ROVERETO SULLA SECCHIA NOVI DI MODENA 07.08.1944

(Modena - Emilia-Romagna)

ROVERETO SULLA SECCHIA NOVI DI MODENA 07.08.1944

ROVERETO SULLA SECCHIA NOVI DI MODENA 07.08.1944
Descrizione

Località Rovereto sulla Secchia, Novi di Modena, Modena, Emilia-Romagna

Data 7 agosto 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 9

Numero vittime uomini 9

Numero vittime uomini adulti 7

Numero vittime uomini anziani 2

Descrizione: Tra luglio e agosto 1944, con la nascita della Brigata nera ‘Mirko Pistoni’ e l’arrivo del colonnello Antonio Petti, che assume il comando della GNR e poi del Comando militare provinciale, si creano le premesse per una nuova stagione di violenza che vede i fascisti non più collaborare quasi esclusivamente alle rappresaglie naziste, ma ad essere protagonisti in proprio. Ed agosto è il mese delle prime tre rappresaglie che indicano questo cambiamento di indirizzo, a Rovereto sulla Secchia il 7, a Carpi il 15 e a Ravarino il 16 agosto.
Quella di Rovereto è dunque la prima di queste rappresaglie, decisa dopo che i partigiani avevano ucciso, il 3 agosto, il mezzadro cinquantaduenne Arturo Bartoli, noto squadrista e fascista della zona. Anche il figlio Giuseppe faceva parte della GNR.
Il federale Giovanni Tarabini Castellani convoca i reggenti del fascio della zona e chiede di indicare persone note per i propri sentimenti antifascisti da utilizzare per una rappresaglia. Il 5 agosto iniziano gli arresti di diversi antifascisti o partigiani della zona, portati nelle caserme della Milizia e dei carabinieri di Mirandola. Utilizzando una corriera, nove di questi – mai interrogati, e ai quali non era stato contestato alcun addebito – sono prelevati all’alba del 7 agosto e condotti davanti alla Chiesa di Rovereto sulla Secchia.
Compreso il motivo della fermata, alcuni protestano e uno, il prof. Braghiroli, chiede l’assistenza di un sacerdote, che viene negata. Il dottor Maxia grida “viva la Russia” e viene abbattuto da un colpo di mitra di un milite. Dopo qualche minuto, il plotone di esecuzione al comando di Armando Tarabini procede alla fucilazione degli altri.
Verso le dieci di mattina da Novi di Modena arrivano dei militi della GNR per provvedere al recupero e alla sepoltura dei cadaveri, ma nel frattempo Garusi, rimasto solo gravemente ferito, era riuscito ad allontanarsi e a essere portato all’ospedale di Mirandola, dove morirà il 22 agosto per le ferite riportate.

