VIA GAROFALO, BOLOGNA, 22.11.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

VIA GAROFALO, BOLOGNA, 22.11.1944

VIA GAROFALO, BOLOGNA, 22.11.1944
Descrizione

Località Via Garofalo, Bologna, Bologna, Emilia-Romagna

Data 22 novembre 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: La sera del 22 novembre 1944 l’industriale Francesco Pecori è prelevato dai fascisti dalla sua abitazione e ucciso. Il suo corpo viene abbandonato in via Garofalo.
Negli stessi giorni sono prelevati e ritrovati morti per le strade della città altri tre noti pro-fessionisti: Alfredo Svampa, Giorgio Maccaferri, Francesco Pecori.La loro brutale uccisione provoca una reazione di grande allarmismo nella popolazione cittadina: l’esecuzione somma-ria è letta infatti come un esplicito monito verso gli esponenti della borghesia bolognese che hanno scelto di non aderire alla RSI.
I nomi dei quattro uccisi figurano infatti nella ‘lista Jacchia': un elenco comprendente i nomi di un centinaio di intellettuali e imprenditori antifascisti bolognesi - probabilmente redatto negli stessi ambienti della Questura a giustificazione delle uccisioni – che secondo le autorità fasciste sarebbe stata trovata nella borsa del esponente del Partito d’Azione Mario Jacchia al momento del suo arresto a Parma il 3 agosto 1944.

Modalità di uccisione: fucilazione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: punitivo

Estremi e note penali: f.12/1947 - Costa Aldo, Masi Pietro, Matteini Romeo
sentenza n. ? del 13/06/1947
Costa e Masi, appartenenti alla BBNN, sono accusati di aver eseguito tra il 21 e il 22/11/1944 su ordine del federale Pietro Torri la cattura e l’uccisione dell’avv. Alfredo Svampa, del medico Pietro Busacchi e di Giorgio Maccaferri; nonché il 25/11/1944 l’arresto dell’avv. Angelo Senin, condotto prima alla Caserma Borgolocchi, quindi il 15/12/1944 consegnato al cap. Gold comandante del Comando SS cittadino e, a se-guito di interrogatorio, rilasciato.
Costa ammette di aver compiuto insieme a due militi della BBNN l’arresto dell’avv. Senin, mentre nega - come Masi – qualsiasi coinvolgimento nel fermo e uccisione degli altri professionisti. I due imputati risul-tano però identificati da numerosi testimoni.
Nessuna prova è invece emersa a proposito dell’uccisione di Francesco Pecori.
La corte riconosce colpevoli Masi e Costa del reato ascrittogli, e li condanna a 30 anni di reclusione (Ricorso in Cassazione rigettato).

Annotazioni: Si veda anche le schede Via Camicie Nere, Bologna, 21.11.1944; Cavalcavia di San Donato, Bologna, 21.11.1944; Via Porta Nova, 22.11.1944.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Conosciuta come l’eccidio dei professionisti la quadrupla uccisione di noti esponenti della borghesia bolo-gnese, inizialmente attribuita alle forze partigiane, su iniziativa del Prefetto Dino Fantozzi diviene oggetto di un’inchiesta interna all’ambito fascista

Scheda compilata da TONI ROVATTI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-04-29 13:51:03

Vittime

Elenco vittime

Pecori Francesco, n. l?11/ 09/1882 a Bologna - legato ai partigiani
Industriale conserviero. Milita nella Brigata Matteotti Città operando a Bologna. Era di sentimenti demo-cratici e antifascisti.
E\' ricordato nel Sacrario di Piazza Nettuno.
[Diz.IV]

Elenco vittime legate a partigiani 1

Pecori Francesco

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Bologna, piazza del Nettuno

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bologna, piazza del Nettuno

    Descrizione: Sacrario dei caduti partigiani di Bologna e provincia, piazza del Nettuno

Bibliografia


Alessandro Albertazzi, Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fa-scismo nel Bolognese (1919-1945), Dizionario biografico Vol. V, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1985-1998, ad nomen
Luciano Bergonzini, La svastica a Bologna: settembre 1943-aprile 1945, Il Mulino, Bologna, 1998, pp. 272, 277
Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel Bolognese (1919-1945), Vol. I Bologna dall’antifascismo alla Resistenza, ISREBO, Bologna, 2005, pp. 157-158, 167-169, 383
Frido von Senger und Etterlin, Combattere senza paura e senza speranza, Longanesi, Milano, 1968, p. 501

Sitografia


Cronologia Sala Borsa
21 novembre 1944 - Quattro noti professionisti trucidati dalle brigate nere
http://www.bibliotecasalaborsa.it/cronologia/bologna/1944/1623

Storia e Memoria di Bologna
Intellettuali bolognesi uccisi dai fascisti
http://memoriadibologna.comune.bologna.it/intellettuali-bolognesi-uccisi-dai-fascisti-73-evento

Pecori Francesco
http://memoriadibologna.comune.bologna.it/pecori-francesco-479043-persona

Fonti archivistiche

Fonti

AS Bologna, Corte d’Appello penale, CAS Bologna, fascicoli 1947, b. 1, f. 12

Cinque cittadini uccisi a colpi di arma da fuoco, «il Resto del Carlino», 26 novembre 1944

ACS, SPD, CR, RSI, b. 20, f. 123 Bologna, Il capo della provincia Fantozzi a Mussolini, 23.12.1944

ACS, MI, DGPS, AGR, RSI, b. 3, f. 17 Bologna, Relazione del questore Fabiani al capo della polizia, 1.12.1944