Castelluccio, Porretta Terme, 12.08.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

Castelluccio, Porretta Terme, 12.08.1944

Castelluccio, Porretta Terme, 12.08.1944
Descrizione

Località Castelluccio, Porretta Terme, Porretta Terme, Bologna, Emilia-Romagna

Data 12 agosto 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 5

Numero vittime uomini 5

Numero vittime uomini adulti 5

Descrizione: L'operazione coinvolge i comuni di Granaglione e Porretta Terme, e in parte anche Lizzano (Monteacuto delle Alpi). Dopo che i tedeschi sono venuti a sapere di un lancio alleato fatto ai partigiani di "Giustizia e Libertà" e "Toni", compiuto il 3 agosto nei pressi di Monte Cavallo di Granaglione (Urio Nanni ne aveva requisito una parte), il giorno 11 iniziano il rastrellamento durante il quale catturano tre civili (Taruffi Raffaele e Aladino e Ballerini) in più riescono anche a recuperare molto del materiale lanciato. Poi, le truppe, guidate dalla guardia forestale Calvani, proseguono il rastrellamento fin quando, vicino a Castelluccio, catturano: Angelo Agostini, Lino Degli Esposti, Amos Menzani, Paul Henri Moscard e Gennaro Sabattini. Tutti i prigionieri vengono condotti a Castelluccio di Porretta e rinchiusi nelle scuole. Il giorno seguente (12 agosto) i cinque vengono fucilati, la sorte degli altri prigionieri è diversa: dei primi tre che erano stati catturati, uno viene rilasciato (lavora alla Todt), gli altri due sono rinchiusi a Granaglione e dopo tre giorni deportati in Germania. Il rastrellamento però si è spinto fino alla frazione di Monteacuto (Lizzano in Belvedere), dove i soldati: "un gruppo di repubblicani guidati da ufficiali tedeschi", scrive il parroco della frazione, sono arrivati la sera dell'11 e lì hanno dormito; il mattino seguente, prima dell'alba, rastrellarono tutti gli uomini che trovano per deportarli in Germania, solo uno (Brasa Orfeo) riesce a dileguarsi. Ritorneranno tutti alla fine della guerra.

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: deportazione della popolazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Uff. P.M. Sez. Spec. Corte Assise - Bologna, 8/3/46.
Definito.
Non luogo provvedere 21/11/94.
Tribunale competente:
Corte d'Assise Speciale di Bologna

Annotazioni: Si ritiene che le truppe coinvolte nel rastrellamento siano le stesse che operarono la strage di Biagioni a Granaglione il 4 luglio 1944 (rimando alla scheda relativa). Tali truppe: III Freiwilligen Battaillon Italien, infatti, fin dal giugno 1944 presidiano la linea ferroviaria porrettana (da Porretta Terme a Pracchia) e lasciano il territorio il giorno 15 agosto, tre giorni dopo la strage di Castelluccio, e non è un caso che il rastrellamento sia partito dal territorio di Granaglione.

Scheda compilata da Massimo Turchi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-25 10:58:50

Vittime

Elenco vittime

1. Agostini Angelo 23/10/1905 12/08/1944 Porretta Terme Porretta Terme Castelluccio Carettiere
2. Degli Esposti Lino 16/06/1917 12/08/1944 Castel di Casio Porretta Terme Castelluccio Carettiere
3. Menzani Amos 11/08/1925 12/08/1944 Vergato Porretta Terme Castelluccio Operaio
4. Moscard Paul Henri 12/08/1944 Francese Porretta Terme Castelluccio
5. Sabbatini Germano 22/01/1910 12/08/1944 Porretta Terme Porretta Terme Castelluccio Boscaiolo

Elenco vittime civili 3

Menzani Amos,
Moscard Paul Henri,
Sabbatini Germano

Elenco vittime partigiani 2

Agostini Angelo,
Degli Esposti Lino

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


SS reparto non precisato

Tipo di reparto: Waffen-SS

SS italiane reparto non precisato

Tipo di reparto: Waffen-SS

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Castelluccio di Porretta Terme

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Castelluccio di Porretta Terme

    Descrizione: Castelluccio di Porretta, lapide a ricordo dei fucilati.

Bibliografia


Marco Facci-Alessandro Borri, "Porretta dall'Unità alla Repubblica (1859-1948), Porretta Terme (Bologna), Gruppo Studi Alla Valle del Reno-Comune di Porretta Terme, 1998
Pier Giorgio Ardeni, "Cento ragazzi e un capitano. La brigata Giustizia e Libertà "Montagna" e la Resistenza sui monti dell'alto Reno tra storia e memoria", Pendragon, Bologna, 2014
Luciano Bergonzini, "La Resistenza a Bologna. Testimonianze e documenti", vol. V, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1970.
Dario Zanini, "Marzabotto e dintorni 1944", Ponte Nuovo, Bologna, 1996.
Elenco nominativo dei partigiani dell'Emilia Romagna - Bologna. Ricerca coordinata da Luciano Casali e Alberto Preti (ultimo aggiornamento 2013) www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/biblioteca/fondi-1/partigiani

Sitografia


Progetto \"Storia e Memoria di Bologna\": www.storiaememoriadibologna.it

Fonti archivistiche

Fonti

Procura militare di La Spezia, numero registro: 960
Fonte CPI: 49/15, 22/137 e 44/9; 44/1 e 44/10
Fonte CIT: AUSSME n. 1/11, b. 2131 bis