SAVIGNANO GRIZZANA 30.09.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

Episodio di riferimento: MONTE SOLE, 29.09.1944-05.10.1944

SAVIGNANO GRIZZANA 30.09.1944

SAVIGNANO GRIZZANA 30.09.1944
Descrizione

Località Savignano Grizzana, Grizzana Morandi, Bologna, Emilia-Romagna

Data 30 settembre 1944 - 1 ottobre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 9

Numero vittime uomini 9

Numero vittime uomini adulti 9

Descrizione: Alla fine di settembre i soldati tedeschi di stanza a Savignano se ne vanno e il comandante dice ai lavoratori della Todt, addetti alla costruzione delle fortificazioni, di non sapere se l'indomani aveva bisogno di loro e gli chiede di tornare il giorno seguente per avere una risposta. Nel frattempo le truppe tedesche si sono avvicendate e sono arrivate unità SS. I nove lavoratori italiani però, ignari di questo avvicendamento, la mattina del 30 settembre, partono per raggiungere il comando tedesco, ma, arrivati in località Palazzina vengono fermati, interrogati, poi vengono fatti tornare indietro per essere accompagnati al comando militare di Rocchetta Mattei (Grizzana), dove vengono nuovamente interrogati e al termine viene consegnato loro un foglio: devono presentarsi al comando di compagnia a Savignano, dove devono recarsi scortati da due soldati. I nove uomini rimangono al comando fino alle cinque di pomeriggio, quando arriva un sergente delle SS con sei soldati e, armi alla mano, gli ordina di seguirlo per andare a lavorare. Arrivati nei pressi di La Palazzina si uniscono altri soldati e il gruppo inizia a scendere verso il fiume. Giunti vicino a Ca' Boschetti si fermano e ai prigionieri viene chiesto di scavarsi la fossa. A quel punto gli operai iniziano ad agitarsi e i soldati, sotto la minaccia della armi, li costringono a proseguire. Nanni tenta il tutto per tutto e scappa in direzione della casa. Subito due soldati lo inseguono. Il fuggiasco riesce ad arrivare all'abitazione dove vive un'anziana donna e la implora di nasconderlo, ma i tedeschi l'hanno già raggiunto e letteralmente lo strappano dalle vesti della signora e lo picchiano, riportandolo insieme agli altri. I prigionieri, dopo aver fatto loro deporre gli effetti personali, vengono fucilati e seppelliti malamente. Uno dei nove prigionieri: Bruni Alfonso è però stato solamente ferito a un braccio ed è svenuto cadendo a terra sotto il peso dei compagni morti, per questo motivo si salva, anche se per il resto della sua vita porterà i postumi del dramma vissuto.
Lo stesso giorno (30 settembre) il dottor Macentelli si sta recando da una famiglia che abita in località Traversa e lungo il percorso incontra un capitano tedesco (forse è lo stesso che ha comandato la fucilazione degli altri nove) il quale gli ordina di non farsi più vedere in quel luogo pena la morte. Il medico, dopo aver visitato la bambina ammalata, racconta alla madre quanto gli è accaduto e la stessa donna gli chiede di non tornare il giorno seguente. Ma il 1° ottobre il medico, munito sempre del segno distintivo della Croce Rossa, riparte per tornare a far visita all'ammalata, ma giunto nello stesso luogo incontra di nuovo il capitano tedesco che lo uccide.
Due sono le versioni sulla morte del medico, la prima asserisce che il medico fu portato nel luogo dell'altro eccidio e, dopo avergli fatto scavato la fossa, viene ucciso, la seconda (più convincente) afferma che il medico venne ucciso nel luogo stesso dove incontrò il capitano tedesco.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: massacro eliminazionista

Scheda compilata da MASSIMO TURCHI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-07-19 14:11:23

Vittime

Elenco vittime

Accursi Giovanni 27/02/1904 30/09/1944 Grizzana Grizzana Savignano Collina Boschetti Muratore
Alessani Ettore 11/03/1911 30/09/1944 Grizzana Grizzana Savignano Collina Boschetti Colono
Bonaiuti Augusto 13/03/1902 30/09/1944 Vergato Grizzana Savignano Collina Boschetti Operaio
Fornasini Dante 14/06/1897 30/09/1944 Grizzana Grizzana Savignano Collina Boschetti Operaio
Fornasini Francesco 12/09/1902 30/09/1944 Grizzana Grizzana Savignano Collina Boschetti Muratore
Nanni Edoardo 24/02/1927 30/09/1944 Vergato Grizzana Savignano Collina Boschetti Colono
Palmieri Nino 03/02/1927 30/09/1944 Grizzana Grizzana Savignano Collina Boschetti Coltivatore diretto
Venturi Adelmo 30/10/1889 30/09/1944 Vergato Grizzana Savignano Collina Boschetti Operaio
Macentelli Enea 10/02/1914 01/10/1944 Bologna Grizzana Savignano Collina Boschetti Medico chirurgo

Elenco vittime civili 9

Accursi Giovanni
Alessani Ettore
Bonaiuti Augusto
Fornasini Dante
Fornasini Francesco
Nanni Edoardo
Palmieri Nino
Venturi Adelmo
Macentelli Enea

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Sentenze dei tribunali militari riferite a episodi comprendenti o attinenti a questo
Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Savignano, Grizzana Morandi

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Savignano, Grizzana Morandi

    Descrizione: Lapide a Savignano in ricordo dei civili uccisi

Bibliografia


Giorgio Sirgi, "Savignano 30 settembre 1944. Ignominioso eccidio di persone inermi da parte dell'esercito tedesco ed altri analoghi eccidi a Castel di Casio, Burzanella e Verzuno. Per non dimenticare", (Stampa a cura dell'autore), 2004.
Dario Zanini, "Marzabotto e dintorni 1944", Ponte Nuovo, Bologna, 1996.
Elenco nominativo dei partigiani dell'Emilia Romagna - Bologna. Ricerca coordinata da Luciano Casali e Alberto Preti (ultimo aggiornamento 2013) www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/biblioteca/fondi-1/partigiani

Sitografia


Progetto \"Storia e Memoria di Bologna\": www.storiaememoriadibologna.it

Fonti archivistiche

Fonti

Procura militare di La Spezia, numero registro: 936
Fonte CPI: 44/1, 21/2; 49/3
Fonte CIT: AUSSME N. 1/11, b. 2131 bis