Piobbico, Morelli, Piano, Sarnano, 29.03.1944

(Macerata - Marche)

Piobbico, Morelli, Piano, Sarnano, 29.03.1944

Piobbico, Morelli, Piano, Sarnano, 29.03.1944
Descrizione

Località Piobbico, Morelli, Piano, Sarnano, Macerata, Marche

Data 29 marzo 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 8

Numero vittime uomini adulti 4

Numero vittime uomini anziani 1

Numero vittime uomini senza informazioni 3

Descrizione: Il 29 marzo 1944, una settimana dopo l’eccidio di Montalto e lo scontro a fuoco di Monastero, fu la volta di Sarnano. L’obbiettivo era quello di annientare la banda di Piobbico di Sarnano, guidata dal sottotenente Decio Filipponi, con una grossa componente di montenegrini. Tra le prime a essere nate nell’Appennino marchigiano, dopo gli ultimi rastrellamenti era rimasta uno dei pochi baluardi per le formazioni del maceratese. Ma, al tempo stesso, le forze nazifasciste volevano recuperare il controllo delle statali 78 Ascoli-Macerata e 77 Foligno-Macerata, ormai in mano ai partigiani.
Nell’operazione di rastrellamento parteciparono non solo forze provenienti dal comando di Macerata ma anche da quello di Ascoli. Era l’alba quando gli Alpenjager tedeschi e gli uomini del Battaglione M “IX Settembre si diressero alla volta di Sarnano, bombardando a colpi di mortaio in direzione di abitazioni ed edifici pubblici. Una volta occupato il paese, radunarono in piazza gli uomini rastrellati nelle case, minacciando che sarebbero morti tutti impiccati se non avessero detto dove si trovavano gli antifascisti e i ribelli.
Nel frattempo altri soldati si diressero anche nelle frazioni vicine dove si ipotizzava potessero essere nascosti i partigiani. Fu allora che si incrociarono e uccisero, in frazione Morelli, l’invalido di guerra Amedeo Antognozzi che, terrorizzato da quanto stava accadendo, tentava di scappare; e nella frazione Piano ferirono gravemente il giovane Vito Birrozzi. Mario Catini, originario di Sant’Elpidio a Mare, venne freddato in piazza Perfetti, dentro al centro storico del paese. A Piobbico invece furono falciati dalla mitragliatrice i partigiani Enzo Miliucci e Ivo Pazzelli, come pure gli slavi Goicovich e Valdovich, sorpresi nella scuola elementare, e anche Giuseppe Perfetti, che invece rimase gravemente ferito.
Il comandante si trovava nella soffitta di casa Mariotti e quando si rese conto che i nazifascisti avrebbero fatto saltare l’abitazione e fatto strage tra i montanari ospitali nei loro confronti, decise di non resistere e presentarsi spontaneamente, confondendosi tra i comuni sfollati. Ma venne sfortunatamente identificato da una spia che era insieme agli assalitori e a quel punto i nazifascisti si accanirono contro di lui, per poi impiccarlo.
I sarnanesi rimasero fino alle 14 in piazza Vittorio Emanuele II, guardati a vista dai tedeschi, mentre veniva effettuata un’accurata perquisizione delle case. Infine, nel pomeriggio vennero rilasciati. È stata fino ad oggi convinzione comune che la salvezza di quella gente sia dipesa esclusivamente dalla scelta del tenente Filipponi di consegnarsi, come dichiarato da più fonti.

Modalità di uccisione: impiccagione,uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: incendio di abitazione,minamenti e esplosioni

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: Il fascicolo n. 1174 fu archiviato dal procuratore generale militare Enrico Santacroce il 14 gennaio 1960 con la formula standard: “Nonostante il lungo tempo trascorso dalla data del fatto suddetto, non si sono avute notizie utili per la identificazione dei loro autori e per l’accertamento della responsabilità”. Riaperto a seguito della scoperta della documentazione il 2 dicembre 1994 “contro Ignoti … per il reato di cui all’art. 185, 51 cpmg, 575 CP, commesso in Sarnano il 29 marzo 1944 in danno di Antognozzi Amedeo, Pazzelli Ivo, Filipponi Decio, Miliucci Enzo, più tre sconosciuti e tre altri feriti”, il procedimento è stato definitivamente archiviato con decreto del GIP l’8 gennaio 1996 per intervenuta prescrizione.

