SCALO FERROVIARIO SAN DONATO, BOLOGNA, 12.07.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

SCALO FERROVIARIO SAN DONATO, BOLOGNA, 12.07.1944

SCALO FERROVIARIO SAN DONATO, BOLOGNA, 12.07.1944
Descrizione

Località Scalo Ferroviario San Donato, via Pioppe, Bologna, Bologna, Emilia-Romagna

Data 12 luglio 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: Nella prime ore del pomeriggio del 12 luglio 1944 in via Pioppe (Quarto Inferiore) due militi della GNR fer-roviaria, in perlustrazione presso lo scalo ferroviario San Donato, fermano i partigiani Aldo Arstani e Pietro Simoni. Trovati in possesso di armi i due fermati sono immediatamente uccisi con colpi d’arma da fuoco. Sulle pagine de “il Resto del Carlino” del 14 luglio 1944 l’esecuzione sul luogo della cattura è descritta quale legittima fucilazione eseguita dai legionari ferroviari «in ottemperanza al bando ministeriale».

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Estremi e note penali: CAS Bologna
f.356/1945 - Rinaldi Giorgio
sentenza. n. 217 del 2/12/1946

Il milite della GNR ferroviaria Rinaldi in servizio presso il Distaccamento di Porta Lame è ac-cusato di aver ucciso il 12/07/1944 a colpi di rivoltella i partigiani Simoni Pietro e Arstani Aldo, in concorso con il vice brigadiere Tinarelli Luigi. Non essendo accertato quale dei due militi sia l’esecutore materiale delle uccisioni, Rinaldi viene assolto dall’imputazione per in-sufficienza di prove.

Scheda compilata da TONI ROVATTI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-08 00:22:51

Vittime

Elenco vittime

Arstani Aldo, n. il 28/02/1925 a Crevalcore - partigiano
Nel 1943 residente a Bologna. Milita nella 4 Brigata Garibaldi Venturoli.
E\' sepolto nel Monumento Ossario ai Caduti Partigiani della Certosa di Bologna ed è ricordato nel Sacrario di Piazza Nettuno.
Simoni Pietro ‘Nino’, n. il 28/06/1921 a S. Giovanni in Persiceto - partigiano
Operaio. Residente a Bologna nel 1943. Presta servizio militare nei carabinieri a Torino e in Jugoslavia dal giugno 1939 al luglio 1943. Milita nel Battaglione Oriente della 4 Brigata Garibaldi Venturoli, operando a Granarolo Emilia.
E\' sepolto nel Monumento Ossario ai Caduti Partigiani della Certosa di Bologna ed è ricordato nel Sacrario di Piazza Nettuno.

Elenco vittime partigiani 2

Arstani Aldo
Simoni Pietro

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Reparto GNR non precisato

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Giorgio Rinaldi

    Nome Giorgio

    Cognome Rinaldi

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Responsabile fermo: milite scelto Giorgio Rinaldi (CAS Bologna) A livello processuale è accertata la responsabilità negli omicidi di Tinarelli, mentre esistono solo prove in-diziarie sulla partecipazione del Rinaldi alla sparatoria

    Note procedimento CAS Bologna f.356/1945 - Rinaldi Giorgio sentenza. n. 217 del 2/12/1946 Il milite della GNR ferroviaria Rinaldi in servizio presso il Distaccamento di Porta Lame è ac-cusato di aver ucciso il 12/07/1944 a colpi di rivoltella i partigiani Simoni Pietro e Arstani Aldo, in concorso con il vice brigadiere Tinarelli Luigi. Non essendo accertato quale dei due militi sia l’esecutore materiale delle uccisioni, Rinaldi viene assolto dall’imputazione per in-sufficienza di prove.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto GNR non precisato

  • Luigi Tinarelli

    Nome Luigi

    Cognome Tinarelli

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Responsabile fermo e fucilazione: vice brigadiere Luigi Tinarelli (CAS Bologna)

    Note procedimento CAS Bologna f.356/1945 - Rinaldi Giorgio sentenza. n. 217 del 2/12/1946 Il milite della GNR ferroviaria Rinaldi in servizio presso il Distaccamento di Porta Lame è ac-cusato di aver ucciso il 12/07/1944 a colpi di rivoltella i partigiani Simoni Pietro e Arstani Aldo, in concorso con il vice brigadiere Tinarelli Luigi. Non essendo accertato quale dei due militi sia l’esecutore materiale delle uccisioni, Rinaldi viene assolto dall’imputazione per in-sufficienza di prove.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto GNR non precisato

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Bologna, via Pioppe 2

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Bologna, via Pioppe 2

    Descrizione: Lapide dedicata ad Aldo Arstani e Pietro Simoni

  • monumento a Bologna, piazza del Nettuno

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bologna, piazza del Nettuno

    Descrizione: Sacrario dei caduti partigiani di Bologna e provincia, piazza del Nettuno

  • monumento a Bologna, cimitero della Certosa

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bologna, cimitero della Certosa

    Descrizione: Monumento Ossario ai Caduti Partigiani, cimitero della Certosa

Bibliografia


Alessandro Albertazzi, Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fa-scismo nel Bolognese (1919-1945), Dizionario biografico Vol. I e V , Istituto per la storia di Bologna, Bolo-gna, 1985-1998, ad nomen
Luciano Bergonzini, La svastica a Bologna: settembre 1943-aprile 1945, Il Mulino, Bologna, 1998, p. 111

Sitografia


Storia e Memoria di Bologna
Arstani Aldo
http://memoriadibologna.comune.bologna.it/resistenza/arstani-aldo-478034-persona

Simoni Pietro
http://memoriadibologna.comune.bologna.it/resistenza/simoni-pietro-478480-persona

Il filo rosso della memoria
Aldo e Nino
http://www.filorossomemoria.it/le-storie/50-aldo-e-nino

Fonti archivistiche

Fonti

AS Bologna, Corte d’Appello penale, CAS Bologna, sentenze , n. 217 del 2/12/1946
AS Bologna, Corte d’Appello penale, CAS Bologna,fascicoli 1945, b. 8, f. 356
Fucilati sul posto perché in possesso di armi, “il Resto del Carlino”, 14 luglio 1944