VIA SANTO STEFANO BOLOGNA 05.07.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

VIA SANTO STEFANO BOLOGNA 05.07.1944

VIA SANTO STEFANO BOLOGNA 05.07.1944
Descrizione

Località via Santo Stefano 71, Bologna, Bologna, Emilia-Romagna

Data 5 luglio 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Un agente della Polizia Ausiliaria ferma la mattina del 5 luglio 1944 in via Santo Stefano, nel tratto compre-so fra via dei Coltelli e via dei Buttieri, il partigiano Adelmo Tosi. Trovato in possesso di una rivoltella, il so-spetto viene condotto alla vicina caserma di via Fondazza per accertamenti. Al termine dell’interrogatorio è riportato nel luogo stesso della cattura, dove viene immediatamente fucilato da una squadra di agenti di Pubblica Sicurezza in parte in borghese. Sul cadavere abbandonato lungo la strada è apposto un cartello con la scritta: «Così muoiono i traditori».

Modalità di uccisione: fucilazione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: punitivo

Estremi e note penali: CAS Bologna
f.116/1946 - Pedrini Giuseppe
sentenza. n. 212 del 14/11/1946

L’agente di PS Giuseppe Pedrini - accusato dell’omicidio di Tosi e assolto per amnistia - dichiara nel corso degli interrogatori di aver accompagnato il 5/07/1944 Adelmo Tosi dalla caserma di via Fondazza a via Santo Stefano insieme al brigadiere Rigon e ad altri 6 o 7 agenti di PS in parte in bor-ghese, comandati dal tenente Scaravilli. Il quale giunti a destinazione gli diede l’ordine di in-terrompere il traffico stradale. Solo giunto all’altezza di via dei Coltelli il Pedrini sostiene di aver potuto sentito la scarica di moschetti.

Scheda compilata da TONI ROVATTI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-04-29 15:50:07

Vittime

Elenco vittime

Tosi Adelmo, n. il 13/10/1910 ad Anzola Emilia - partigiano
Fontaniere. Nel 1943 residente a Bologna. Presta servizio militare in fanteria. Milita con funzione di ispet-tore organizzativo di compagnia in un gruppo partigiano operante a Bologna, in seguito inserito nella 1 Brigata Garibaldi Irma Bandiera.
E\' ricordato nel Sacrario di Piazza Nettuno.
[Diz.Vol. V]

Elenco vittime partigiani 1

Tosi Adelmo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Giuseppe Pedrini

    Nome Giuseppe

    Cognome Pedrini

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento CAS Bologna f.116/1946 - Pedrini Giuseppe sentenza. n. 212 del 14/11/1946 L’agente di PS Giuseppe Pedrini - accusato dell’omicidio di Tosi e assolto per amnistia - dichiara nel corso degli interrogatori di aver accompagnato il 5/07/1944 Adelmo Tosi dalla caserma di via Fondazza a via Santo Stefano insieme al brigadiere Rigon e ad altri 6 o 7 agenti di PS in parte in bor-ghese, comandati dal tenente Scaravilli. Il quale giunti a destinazione gli diede l’ordine di in-terrompere il traffico stradale. Solo giunto all’altezza di via dei Coltelli il Pedrini sostiene di aver potuto sentito la scarica di moschetti.

    Nome del reparto Polizia Ausiliaria

  • Sconosciuto Scaravailli

    Nome Sconosciuto

    Cognome Scaravailli

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di indagine o di procedimento italiano

    Note responsabile Responsabile della fucilazione: tenente Scaravilli, al comando della squadra di PS (secondo le dichiarazioni processuali dell’agente Giuseppe Pedrini - CAS Bologna)

    Note procedimento CAS Bologna f.116/1946 - Pedrini Giuseppe sentenza. n. 212 del 14/11/1946 L’agente di PS Giuseppe Pedrini - accusato dell’omicidio di Tosi e assolto per amnistia - dichiara nel corso degli interrogatori di aver accompagnato il 5/07/1944 Adelmo Tosi dalla caserma di via Fondazza a via Santo Stefano insieme al brigadiere Rigon e ad altri 6 o 7 agenti di PS in parte in bor-ghese, comandati dal tenente Scaravilli. Il quale giunti a destinazione gli diede l’ordine di in-terrompere il traffico stradale. Solo giunto all’altezza di via dei Coltelli il Pedrini sostiene di aver potuto sentito la scarica di moschetti.

    Nome del reparto Polizia Ausiliaria

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Bologna, piazza del Nettuno

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bologna, piazza del Nettuno

    Descrizione: Sacrario dei caduti partigiani di Bologna e provincia, piazza del Nettuno

Bibliografia


Alessandro Albertazzi, Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fa-scismo nel Bolognese (1919-1945), Dizionario biografico Vol. V, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1985-1998, ad nomen
Luciano Bergonzini, La svastica a Bologna: settembre 1943-aprile 1945, Il Mulino, Bologna, 1998, p. 111

Sitografia


Storia e memoria di Bologna
Adelmo Tosi
http://memoriadibologna.comune.bologna.it/tosi-adelmo-479538-persona
Archivio Istituto Parri ER, Fondo Anpi, fototessera Tosi Adelmo
http://parridigit.istitutoparri.eu/fondi.aspx?key=dettaglio&fondo=21&rec_id=10759&from=sfoglia&cp=1606

Fonti archivistiche

Fonti

AS Bologna, Corte d’Appello penale, CAS Bologna, sentenze 1946, n. 212 del 14/11/1946
AS Bologna, Corte d’Appello penale, CAS Bologna,fascicoli 1946, b. 5, f. 116

Fucilato sul posto perché trovato armato, “il Resto del Carlino”, 6 luglio 1944