Annotazioni: Una parte della memorialistica e della bibliografia l’ha letto come rappresaglia a un episodio avvenuto il 24 marzo 1944, quando mentre a Braccano avveniva il noto eccidio, a Sarnano passarono tre tedeschi ubriachi e si fermarono nel negozio di Perogio. Lo slavo Luka Popovic, avvertito, corse in paese e, uccidendone uno nell’abitato, si diresse verso Piobbico trascinandosi dietro gli altri due catturati. A circa metà strada, si sbarazzò anche di loro. Dopo questo fatto, i partigiani temendo rappresaglie decisero di sbandarsi dirigendosi in piccoli gruppi in altre località. Rimase a Piobbico soltanto il ten. Filipponi che, passato qualche giorno, credendosi al sicuro, tornò in paese.

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-23 15:44:51

Vittime

Elenco vittime

Antognozzi Amedeo, n. 30/05/1883 a Sarnano, figlio di Gianbattista e Cesarano Placida, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 23/07/1946 a Macerata, messo comunale, invalido di guerra.

Catini Mario, n. 28/10/1925 a Sant’Elpidio a Mare, paternità Luigi, qualifica Partigiano fucilato, btg. 1° Maggio (15/09/1943 – 29/03/1944), riconosciutagli il 07/05/1946 ad Ancona, sfollato.

Filipponi Decio, n. nel 1921 a Roma, paternità Remo, qualifica Partigiano caduto, btg. Piobbico (08/10/1943 - 29/03/1944), grado Comandante – Maggiore, riconosciutagli il 26/03/1946 ad Ancona. All’8 settembre si trovava al Deposito reggimentale di Trieste, giunse nelle Marche di passaggio e a Sarnano conobbe Zeno Rocchi, combattente antifascista, tra i fondatori del Pci, pluriperseguitato, già condannato al tribunale speciale, punto di riferimento per tutta la resistenza maceratese. Quella conoscenza lo indusse a fermarsi nella zona e assumere il comando della formazione che si stava costituendo.

Miliucci Enzo, n. 19/01/1923 a Sarnano, figlio di Pietro e Perfetti Domenica, qualifica Partigiano caduto, btg. 1° Maggio (10/10/1943 – 29/03/1944), riconosciutagli il 26/03/1946 ad Ancona.

Pazzelli Ivo, n. 10/06/1920 a Sarnano, figlio di Luigi e Papi Brigida, qualifica Partigiano caduto, btg. 1° Maggio (12/11/1943 – 29/03/1944), riconosciutagli il 26/03/1946 ad Ancona.

Ignoto partigiano montenegrino, Franco Raicovic.

Ignoto partigiano slavo, detto Vladovich o Valdimiro o Wladomir.

Ignoto partigiano slavo, detto Goicovich o Goiko o Goico Kleseivic.

Elenco vittime civili 1

Antognozzi Amedeo

Elenco vittime partigiani 7

Catini Mario,
Filipponi Decio,
Miliucci Enzo,
Pazzelli Ivo,
Ignoto partigiano montenegrino, Franco Raicovic.
Ignoto partigiano slavo, detto Vladovich o Valdimiro o Wladomir.
Ignoto partigiano slavo, detto Goicovich o Goiko o Goico Kleseivic.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


