, non è mai entrato a far parte della memoria collettiva locale e di riflesso anche nella sua scarna bibliografia.

Scheda compilata da Pierluigi Dossi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-05-05 14:08:32

Vittime

Elenco vittime

1. Gallo Silvio, da Mossano; civile;
2. Merlin Valentino, da Mossano; civile;
3. Morecchiato Mario, cl. 1892, da Mossano; civile;

Elenco vittime civili 3

Gallo Silvio,
Merlin Valentino,
Morecchiato Mario

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


1. Fallschirmjäger-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Luftwaffe

4. Fallschirm-Jäger-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Luftwaffe

305. Infanterie Division


Appartenenza: Heer Wehrmacht

90. Panzer-Grenadier-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

94. Infanterie-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

42. Jäger–Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Cimitero di Mossano

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Cimitero di Mossano

    Descrizione: Nel cimitero comunale di Mossano, nella Cappella dei Caduti per la Patria, sono ricordati oltre al tenente Luigi De Rosso “Mario”, Giuseppe Marin, Vito Moro e Guido Quadri, anche Silvio Gallo, Valentino Merlin e Mario Morecchiato, “morti per rappresaglia” nei giorni 27 e 28 aprile 1945.

Bibliografia


Carlo Gentile, I crimini di guerra tedeschi in Italia 1943-1945, Ed. Einaudi, Torino 2015, pag. 195-196, 395-402, 413-416, 420-430, 494-495.
Luca Valente, Dieci giorni di guerra. 22 aprile-2 maggio 1945: la ritirata tedesca e l’inseguimento degli Alleati in Veneto e Trentino, Ed. Cierre, Sommacampagna (Vr) 2006, pag. 214.
Paolo Savegnago, Le organizzazioni Todt e Pöll in provincia di Vicenza. Servizio volontario e lavoro coatto durante l’occupazione tedesca (novembre 1943-aprile 1945), Vol. I e II, Ed. Cierre-Istrevi, Sommacampagna (Vr) 2012, pag. 167-169 II Vol.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti