Colombara, Monte San Pietro, 06.10.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

Colombara, Monte San Pietro, 06.10.1944

Colombara, Monte San Pietro, 06.10.1944
Descrizione

Località Colombara, Monte San Pietro, Monte San Pietro, Bologna, Emilia-Romagna

Data 6 ottobre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: Le notizie su questo episodio sono frammentarie e si auspica un maggiore approfondimento. Comunque appare sufficientemente chiaro il quadro in cui tale episodio avviene. La zona a ovest del fiume Reno, durante l'avanzata alleata nel territorio tra i fiumi Reno e Setta, viene a trovarsi nelle immediate retrovie e ancora numerosa è la presenza dei partigiani.
Il 4 ottobre prende avvio un grande rastrellamento contro i partigiani che sono presenti su Monte Radicchio (tra Marzabotto, al di là del fiume Reno, e Savigno). La battaglia dura alcune ore tra tedeschi e la formazione "Pilota" di Gino Costantini che si trova assieme al Battaglione "Rovinetti" (7° GAP); i partigiani accusano alcuni feriti e due morti (Dondarini e Sandrolini). L'operazione prosegue anche il giorno seguente, anzi si estende. Nel tardo pomeriggio del 5 ottobre una colonna di SS tedesche transita da Calderino verso Montepastore e durante il passaggio dall'abitato la gente si chiede cosa sta succedendo. Anche Osti si trova sul ciglio della strada e li segue, anzi li precede, quando un camion si ferma e due giovani soldati, armi in pugno, lo costringono a salire; pochi chilometri più avanti, a Casa Sambro di Colombara, Osti viene fatto scendere e fucilato. È ormai sera, quando il postino Masini torna a casa lungo la strada di Gavignano, i tedeschi lo vedono e lo uccidono.
L'azione, lo stesso giorno, coinvolge anche la zona di Luminasio (Marzabotto): a Crocette, Cuppi, che si sta riparando dalla pioggia con l'ombrello, quando vede i tedeschi si dà alla fuga ma viene ucciso, a Casola viene fucilato Serra.
Quel giorno anche la zona di Sperticano è sotto rastrellamento, due le vittime: Lolli, nel tentativo di sottrarsi alla fuga, viene raggiunto e ucciso lungo la sponda del fiume Reno, invece in località Roncadelle viene ucciso Zagnoni.
Il giorno seguente (6 ottobre) un nuovo rastrellamento coinvolge il comune di Monte San Pietro, durante il quale vengono catturati circa 150 uomini che vengono deportati in Germania, da dove molti non faranno più ritorno.

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: deportazione della popolazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da Massimo Turchi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-03 20:35:18

Vittime

Elenco vittime

1. Masini Celso 05/12/1895 05/10/1944 Monte S. Pietro Monte San Pietro Colombara Casa Sambro Postino
2. Osti Mario 18/05/1926 05/10/1944 Monte S. Pietro Monte San Pietro Gavignano Pilastrino Falegname

Elenco vittime indefinite 2

Masini Celso,
Osti Mario

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Dario Zanini, "Marzabotto e dintorni 1944", Ponte Nuovo, Bologna, 1996.
Adolfo Belletti, "Dai monti alle risaie (63° Brigata Garibaldi "Bolero"), ANPI, Bpologna, 19842
Renato Giorgi, "Marzabotto parla", Modena, Panini, 2007
Gino Costantini, con Gabriele Ronchetti, "Il coraggio non si compra. Storia del comandante partigiano John", Modena, Artestampa, 2010
Comitato Regionale per le onoranze ai Caduti di Marzabotto, "Marzabotto. Quanti, chi e dove", Ponte Nuovo, Bologna, 19962.
Elenco nominativo dei partigiani dell'Emilia Romagna - Bologna. Ricerca coordinata da Luciano Casali e Alberto Preti (ultimo aggiornamento 2013) www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/biblioteca/fondi-1/partigiani

Sitografia


Progetto \"Storia e Memoria di Bologna\": www.storiaememoriadibologna.it

Fonti archivistiche

Fonti