BRILLE DI PIEVESISTINA CESENA 01.07.1944

(Forlì-Cesena - Emilia-Romagna)

BRILLE DI PIEVESISTINA CESENA 01.07.1944

BRILLE DI PIEVESISTINA CESENA 01.07.1944
Descrizione

Località Brille di Pievesistina, Cesena, Forlì-Cesena, Emilia-Romagna

Data 1 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Secondo la ricostruzione coeva della Guardia nazionale repubblicana Foschi la sera del 30 giugno 1944 era stato fermato e interrogato da militari tedeschi perché non aveva rispettato il coprifuoco. Sempre secondo la ricostruzione della GNR, il 1. luglio verso mezzogiorno un’automobile transitò nella località Brille di Pievesistina e si udirono alcuni colpi di arma da fuoco. Alcuni testimoni si recarono nel canneto in località Brille e videro della terra smossa di fresco da cui spuntavano i piedi di un uomo. Cercarono di seppellire meglio il corpo e dopo alcuni giorni si recarono a informare la GNR. Il corpo di Foschi fu rinvenuto con le mani legate dietro la schiena; era stato ucciso da colpi d’arma da fuoco sparati alla nuca. Si trattò dunque di un’esecuzione.
Secondo le testimonianze raccolte da Maurizio Balestra, Foschi fu trovato in possesso di bombe a mano che servivano alla sua attività di gappista e di una tessera dell’Azione cattolica, fatto che provocò la perquisizione nella canonica di Gattolino (Forlì Cesena). Nel bollettino della 29. Gap risulta che Foschi fu fucilato, dopo essere stato torturato, per rappresaglia in seguito all’uccisione di un tedesco da parte dei gappisti che avevano attaccato i tedeschi per cercare di liberare Foschi, ma secondo Balestra è dubbio che il tentativo di liberazione sia realmente avvenuto.

Modalità di uccisione: fucilazione

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: Indagini interne alla RSI (GNR e procura di Stato).

Annotazioni: Nella scheda di riconoscimento dell’Anpi (e dunque in Elenco partigiani caduti dell’Istituto storico di Forlì e nel Database dei partigiani dell’Emilia-Romagna) Foschi risulta semplicemente caduto.

Scheda compilata da Roberta Mira
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-06-04 11:07:35

Vittime

Elenco vittime

Foschi Olimpio, nato a Cesena il 14/08/1923, residente a Pievesistina, colono. Riconosciuto partigiano nella 29. Gap “Sozzi” dal 24/02/1944 al 01/07/1944.

Elenco vittime partigiani 1

Foschi Olimpio

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • museo a Cesena

    Tipo di memoria: museo

    Ubicazione: Cesena

    Descrizione: Cesena: una via è intitolata a Foschi.

  • lapide a Cesena, piazza del popolo, loggia del palazzo comunale

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Cesena, piazza del popolo, loggia del palazzo comunale

    Descrizione: Cesena, piazza del Popolo, loggia del palazzo comunale: lapidario dei caduti partigiani; vi compare Foschi.

  • altro a Forlì, piazza Saffi, portico San Mecuriale

    Tipo di memoria: altro

    Ubicazione: Forlì, piazza Saffi, portico San Mecuriale

    Descrizione: Forlì, piazza Saffi, portico di San Mercuriale: sacrario dei caduti partigiani; vi compare Foschi.

Bibliografia


Maurizio Balestra, Il passaggio del fronte e la resistenza a Cesena e dintorni. Testimonianze, Tosca, Arci solidarietà, Cesena, 2005, p. 547.
Antonio Mambelli, Diario degli avvenimenti in Forlì e Romagna dal 1939 al 1945, a cura di Dino Mengozzi, Lacaita, Manduria, Bari, Roma, vol. I, p. 700n.

Sitografia


Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Università di Bologna, Database dei partigiani dell’Emilia-Romagna:
http://www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/biblioteca/fondi-1/partigiani
(schede relative alla provincia di Forlì, ad nomen).
Istituto per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena, Elenco dei caduti delle formazioni partigiane:
http://www.istorecofc.it/caduti-formazioni-partigiane2.asp
(ad nomen).

Fonti archivistiche

Fonti

AISRFC, Eccidi, b. 5, f. 1, sf. 2.
ASFC, Procura della Repubblica presso il tribunale di Forlì, Denunce penali archiviate, b. 146, f. 2270.