Modalità di uccisione: fucilazione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: Dopo varie denuncie, nell’immediato dopoguerra Giovanni Tarabini Castellani, Vincenzo Falanga, Goffredo Degidi, Armando Tarabini, Leonildo Franchetto sono rinviati a giudizio presso la Corte d’assise straordinaria per vari capi d’imputazione, tra cui quella della strage di Rovereto (Tarabini Castellani e Falanga per avero voluto e diretto la rappresaglia, gli altri per la sua realizzazione). Il processo è celebrato dal 25 settembre al 5 ottobre 1947, ma i due principali imputati sono assenti perché entrambi latitanti. Il processo si conclude con la condanna a morte di Vincenzo Falanga, mentre Tarabini Castellani è condannato a 30 anni di reclusione, Alfredo Degidi a 24 anni di reclusione e Armando Tarabini a 14 anni di reclusione. I quattro condannati presentano ricorso in Cassazione. Quello di Falanga del 1949 è respinto, ma la condanna a morte è commutata in ergastolo; poi il Tribunale di Modena nel 1954 riduce la pena a 10 anni di reclusione. Anche quello di Tarabini Castellani è respinto, ma la pena è ridotta a 20 anni di reclusione e come per Falanga il Tribunale di Modena nel 1954 condona l’intera pena. Infine, la Corte d’Appello di Bologna nel 1959 dichiara estinti tutti i delitti a seguito di amnistia, e i due chiudono le pendenze con la giustizia senza aver fatto un giorno di galera. Nel 1975 Tarabini Castellani otterrà dalla Corte d’appello di Bologna anche la riabilitazione.
Viene invece accolto il ricorso presentato da Armando Tarabini, che è rinviato a giudizio presso la Corte d’Assise di Bologna la quale, nel 1949, gli riduce la pena a 6 anni, Con un nuovo ricorso alla Cassazione Tarabini ottiene un nuovo rinvio a giudizio presso la Corte d’assise di Ancona che nel 1952, con una stupefacente sentenza – avendo il Tarabini ammesso a processo di aver comandato il plotone d’esecuzione – lo assolve per non aver commesso il fatto! Intanto, il Tarabini era tornato a vivere a Modena, dopo aver scontato 3 anni di reclusione. Non si conosce, infine, l’esito del ricorso di Alfredo Degidi.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Il ricordo della strage e quello della ‘battaglia di Rovereto’, uno scontro in campo aperto tra centinaia di partigiani e nazi-fascisti intenti a effettuare un esteso rastrellamento nella Bassa modenese avvenuto il 18 marzo 1945, costituiscono i due momenti centrali della memoria di Rovereto sulla Secchia rispetto alla seconda guerra mondiale. La frazione di Rovereto sulla Secchia, borgo agricolo dalle forti tradizioni sovversive e anticlericali, ha consolidato nel corso della seconda metà dell’Ottocento e della prima metà del Novecento una forte identità contrapposta a quella del comune Novi di Modena, segnata da conflitti sociali di rilievo nazionale (lo sciopero di sei mesi dei mezzadri e dei boari del 1912), una estesa presenza anarchica, un attivo antifascismo e una forte partecipazione alla lotta partigiana.

Scheda compilata da CLAUDIO SILINGARDI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-04-11 13:21:22

Vittime

Elenco vittime

Braghiroli Alfredo, nato a Mirandola (Modena) il 12 luglio 1884, residente a Modena, laureato, dal 1932 direttore dell’Archivio di Stato di Modena, dove era entrato nel 1916. Iscritto al Pnf per ricoprire tale carica, non nasconde i propri sentimenti antifascisti, e per tale motivo è segnalato. Avendo manifestato pubblicamente riprovazione per la strage avvenuta nella piazza principale di Modena il 30 luglio 1944, per evitare noie si trasferisce nella sua casa di campagna a San Possidonio, ma qui viene arrestato dalla Brigata nera.

Garusi Aldo, nato a Quistello (Mantova) il 22 giugno 1906 da Carlo e Caterina Dalioli, è residente a Vallalta di Concordia (Modena) dove lavora come agricoltore. Partigiano del distaccamento Bruni della brigata Remo con il nome di battaglia Renzo, sopravvive alla fucilazione davanti al sagrato della Chiesa di Rovereto, riuscendo poi a fuggire, ma muore nell’ospedale di Mirandola il 22 agosto 1944.

Golinelli Jones, nato a Concordia (Modena) il 29 marzo 1900 da Ercole e Delfina Marazzi, operaio, partigiano della brigata Remo.

Manfredini Luigi, nato a Novi di Modena il 24 aprile 1890, dove risiede e lavora come colono, è prelevato dalla propria abitazione unitamente al figlio Silvio e fucilato a Rovereto.

Manfredini Silvio, nato a Novi di Modena il 6 aprile 1924, dove risiede e lavora come colono, è prelevato dalla propria abitazione unitamente al padre Luigi e fucilato a Rovereto.

Maxia Francesco, nato a Iglesias (Cagliari) il 24 aprile 1912, residente a Novi di Modena dove esercita come medico condotto, sospettato di essere un collaboratore dei partigiani è prelevato di notte dalla propria abitazione condotto a Mirandola dove è a lungo interrogato, per essere poi condotto a Rovereto per la fucilazione.

