ROCCA SAN CASCIANO 23.06.1944

(Forlì-Cesena - Emilia-Romagna)

ROCCA SAN CASCIANO 23.06.1944

ROCCA SAN CASCIANO 23.06.1944
Descrizione

Località Rocca San Casciano, Rocca San Casciano, Forlì-Cesena, Emilia-Romagna

Data 23 giugno 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il 23 giugno 1944 un sergente maggiore della milizia confinaria dislocata a Rocca San Casciano, fingendosi partigiano, si fermò per la notte con Chiti nel podere Vallicelle e lo uccise nel sonno sparandogli alla nuca.
Il sergente maggiore fascista si allontanò e il corpo fu scoperto la mattina dopo dal contadino del podere Domenico Pantaleoni. Il fascista tornò al podere Vallicelle con i tedeschi del comando di Rocca San Casciano, i quali arrestarono Pantaleoni che aveva dato ospitalità ai partigiani e lo deportarono in Germania.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da Roberta Mira
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-29 13:28:01

Vittime

Elenco vittime

Chiti Mario, nato a Firenze il 01/12/1907, meccanico, operaio. Antifascista negli anni del regime, fu condannato dal Tribunale speciale a otto anni di reclusione nel 1940. Liberato dopo il 25 luglio 1943, in seguito all’armistizio si spostò in Romagna e si unì alle prime formazioni partigiane per sfuggire ai fascisti fiorentini che lo ricercavano. Fu commissario politico della 2. brigata nel marzo del 1944. Riconosciuto partigiano dell’8ª brigata Garibaldi dall’11/01/1944 al 23/06/1944.

Elenco vittime partigiani 1

Chiti Mario.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


GNR di Frontiera, distaccamento di Rocca San Casciano

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Memorie
Bibliografia


Antonio Mambelli, Diario degli avvenimenti in Forlì e Romagna dal 1939 al 1945, a cura di Dino Mengozzi, Lacaita, Manduria, Bari, Roma, 2003, vol. I, p. 680.

Sitografia


Istituto per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena, Elenco dei caduti delle formazioni partigiane:
http://www.istorecofc.it/caduti-formazioni-partigiane.asp
(ad nomen).
Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Database dei partigiani dell’Emilia-Romagna:
http://www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/biblioteca/fondi-1/partigiani
(schede relative alla provincia di Forlì, ad nomen).

Fonti archivistiche

Fonti

AISPER, Fondo Commissione parlamentare d’inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti (Armadio della vergogna), 4 Docc. consegnati maggio 2009, 44/1, f. 54, Legione territoriale Carabinieri di Bologna, Compagnia di Forlì, Specchio delle violenze commesse dai tedeschi e dai fascisti contro le popolazioni civili, 18/02/1945.
AISRFC, Eccidi, b. 4, f. 10.