TESTICO 15.04.1945

(Savona - Liguria)

TESTICO 15.04.1945

TESTICO 15.04.1945
Descrizione

Località Costa Binella, Testico, Savona, Liguria

Data 15 aprile 1945 - 19 aprile 1945

Matrice strage Nazista

Numero vittime 27

Numero vittime uomini 25

Numero vittime uomini adulti 18

Numero vittime uomini anziani 7

Numero vittime donne 2

Numero vittime donne adulte 2

Descrizione: All’alba di domenica 15 aprile 1945 (la seconda dopo la Pasqua) due colonne tedesche muovono da Cesio e da Vellego verso il piccolo centro abitato di Ginestro, frazione di Testico, ove giungono alle sette del mattino per dare inizio al rastrellamento. I militari catturano una ventina di civili, uomini e donne sorpresi nelle loro case, e li legano con corde. Poi, proseguendo la marcia, uccidono senza apparente ragione un contadino al lavoro. Alle 8.00, arrivati nei pressi della chiesa, irrompono nell’edificio, catturano altre persone e pongono tutti gli ostaggi lungo un muro sotto la sorveglianza di un soldato. Il resto della truppa, in parte, prosegue con il rastrellamento che porterà alla cattura di altri ostaggi; in parte si dirige verso Poggio Bottaro. Intorno alle 9.00 un gruppo di partigiani, dalla vicina frazione di Santa Maria di Stellanello, spara sui tedeschi permettendo a 3 degli ostaggi di fuggire. In risposta, i tedeschi tornano verso la chiesa, si appostano presso l'osteria del paese e catturano altri 3 contadini di Torria. Infine, la colonna riparte con i prigionieri al seguito. Durante la marcia, si arresta presso la frazione Zerbini per catturare altri ostaggi. L'ultima tappa è Costa Binella ove avviene la selezione dei progionieri. Vengono rilasciati 3 giovani di Ginestro, 4 donne e 4 ragazze. Queste ultime verranno poi condotte al carcere di Imperia, sottoposte a interrogatori e paestaggi e rilasciate almeno una dozzina di giorni dopo. Restano in mano ai tedeschi 27 persone: 25 uomini e 2 donne che vengono separate dagli altri prigionieri, seviziate e uccise a colpi di baionetta. I 25 uomini, legati 2 a 2 col fil di ferro, sono falciati a colpi di mitragliatrice. Dopo il massacro, i corpi risultano irriconoscibili. Nel pomeriggio della domenica e nel giorno successivo, quando i compaesani raggiungono Costa Binella per cercare di identificare le vittime, per riconoscerle devono ricorrere al loro abbigliamento (Armando Zerbone e Leonardo Arduino ricordano di aver riconosciuto i rispettivi padri “solo dalle scarpe”).

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: sevizie-torture

Tipo di massacro: ritirata

Annotazioni: I testimonianze della strage ricordano un tedesco che, con il soprannome di “u megu” (ossia “il dottore”), facendosi passare per medico, trovò asilo presso i partigiani di Poggio Bottaro ove rimase per un periodo di 3 o 4 mesi, accolto come “uno del posto”. Parecchi asseriscono che, il 15 aprile 1945, costui abbia effettivamente guidato l'azione stragistica dei tedeschi grazie all'accurata conoscenza del territorio acquisita. Tali testimonianze trovano conferma nella documentazione presente nell'Archivio dell'Istituto Storico della Resistenza e dell'Età Contemporanea di Imperia (IsrecIM). Rusulta infatti che il medico tedesco, di nome Jacob Unkelbach (dai partigiani soprannominato “Antonio”), già sergente sanitario della Wermacht, fosse un disertore accolto dal Distaccamento “Garbagnati” della I Zona Operativa di Liguria. Nella relazione del 18 febbraio 1945 sull'incorporazione di Unkelbach al Distaccamento partigiano, il comandante Franco Bianchi (detto “Stalin”) riporta che il tedesco disertò “per non servire un padrone che lotta per una causa ingiusta” e asserisce che le informazioni sul suo conto fornite dagli abitanti di Tovo e di Villa Faraldi fossero tutte positive. In seguito al massacro, “Stalin” ricorda inoltre che il Comando Operativo della I Zona emanò l'ordine di fucilare tutti quei tedeschi disertori che, come “Jacob-Antonio”, destassero un sospetto anche minimo.
Del resto, sempre tramite l'Archivio dell'IsrecIM (cff. in particolare i documenti citati da F. BIGA in “La Resistenza in provincia di Imperia”, cit., pp. 271-275) è possibile ricostruire i movimenti dei partigiani della I Zona tra il 14 e il 15 aprile 1945. Rusulta infatti che, dal 14 aprile, i Distaccamenti dell'area ingauna attaccarono postazioni nazifasciste causando fughe, danni materiali e alcuni morti. In risposta, gli occupanti effettuarono numerosi rastrellamenti lungo la statale tra Imperia e Garessio per impedire assalti di partigiani ai reparti tedeschi prossimi alla “ritirata strategica” verso nord. Luigi Massabò, detto “Pantera”, Vicecomandante della Divisione Garibaldi “Silvio Bonfante”, in previsione dell'improvviso arrivo di truppe nazifasciste al Ponte Molino Nuovo di Andora e di un presumibile attacco all'alba del 15 aprile, dispose misure preventive: tra queste si riporta che “Per le 4 il Distaccamento 'G. Garbagnati' si trovi a Testico in posizione favorevole con la mitragliatrice pesante e controlli il movimento a Cesio e Casanova”. E' dunque assai probablie che i partigiani, che attaccarono i tedeschi tra Ginestro e Testico, appartenessero al Distaccamento “Garbagnati” e che , con loro, si trovasse Massimo Gismondi, detto “Mancen”, Comandante della I Brigata “Silvano Belgrano”. Nell'impossibilità di rispondere ai colpi sparati dai partigiani, è possibile che i tedeschi si siano ulteriormente accaniti contri i civili già imprigionati a Ginestro e che abbiamo in seguito catturato altri ostaggi.