Serracchioli Roberto, nasce a Parigi il 7 gennaio 1920 da Giuseppe e da madre francese, insegnante, aderente al Partito d’Azione. Il padre, segnalato come antifascista ma in realtà informatore dell’Ovra, nel 1927 mette in piedi una delle più estese reti di spionaggio fascista operante in Francia e in Belgio, per poi rientrare in Italia dove muore nel 1939. Il figlio Roberto, invece, dopo aver assunto l’incarico di insegnare storia e filosofia nel liceo di Mirandola nel 1941, manifesta i suoi sentimenti antifascisti. Ricercato dalla polizia, nel novembre 1943 si trasferisce nel Lucchese ma poi torna nel modenese, dove è individuato e arrestato.

Zanoni Barbato, nasce a Concordia (Modena) il 3 dicembre 1896 da Ezio e Beatrice Scacchetti, dove risiede. Proveniente da una famiglia di tradizioni socialiste, è insegnante di materie scientifiche nelle scuole superiori. Avvicinatosi al Partito d’Azione entra nella Resistenza aderendo alla Brigata Remo con il nome di battaglia Ezio. Prelevato dalla sua abitazione e condotto a Mirandola, subisce violenza affinché sveli i nomi dei suoi compagni, ma invano, ed è poi prelevato per essere condotto a Rovereto.

Zoldi Canzio, nato a Novi di Modena il 24 aprile 1885 da Giuseppe e Genoeffa Bianchini, sarto, socialista. Nel 1905 si trasferisce a Chambery, in Francia, dove nel 1928 è promotore della locale sezione della Lega italiana dei diritti dell’uomo (Lidu). Attivo antifascista, dal 1932 al 1943 è presidente della Federazione delle Alpi della Lidu. Impegnato anche nel Comitato di soccorso pro vittime politiche, organizza dal 1936 gli aiuti alla Spagna repubblicana. Arrestato nel febbraio 1943 dopo l’occupazione della zona da parte delle truppe italiane, è tradotto in Italia e in luglio condannato al confino in provincia di Matera. In agosto, dopo la caduta del fascismo, rientra a Modena. Il 6 maggio 1944 è arrestato e poi trasferito nel campo per internati civili di Fossoli (Modena), da dove viene liberato il 15 luglio 1944. Fermato dopo il 3 agosto e condotto in carcere a Mirandola, è prelevato dalla Brigata nera per essere fucilato a Rovereto.

Elenco vittime civili 3

Manfredini Luigi
Manfredini Silvio
Maxia Francesco

Elenco vittime partigiani 3

Garusi Aldo
Golinelli Jones
Zanoni Barbato

Elenco vittime antifasciste 3

Braghiroli Alfredo
Serracchioli Roberto
Zoldi Canzio

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Mario Pacor, Luciano Casali, Lotte sociali e guerriglia in pianura. La Resistenza a Carpi, Soliera, Novi, Campogalliano, Editori Riuniti, Roma, 1972
Franco Canova, Oreste Gelmini, Amilcare Mattioli, Lotta di liberazione nella bassa modenese, Anpi, Modena, 1975
Rolando Balugani, La Repubblica sociale italiana a Modena. I processi ai gerarchi repubblichini, Nuovagrafica, Modena, 1990.
Claudio Silingardi, Una provincia partigiana. Guerra e Resistenza a Modena 1940-1945, Angeli, Milano, 1998.
Ilva Vaccari, Dalla parte della libertà. I caduti modenesi nel periodo della Resistenza entro e fuori i confini della provincia, Forestieri e stranieri caduti in territorio modenese, Stabilimento tipografico dei Comuni, Santa Sofia di Romagna, 1999.
Giovanni Fantozzi, Il volto del nemico. Fascisti e partigiani alla guerra civile Modena 1943-1945, Edizioni Artestampa, Modena, 2013

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio di Stato di Modena, Fondo Corte d’Assise Straordinaria, Processo Giovanni Tarabini Castellani, Vincenzo Falanga, Goffredo Degidi, Armando Tarabini, Leonildo Franchetto.