VARESE 19.03.1945

(Varese - Lombardia)

VARESE 19.03.1945

VARESE 19.03.1945
Descrizione

Località Varese, Varese, Varese, Lombardia

Data 19 marzo 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Con la fine della guerra, rastrellamenti ed esecuzioni sommarie si fanno più frequenti. In una nota della Prefettura di Varese, del 19 marzo 1945 si legge: “Contingenze attuali obbligano capi Province et vari organi militari dipendenti at azioni armate continue, agili, fatte con pochi uomini ben armati e tali da non dare tregua la nemico”. È in questo contesto che si colloca l’uccisione di Giancarlo Gavazzi. Gavazzi è un meccanico di 18 anni, di Seregno, che aveva disertato dalla Gnr unendosi ai partigiani. Viene arrestato a Gavirate dai suoi ex camerati per delazione di Luigi Lamperti e, passato per le armi il 19 marzo 1945. La vita del prigioniero viene “giocata” a dadi dai militi della caserma “Ettore Muti” di Varese, sede del Battaglione Mobile della Gnr “ordine pubblico”. L’idea è del capitano Aldo Ferioli: far estrarre a sorte il nome di chi, simulando un tentativo di fuga, dovrà fare fuoco. Tocca ad un ragazzo, della stessa età del Gavazzi, ma si rifiuta. Si offre Ugo Uggeri, 22 anni, milanese. Gavazzi cade, ucciso con un colpo alla tempia, alle 23.15 nel piccolo cortile dove sono alloggiati i mezzi del Battaglione Mobile.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Il 2 luglio 1946 compaiono davanti alla Sezione speciale della Corte d’assise di Varese, 6 militi del Battaglione Mobile della Gnr “Ordine pubblico”, con sede nella caserma “Ettore Muti”: Uggeri Ugo, Farioli Aldo, Pedron Gino, Ramperti Arnaldo, Villa Loris, Lamperti Luigi.
Uggeri e Farioli, responsabili di molti altri crimini, vengono condannati con sentenza del 3 luglio a morte; gli altri imputati assolti “per insufficienza di prove”. La sentenza di morte non verrà mai eseguita.
Tribunale competente:
Corte d’Assise Sezione speciale di Varese

Scheda compilata da ROBERTA CAIROLI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-24 17:29:50

Vittime

Elenco vittime

Gavazzi Giancarlo, 18 anni, meccanico, residente a Seregno.

Elenco vittime disertori 1

Gavazzi Giancarlo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Ufficio Politico Investigativo/GNR di Varese

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Aldo Farioli

    Nome Aldo

    Cognome Farioli

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Farioli Aldo, 40 anni, di Fagnano Olona;

    Note procedimento Il 2 luglio 1946 compaiono davanti alla Sezione speciale della Corte d’assise di Varese, 6 militi del Battaglione Mobile della Gnr “Ordine pubblico”, con sede nella caserma “Ettore Muti”: Uggeri Ugo, Farioli Aldo, Pedron Gino, Ramperti Arnaldo, Villa Loris, Lamperti Luigi. Uggeri e Farioli, responsabili di molti altri crimini, vengono condannati con sentenza del 3 luglio a morte; gli altri imputati assolti “per insufficienza di prove”. La sentenza di morte non verrà mai eseguita. Tribunale competente: Corte d’Assise Sezione speciale di Varese

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Ufficio Politico Investigativo/GNR di Varese

  • Arnaldo Ramperti

    Nome Arnaldo

    Cognome Ramperti

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Ramperti Arnaldo, 33 anni, di Tradate

    Note procedimento Il 2 luglio 1946 compaiono davanti alla Sezione speciale della Corte d’assise di Varese, 6 militi del Battaglione Mobile della Gnr “Ordine pubblico”, con sede nella caserma “Ettore Muti”: Uggeri Ugo, Farioli Aldo, Pedron Gino, Ramperti Arnaldo, Villa Loris, Lamperti Luigi. Uggeri e Farioli, responsabili di molti altri crimini, vengono condannati con sentenza del 3 luglio a morte; gli altri imputati assolti “per insufficienza di prove”. La sentenza di morte non verrà mai eseguita. Tribunale competente: Corte d’Assise Sezione speciale di Varese