Scheda compilata da CHIARA DOGLIOTTI e GIOSIANA CARRARA
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-09-04 09:34:30

Vittime

Elenco vittime

. Aicardi Elena: Testico (pr. SV), 6.08. 1897, casalinga (di anni 47);
. Ascheri Giuseppe: Testico (SV), 18.03.1894, agricoltore (51 anni);
. Barla Enrico Luigi Angelo: Cesio (pr. IM), 11.12.1884, proprietario (61 anni);
. Bruno Angelo: Testico (SV), 27. 10. 1873, agricoltore (71 anni);
. Bruno Giovanni: Testico (SV), 4.09.1906, agricoltore (38 anni);
. Danio Angelo Giovanni: Testico 15.03.1901, agricoltore (44 anni);
. Ferrari Giovanni: Vellego (SV), 8.02.1905, contadino (40 anni);
. Ferrua Giacinto: Erli (SV), 22. 06. 1909, contadino (35 anni);
. Gaibizio Bernardo: Testico (SV), 14.06.1871, contadino (74 anni);
. Garabello Pietro Bartolomeo: Santa Giulia (SV), 9.07.1882, contadino (62 anni);
. Merello Pietro: Testico (SV), 9.08. 1902, agricoltore (42 anni);
. Moreno Angelo, Vellego (SV), 2.10.1902, muratore (42 anni);
. Olivieri Pietro Giovanni Battista: Alassio (pr. SV), 4.10.1906, autista (38 anni);
. Pace Francesco: Vellego (SV), 1.01.1888, agricoltore (57 anni);
. Pellegrino Bartolomeo Carlo Settimio: Torria (pr. IM), 11.08.1904, contadino (40 anni);
. Regesta Giobatta: Testico (SV), 28.06.1887, agricoltore (58 anni);
. Sciandrini Antonio: Lavina (pr. IM), 11.09.1910, contadino (34 anni).
. Serafini Carlo: Olevano di Lomellina (PV), 29.11.1895, contadino (49 anni);
. Tirteo Anacleto: Testico (SV), 9.01.1897, agricoltore (48 anni);
. Vairo Americe: Vellego (SV), 17.07.1885, contadino (59 anni);
. Vairo Luigi: Testico (SV), 19.08. 1909, contadino (35 anni);
. Vairo Marcello: Testico (SV), 20.02.1902, contadino (43 anni);
. Zerbone Francesco: Vellego (SV), 3.07.1907, agricoltore (30 anni);
. Zerbone Filiberto: Vellego (SV), 5.08.1922, agricoltore (22 anni);
. Zerbone Mario: Vellego (SV), 19.10.1900, agricoltore (44 anni);
. Zerbone Lindo: Vellego (SV), 3.04.1910, agricoltore (35 anni);
. Zerbone Teresa: Vellego (SV), 26.05.1914, casalinga (30 anni).

