MARMORTA MOLINELLA 11-14.07.1944

(Bologna - Emilia-Romagna)

MARMORTA MOLINELLA 11-14.07.1944

MARMORTA MOLINELLA 11-14.07.1944
Descrizione

Località Marmorta, Molinella, Bologna, Emilia-Romagna

Data 11 luglio 1944 - 14 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: L’11 luglio 1944 durante un rastrellamento tedesco a Marmorta di Molinella Primo Cavallini fu catturato nella sua abitazione in via Fiume Vecchio 189. Poco dopo i tedeschi catturarono anche il figlio di Cavallini, Nino, che cercò prima di nascondersi e poi di fuggire, ma fu costretto a fermarsi perché i tedeschi gli sparavano contro. Padre e figlio furono portati al presidio fascista (della Guardia nazionale repubblicana secondo le dichiarazioni di Nino Cavallini) di Alberino di San Pietro Capofiume (frazione del Comune di Molinella) e lì rinchiusi per essere interrogati. Per far loro rivelare dove fossero i partigiani i tedeschi minacciarono e malmenarono entrambi. Secondo le dichiarazioni del figlio, dopo tre giorni (quindi il 14 luglio 1944) Primo Cavallini fu prelevato da tedeschi che dissero che doveva aiutarli a condurre del bestiame; Cavallini non fece più ritorno. Il figlio Nino fu invece trasferito a Molinella, poi a Bologna nella sede del Sicherheitsdienst di via Santa Chiara e infine al carcere di San Giovanni in Monte, da dove dichiarò di essere fuggito grazie all’attacco dei partigiani della 7. Gap del 9 agosto 1944.

Modalità di uccisione: INDEFINITA

Violenze connesse: deportazione della popolazione,furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: punitivo

Annotazioni: Secondo il Dizionario e il sito Storia e memoria di Bologna, che si basa sul Dizionario, Primo Cavallini è «caduto» l’11/07/1944.
Episodi collegati:
probabilmente si trattò dello stesso rastrellamento in cui fu ucciso Gustavo Tullini: v. episodio Marmorta, 11/07/1944.

Scheda compilata da Roberta Mira
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-04-29 14:56:26

Vittime

Elenco vittime

Cavallini Primo, anni 53, agricoltore. Riconosciuto partigiano della 5. brigata Matteotti “Bonvicini” dal 11/02/1944 all’11/07/1944.

Elenco vittime partigiani 1

Cavallini Primo.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • altro a Bologna, piazza Nettuno

    Tipo di memoria: altro

    Ubicazione: Bologna, piazza Nettuno

    Descrizione: Bologna, piazza Nettuno: Primo Cavallini è ricordato nel sacrario dei caduti partigiani.

Bibliografia


Alessandro Albertazzi, Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945), vol. II, Dizionario biografico A-C, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, Bologna, 1985, pp. 489-490. [Dizionario]

Sitografia


Storia e memoria di Bologna:
Cavallini Nino
http://memoriadibologna.comune.bologna.it/cavallini-nino-510914-persona
Cavallini Primo
http://memoriadibologna.comune.bologna.it/cavallini-primo-479238-persona
Database dei partigiani dell\'Emilia Romagna coordinato da Luciano Casali:
- Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Università di Bologna, Database dei partigiani dell’Emilia-Romagna:
http://www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/biblioteca/fondi-1/partigiani

Fonti archivistiche

Fonti

AISPER, Commissione parlamentare d’inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti (Armadio della vergogna), 4 Docc. consegnati maggio 2009, 44/1, f. 493, Legione territoriale dei carabinieri di Bologna, Compagnia esterna seconda, Specchio delle violenze commesse da tedeschi e fascisti contro le popolazioni civili di questa giurisdizione, 20?/04/1946 e ff. 510, 512 verbali di interrogatorio di Nino Cavallini (figlio della vittima), 27/03/1946 e di Irma Calori, 26/03/1946 ivi allegati. La dichiarazione di Calori è anche in AISPER, Fondo Commissione parlamentare d’inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti (Armadio della vergogna), 2 Docc. consegnati 2004 n. 2, 16/7, ff. 1-4, Procura militare della Repubblica presso il Tribunale militare di La Spezia, Procedimento penale contro ignoti sottoposti ad indagine per il reato art. 188 Cpmg. commesso in Marmorta di Molinella l’11.7.1944 in danno di Carlori Irma; oggetto: perquisizione e arresto arbitrario di Calori Irma da parte di soldati tedeschi e furto di tutto il mobilio; la dichiarazione di Cavallini è anche in AISPER, Fondo Commissione parlamentare d’inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti (Armadio della vergogna), 2 Docc. consegnati 2004 n. 2, 16/8, ff. 1-4, Procura militare della Repubblica presso il Tribunale militare di La Spezia, Procedimento penale contro ignoti sottoposti ad indagine per il reato art. 185 Co 1° Cpmg. commesso in Marmorta di Molinella l’11.7.1944 in danno di Cavallini Nino; Cavallini Primo; oggetto: arresto e percosse a Cavallini Nino e Cavallini Primo da parte di soldati tedeschi e in AISPER, Fondo Commissione parlamentare d’inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti (Armadio della vergogna), 1 Docc. consegnati 2004 n. 1, 49/14, ff. 6-7, Procura generale militare della Repubblica, Procedimento contro ignoti militari fascisti e tedeschi per il reato di arresto arbitrario e percosse, parti lese Cavallini Nino, Cavallini Primo.