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Ufficio Politico Investigativo/GNR di Varese

  • Gino Pedron

    Nome Gino

    Cognome Pedron

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Pedron Gino, 26 anni, di Borgoricco

    Note procedimento Il 2 luglio 1946 compaiono davanti alla Sezione speciale della Corte d’assise di Varese, 6 militi del Battaglione Mobile della Gnr “Ordine pubblico”, con sede nella caserma “Ettore Muti”: Uggeri Ugo, Farioli Aldo, Pedron Gino, Ramperti Arnaldo, Villa Loris, Lamperti Luigi. Uggeri e Farioli, responsabili di molti altri crimini, vengono condannati con sentenza del 3 luglio a morte; gli altri imputati assolti “per insufficienza di prove”. La sentenza di morte non verrà mai eseguita. Tribunale competente: Corte d’Assise Sezione speciale di Varese

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Ufficio Politico Investigativo/GNR di Varese

  • Loris Villa

    Nome Loris

    Cognome Villa

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Villa Loris, 46 anni, di Como

    Note procedimento Il 2 luglio 1946 compaiono davanti alla Sezione speciale della Corte d’assise di Varese, 6 militi del Battaglione Mobile della Gnr “Ordine pubblico”, con sede nella caserma “Ettore Muti”: Uggeri Ugo, Farioli Aldo, Pedron Gino, Ramperti Arnaldo, Villa Loris, Lamperti Luigi. Uggeri e Farioli, responsabili di molti altri crimini, vengono condannati con sentenza del 3 luglio a morte; gli altri imputati assolti “per insufficienza di prove”. La sentenza di morte non verrà mai eseguita. Tribunale competente: Corte d’Assise Sezione speciale di Varese

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Ufficio Politico Investigativo/GNR di Varese

  • Luigi Lamperti

    Nome Luigi

    Cognome Lamperti

    Ruolo nella strage Delatore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Lamperti Luigi, milite Gnr;

    Note procedimento Il 2 luglio 1946 compaiono davanti alla Sezione speciale della Corte d’assise di Varese, 6 militi del Battaglione Mobile della Gnr “Ordine pubblico”, con sede nella caserma “Ettore Muti”: Uggeri Ugo, Farioli Aldo, Pedron Gino, Ramperti Arnaldo, Villa Loris, Lamperti Luigi. Uggeri e Farioli, responsabili di molti altri crimini, vengono condannati con sentenza del 3 luglio a morte; gli altri imputati assolti “per insufficienza di prove”. La sentenza di morte non verrà mai eseguita. Tribunale competente: Corte d’Assise Sezione speciale di Varese

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto GNR non precisato

  • Ugo Uggioni

    Nome Ugo

    Cognome Uggioni

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Uggeri Ugo, 22 anni di Milano, noto come “il mostro della caserma”, esecutore materiale dell’uccisione.

    Note procedimento Il 2 luglio 1946 compaiono davanti alla Sezione speciale della Corte d’assise di Varese, 6 militi del Battaglione Mobile della Gnr “Ordine pubblico”, con sede nella caserma “Ettore Muti”: Uggeri Ugo, Farioli Aldo, Pedron Gino, Ramperti Arnaldo, Villa Loris, Lamperti Luigi. Uggeri e Farioli, responsabili di molti altri crimini, vengono condannati con sentenza del 3 luglio a morte; gli altri imputati assolti “per insufficienza di prove”. La sentenza di morte non verrà mai eseguita. Tribunale competente: Corte d’Assise Sezione speciale di Varese

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Ufficio Politico Investigativo/GNR di Varese

Memorie
Bibliografia


Giannantoni Franco, Fascismo, guerra e società nella Repubblica Sociale Italiana. Varese 1943-1945, Franco Angeli, Milano, 1984 (nuova ed. Anpi Varese, 1999);
Giannantoni Franco, I giorni della speranza e del castigo. Varese 25 aprile 1945, Emmeeffe Edizioni, Varese, 2013;
Giannantoni Franco, Varese, il luoghi della memoria, Varese 2014.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio del Tribunale di Varese