Elenco vittime civili 27

. Aicardi Elena: Testico (pr. SV), 6.08. 1897, casalinga (di anni 47);
. Ascheri Giuseppe: Testico (SV), 18.03.1894, agricoltore (51 anni);
. Barla Enrico Luigi Angelo: Cesio (pr. IM), 11.12.1884, proprietario (61 anni);
. Bruno Angelo: Testico (SV), 27. 10. 1873, agricoltore (71 anni);
. Bruno Giovanni: Testico (SV), 4.09.1906, agricoltore (38 anni);
. Danio Angelo Giovanni: Testico 15.03.1901, agricoltore (44 anni);
. Ferrari Giovanni: Vellego (SV), 8.02.1905, contadino (40 anni);
. Ferrua Giacinto: Erli (SV), 22. 06. 1909, contadino (35 anni);
. Gaibizio Bernardo: Testico (SV), 14.06.1871, contadino (74 anni);
. Garabello Pietro Bartolomeo: Santa Giulia (SV), 9.07.1882, contadino (62 anni);
. Merello Pietro: Testico (SV), 9.08. 1902, agricoltore (42 anni);
. Moreno Angelo, Vellego (SV), 2.10.1902, muratore (42 anni);
. Olivieri Pietro Giovanni Battista: Alassio (pr. SV), 4.10.1906, autista (38 anni);
. Pace Francesco: Vellego (SV), 1.01.1888, agricoltore (57 anni);
. Pellegrino Bartolomeo Carlo Settimio: Torria (pr. IM), 11.08.1904, contadino (40 anni);
. Regesta Giobatta: Testico (SV), 28.06.1887, agricoltore (58 anni);
. Sciandrini Antonio: Lavina (pr. IM), 11.09.1910, contadino (34 anni).
. Serafini Carlo: Olevano di Lomellina (PV), 29.11.1895, contadino (49 anni);
. Tirteo Anacleto: Testico (SV), 9.01.1897, agricoltore (48 anni);
. Vairo Americe: Vellego (SV), 17.07.1885, contadino (59 anni);
. Vairo Luigi: Testico (SV), 19.08. 1909, contadino (35 anni);
. Vairo Marcello: Testico (SV), 20.02.1902, contadino (43 anni);
. Zerbone Francesco: Vellego (SV), 3.07.1907, agricoltore (30 anni);
. Zerbone Filiberto: Vellego (SV), 5.08.1922, agricoltore (22 anni);
. Zerbone Mario: Vellego (SV), 19.10.1900, agricoltore (44 anni);
. Zerbone Lindo: Vellego (SV), 3.04.1910, agricoltore (35 anni);
. Zerbone Teresa: Vellego (SV), 26.05.1914, casalinga (30 anni).

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Testico, cimitero

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Testico, cimitero

    Descrizione: stele in marmo con i 26 nomi (sic) delle vittime, collocata i tra due cippi in ricordo dei caduti delle guerre 1915-\'18 e 1949-\'45.

  • monumento a Testico, passo della Ginestra

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Testico, passo della Ginestra

    Descrizione: stele in marmo e lapide in marmo eretta dal Comune di Testico.

  • monumento a Testico, passo del Ginestro

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Testico, passo del Ginestro

    Descrizione: sacrario presso il Cimitero con lapidi in marmo sulle tombe dei caduti.

Bibliografia


G. Carrara, Stragi nazifasciste di civili nella provincia di Savona, in - G. Carrara, Stragi nazifasciste di civili nella provincia di Savona, in Savona in Guerra, Isrec, Marco Sabatelli Editore, Savona 2013, pp. 127-150;
- G. Malandra, I volontari della libertà della II zona partigiana ligure, Anpi di Savona, Prima soc. Coop. r. l., Genova 2005, pp. 354-382;
- R. Aicardi, Testico: l'eccidio del 15 aprile 1945, in “Storia e Memoria”, rivista ILSREC, anno XVII, n. 2, 2008, pp. 175-184;
- P. P. Rivello, Le stragi nell'albenganese del 1944 e 1945, Sottosopra Edizioni, Torino 2001;
- F. Biga, La Resistenza nella provincia di Imperia. Dal primo gennaio 1945 alla Liberazione, Imperia 2005, Vol. IV;
- Partigiani martiri della Resistenza. Sulle vie della montagna: le lapidi dei partigiani in provincia di Savona, a cura di G. Toscani, L. Editrice s.r.l., Cairo Montenotte (SV) 2012.
Savona in Guerra, Isrec, Savona, 2013, pp. 127-151

Sitografia


- Guerra ai civili, video-documentario di Primo Giroldini tratto dal DvD “Dalle montagne al mare. La Resistenza in Liguria”, realizzato con il patrocinio della Regione Liguria e dell\'Ilsrec, consulenza storica di R. Aicardi, M. Fiorillo e G. Levi, Effetto Notte 2011
- Stragi nazifasciste, 5° episodio del II capitolo del DVD-documentario a cura dell\'Isrec di Savona intitolato Europa-Italia-Savona. Guerra e Resistenza 1943-\'44-\'45, regia di Marta Arnaldi, riprese di Massimo Fornasier e testi di Giosiana Carrara
- http://lacategoriadeltempochepassa.weebly.com/

Fonti archivistiche

Fonti

- Archivio IsrecIM, Cartella 46, fascicolo 15, sezione 1 (per le informazioni sulle postazioni partigiane nella zona intorno a Testico).