CARPINETA CESENA 04.10.1944

(Forlì-Cesena - Emilia-Romagna)

CARPINETA CESENA 04.10.1944
Descrizione

Località Carpineta, Cesena, Forlì-Cesena, Emilia-Romagna

Data 4 ottobre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 4

Numero vittime uomini 4

Numero vittime uomini adulti 4

Descrizione: Il 27 settembre 1944 una pattuglia di militari indiani appartenenti al contingente britannico giunse a San Martino (FC), lungo la rotabile Borghi-Sogliano nei pressi di Cesena che divideva lo schieramento tedesco da quello alleato, e fu accolta con gioia dagli abitanti di casa Renzi e da altri civili rifugiati nelle grotte scavate nel tufo vicino all’abitazione. Alcuni tedeschi attaccarono casa Renzi e al termine dell’azione, costrinsero cinque uomini italiani (Gnudi, Vandi, i due cugini Renzi, Guido e Mario, e l’anziano padrone di Casa Adamo Renzi), accusati di essere favoreggiatori degli Alleati, a seguirli per trasportare i feriti all’ospedale da campo di Santa Paola. Solo Adamo Renzi fu lasciato libero di tornare a casa, mentre gli altri furono costretti a proseguire con i tedeschi fino a Carpineta, raggiunta dopo 3 giorni, il 30 settembre 1944, e a restare con i tedeschi nella sede del loro comando insediato nell’abitazione della famiglia Strada che era stata costretta a lasciare la casa e a vivere in un rifugio improvvisato. Il 4 ottobre 1944 i quattro italiani prigionieri furono fucilati dai tedeschi dopo essere stati obbligati a scavarsi la fossa. I loro corpi furono sepolti da alcuni civili nei pressi del luogo dell’uccisione; in seguito furono traslati nei cimiteri dei rispettivi luoghi di residenza.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Annotazioni: La 114ª Jäger Division perpetrò altre stragi in Italia tra cui quelle di Filetto di Camarda (AQ) (7 giugno 1944), Onna (AQ) (11 giugno 1944), Gubbio (PG) (22 giugno 1944) e in Emilia-Romagna, dove la divisione fu responsabile fra l’altro della strage di Madonna dell’Albero (RA) del 27 novembre 1944.

Scheda compilata da ROBERTA MIRA
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-11 21:42:44

Vittime

Elenco vittime

Gnudi Raffaele, nato a Roversano (FC) il 12/06/1910, residente a Borghi (FC), meccanico, operaio. Cognato di Guido Renzi. Riconosciuto partigiano nelle Sap dall’08/09/1944 al 02/10/1944.
Renzi Guido, nato a Borghi (FC) il 15/01/1920, perito industriale, impiegato. Cognato di Raffaele Gnudi; cugino di Mario Renzi. Riconosciuto partigiano nelle Sap dall’08/09/1944 al 02/10/1944.
Renzi Mario, nato a Borghi (FC) il 02/12/1912, agricoltore. Cugino di Guido Renzi. Riconosciuto partigiano nelle Sap dal 02/09/1944 al 02/10/1944.
Vandi Guerrino, nato a Rimini il 09/11/1915, residente a Viserba (RN). Riconosciuto partigiano nelle Sap.

Elenco vittime partigiani 4

Gnudi Raffaele
Renzi Guido
Renzi Mario
Vandi Guerrino

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


114. Jäger-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie
Bibliografia


- Comune di Borghi, Celebrazioni del 40° anniversario della liberazione. Commemorazione dell’eccidio di nove cittadini di Borghi da parte delle truppe naziste. Commemorazione del 10° anniversario della uccisione del brigadiere Andrea Lombardini da parte delle Brigate rosse, Litografia Bersani, Gambettola, s.d.
- Vladimiro Flamigni, La “guerra ai civili” nell’Appennino forlivese, in Istituto per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena (a cura di), 1944. Stragi naziste e fasciste sull’Appennino tosco-romagnolo, Il Pontevecchio, Cesena, 2003, p. 80.
- Vladimiro Flamigni, Note sulla strage di Sarsina, in Vladimiro Flamigni, Massimo Scarani, Sarsina 28 settembre 1944. La rappresaglia tedesca nei documenti dello Special Investigation Branch, presentazione di Lorenzo Cappelli, Il Pontevecchio, Cesena, 2009, pp. 41-42.

Sitografia


- Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Università di Bologna, database dei partigiani dell’Emilia-Romagna:
http://www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/biblioteca/fondi-1/partigiani
(schede relative alla provincia di Forlì, ad nomen)

- Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Forlì-Cesena, elenco dei caduti partigiani:
http://www.istorecofc.it/caduti-formazioni-partigiane2.asp
(ad nomen)

Fonti archivistiche

Fonti

AISRFC, Eccidi, b. 11, fasc. 12.