5. Gebirgs-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

GNR di Ascoli Piceno

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Battaglione M- IX Settembre

Tipo di reparto: Reparto speciale

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Tolmino Cicalè

    Nome Tolmino

    Cognome Cicalè

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile -I tedeschi avevano con loro un giovane di Montegiorgio, tale Ciccalè Tolmino, che agli inizi di marzo 1944 si era presentato a Cardagnano dicendosi perseguitato dai fascisti e desideroso di associarsi ai patrioti di stanza a Piobbico. Nella contrada era rimasto qualche giorno ed era stato quindi accolto nella banda del tenente Filipponi, a cui era stato presentato dal presidente del Cln Zeno Rocchi. Dopo circa una settimana era ripassato, dichiarando di aver ottenuto una breve licenza per recarsi a trovare la famiglia, ma il 29 marzo era ricomparso con i nazifascisti, i quali, dietro sua indicazione, avevano fatto saltare in aria attraverso le mine le case dei partigiani. Dopo la liberazione fu denunciati all’Alto Commissario. Nel processo istruttorio le accuse furono confermate da vari testimoni, che tra l’altro, rivelarono che proprio su indicazione di Ciccalè, si procedette all’impiccagione di Filipponi, perché di fronte ai dinieghi di quest’ultimo di essere partigiano, l’imputato l’avrebbe smentito dicendo: “Ti conosco bene, sei stato il mio comandante per cinque giorni, ora comando io”.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Sarnano, Piazza della Libertà

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Sarnano, Piazza della Libertà

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Medaglia d’oro al valor militare a Decio Filipponi e laurea ad honorem.

  • luogo della memoria a Roma

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Roma

    Descrizione: Intitolazione di via a Decio Filipponi

  • luogo della memoria a Sarnano

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Sarnano

    Descrizione: Intitolazione di largo a Decio Filipponi

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Negli ultimi anni si è celebrato costantemente l’anniversario dell’eccidio, anche attraverso una marcia nei luoghi d’azione della banda Filipponi, soprattutto grazie l’attività dell’Anpi locale.

Bibliografia


AA.VV., Tolentino e la resistenza nel Maceratese, Accademia Filelfica, Tolentino 1964, p. 317-318.
Giacomo Boccanera, Sono passati i tedeschi. Episodi di guerra nel Camerinese, Università degli Studi di Camerino – Centro Interdipartimentale Audiovisivi e Stampa, Camerino 1994 (I ed. 1945), pp. 51-52.
Franco Giustolisi, L'armadio della vergogna, BEAT, Roma 2011, pp. 144-145.
Sonia Mearelli, La Resistenza a Matelica e Camerino, in Valentina Conti, Andrea Mulas (a cura di), Nuovi contributi per la storia della resistenza marchigiana, affinità elettive, Ancona 2002, pp. 157-187.
Ruggero Giacomini, Ribelli e partigiani. La Resistenza nelle Marche 1943-1944, Affinità elettive, Ancona 2008.
Giuseppe Corradini, Eroi senza medaglie, Cinque Lune, Roma 1970.
A. Ghiandoni, Ciò che vidi e udii a Sarnano (1943-'44-'45), Mierma, Camerino 1997.
Filipponi Decio, in Enciclopedia dell’Antifascismo e della resistenza, vol. II, La Pietra, Milano 1971.

Sitografia


www.storiamarche900.it/main?p=storia_territorio_sarnano

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Centrale dello Stato, Fondo Ricompart - Ufficio per il servizio riconoscimento qualifiche e per le ricompense ai partigiani, Marche, schedario e pratica:
n. 2652 (Decio Filipponi), trasmessa al Distretto militare di Roma 04/09/1959;
n. 2654 (Ivo Pazzelli);
n. 2655 (Enzo Miliucci);
n. 6291 (Alvise Scarsciotti);
n. 6883 (Mario Catini);
n. 18874 (Amedeo Antognozzi);
n. 19924 (Giuseppe Perfetti).
Archivio dell’istituto per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Macerata, fondo ANPI di Macerata, serie Comuni della Provincia, “Sarnano”, b. 4, f. 37.
Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, N 1/11, b. 2132.
Procura Generale Militare Roma, n. registro generale 1174, CPI, f. 9/121.