VIA RIMESSE BOLOGNA 01.04.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

VIA RIMESSE BOLOGNA 01.04.1944

VIA RIMESSE BOLOGNA 01.04.1944
Descrizione

Località via Rimesse, Bologna, Bologna, Emilia-Romagna

Data 1 aprile 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il comunista Remigio Venturoli, già condannato dal Tribunale speciale per la difesa dello Stato nei primi anni Trenta, è fra i primi organizzatori della Resistenza bolognese. Colloca alcune delle bombe esplose in città nell'autunno-inverno 1943 nei locali pubblici frequentati da nazisti e fascisti; e insieme a Bruno Pa-squali (e forse Emanno Galeotti) è artefice dell’attentato in cui il 26 gennaio 1944 resta ucciso il federale di Bologna Eugenio Facchini.
Durante lo sciopero generale proclamato dal dal CLN il 1 marzo 1944 fa saltare con una bomba gli scambi all'uscita del deposito tranviario della Zucca in via Saliceto, determinando il blocco della circolazione dei mezzi pubblici per diverse ore.
Identificato a seguito di delazione è prelevato da una squadra fascista il 1 aprile 1944 dalla panetteria di via Rimesse in cui lavora e nella strada antistante al locale è immediatamente giustiziato con un colpo di pisto-la alla testa. Abbandonato sul terreno, viene soccorso e trasportato all’ospedale Sant’Orsola, dove giunge però esanime.

Modalità di uccisione: fucilazione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: punitivo

Annotazioni: Simona Salustri attribuisce l’episodio a militi della brigata nera di Bologna e lo colloca il 1 marzo 1944.

Scheda compilata da TONI ROVATTI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-22 15:19:08

Vittime

Elenco vittime

Venturoli Remigio ‘Renato Zani’, n. il 23/02/1912 a Granarolo Emilia, antifascista/partigiano
Fornaio. Iscritto al PCI. Prestò servizio militare in fanteria nel 1933 a Venezia e nel 1941 in Albania. Nel 1930 partecipa come giovanissimo delegato al III congresso clandestino della FGCI a Montebudello (Monteve-glio). Arrestato con altri 116 militanti antifascisti, è deferito al Tribunale speciale per la difesa dello Stato e condannato a 1 anno e 6 mesi di detenzione che sconta a L\'Aquila. Dopo l’8 settembre 1943 è fra i primi organizzatori dei nuclei armati bolognesi. Milita nella 7 Brigata GAP Garibaldi Gianni come comandante di compagnia.
E\' sepolto nel Monumento Ossario ai Caduti Partigiani della Certosa di Bologna ed è ricordato nel Sacrario di Piazza Nettuno.

Elenco vittime partigiani 1

Venturoli Remigio

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Alla memoria di Remigio Venturoli viene intitolata la 4 Brigata Garibaldi operante nella provincia di Bologna

  • luogo della memoria a Bologna

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Bologna

    Descrizione: A Remigio Venturoli e al fratello Adelmo (caduto come combattente delle Brigate Internazionali nella guerra civile spagnola) è intitolata una via di Bologna

  • lapide a Bologna via Sante Vincenzi 60 angolo via Rimesse

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Bologna via Sante Vincenzi 60 angolo via Rimesse

    Descrizione: Lapide Remigio Venturoli

  • monumento a Bologna, piazza del Nettuno

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bologna, piazza del Nettuno

    Descrizione: Sacrario dei caduti partigiani di Bologna e provincia, piazza del Nettuno

  • monumento a Bologna, cimitero della Certosa

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bologna, cimitero della Certosa

    Descrizione: Monumento Ossario ai Caduti Partigiani, cimitero della Certosa

Bibliografia


Alessandro Albertazzi, Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fa-scismo nel Bolognese (1919-1945), Dizionario biografico Vol. V, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1985-1998, ad nomen
Luciano Bergonzini, Luigi Arbizzani, La Resistenza a Bologna. Testimonianze e documenti, vol. V [testimo-nianza di Linceo Graziosi], Istituto per la storia di Bologna, Bologna,1980, pp. 211-214

Sitografia


ANPI - Donne e uomini della Resistenza
Remigio Venturoli
http://www.anpi.it/donne-e-uomini/remigio-venturoli/

Storia e memoria di Bologna
Remigio Venturoli
http://www.storiaememoriadibologna.it/venturoli-remigio-478521-persona

Monumenti che parlano: la Resistenza a San Vitale
Lapide Remigio Venturoli
http://www.comune.bologna.it/sanvitale-resistenza/venturoli.php

Fonti archivistiche

Fonti

Secondo Onofri il 5 aprile in un’informativa per il ministero dell\'Interno il capo provincia di Bologna annota: «nella notte del 1°corrente in una via di questa città è stato rinvenuto ferito da colpo di arma da fuoco alla testa il comunista Venturoli Remigio che trasportato al locale Ospedale Sant\'Orsola giungeva cadavere».
Non è stato possibile rintracciare il documento originale.