RONCAROLO, CAORSO, 26.09-01-10.1944

(Piacenza - Emilia-Romagna)

RONCAROLO, CAORSO, 26.09-01-10.1944

RONCAROLO, CAORSO, 26.09-01-10.1944
Descrizione

Località Roncarolo, Caorso, Piacenza, Emilia-Romagna

Data 26 settembre 1944 - 9 novembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 5

Numero vittime uomini 5

Numero vittime uomini adulti 5

Descrizione: Il 26 settembre 1944, nel contesto generale dei tentativi di acquisire il controllo delle vie di comunicazione, ad iniziare dagli attraversamenti sul Po, viene messo in atto da parte di truppe miste italo-tedesche, al comando del Maresciallo SS della sede di Cremona un vasto rastrellamento nella zona di Roncarolo-Caorso (territori di Muradolo, Roncarolo, Caorso, Pontenure e Monticelli), avente come obiettivo primario la cattura del nucleo SAP raccoltosi attorno al Colonnello Minetti che aveva la propria base operativa alla “Baracca”. Il colonnello dell’Aviazione, Piero Minetti è un ferito di guerra, insignito di due medaglie d’argento al VM, azionista della ditta SAFFA di Milano, proprietaria della cascina, e lì sfollato. Grazie al sostegno del parroco, don Francesco Chiesa e di altri, Minetti era riuscito a installare alla Baracca un piccolo campo d’atterraggio per i velivoli alleati. Al rastrellamento parteciparono 2 plotoni di SS di Cremona, 31 uomini e un ufficiale della GNR e della Brigata Nera di Piacenza “Pippo Astorri” al comando del capitano Renato Barrera, guidati da un ragazzo di 17 anni, poi processato come delatore e spia.
Nonostante una ragazza del posto riesca ad avvisare dell'arrivo dei rastrellatori e a consentire ai sapisti di mettersi in salvo, tre sospetti vengono immediatamente passati per le armi, la “Baracca” è data alle fiamme dopo aver asportato radiotrasmittente, materiali sovversivi e, dalla casa del colonnello e della moglie, catturati dopo poco, quadri e suppellettili quali “diritto di saccheggio”. Sono arrestati 46-60 civili: 4 verranno inviati ai Campi di concentramento in Germania. Tra di loro Fulco Marchesi, l'anziano agricoltore possidente che sosteneva economicamente i sappisti, subirà una morte atroce a Gusen (Mauthausen). Il parroco di Roncarolo, don Francesco Chiesa e la madre di un partigiano verranno trattenuti in prigione a Piacenza per qualche mese. Il responsabile delle truppe fasciste dei rastrellatori dichiara che: “il comportamento dei legionari fu veramente encomiabile sotto ogni rapporto tanto che si meritarono lo spontaneo e sincero elogio dell'Ufficiale germanico che mi fece tradurre le sue espressioni di compiacimento”.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: incendio di abitazione

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da IARA MELONI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-28 22:32:05

Vittime

Elenco vittime

CICERI ALBERTO, partigiano proveniente da Caselle Landi o Castelnuovo Bocca d’Adda. Non compare negli elenchi ufficiali dei partigiani riconosciuti e nemmeno in quello delle vittime civili. Su di lui non è stato possibile scoprire niente di più preciso;
FITTAVOLINI GIULIO di Francesco, di anni 18, nato a Roncarolo di Caorso (PC) il 01.10.1925, partigiano riconosciuto delle formazioni SAP. Fittavolo con la sua famiglia presso la Cascina Baracca. Le testimonianze dei sopravvissuti all’eccidio sono concordi nell’affermare che il ragazzo, addetto alla sorveglianza del bestiame presso la Cascina, sia stato ucciso mentre cercava di mettere in salvo le vacche dal fuoco appiccato dai nazifascisti;
GRAZIOLI CARLO di Ippolito, nato a Soncino (CR) il 03.01.1906, partigiano riconosciuto della 38a Brigata SAP viene catturato nella retata del 26 settembre 1944 e di lui si perdono immediatamente le tracce. Molto probabilmente, come le testimonianze sono concordi nel riferire, viene passato per le armi nelle immediate vicinanze della Cascina e il suo cadavere occultato. Abitante della Cascina Baracca, presso la quale risiedeva con la famiglia, composta dalla moglie e da quattro figli. Svolgeva compiti di supervisione e direzione di braccianti e lavoranti;
VACCARI TEODORO di Bartolomeo, nato a Maleo (LO) il 06.02.1914, partigiano riconosciuto della 38a Brigata SAP;
ZILIANI GIACOMO di Cesare, di anni 17, nato a Caorso (PC) il 29.07.1927 a Roncarolo di Caorso (PC), partigiano riconosciuto della 38a Brigata SAP. Lavorante presso la Cascina Baracca, viene catturato nella retata del 26 settembre 1944 e di lui si perdono immediatamente le tracce (probabilmente, come sostengono alcune testimonianze, viene passato per le armi nelle immediate vicinanze della Cascina e il suo cadavere occultato).

Elenco vittime partigiani 5

CICERI ALBERTO, partigiano proveniente da Caselle Landi o Castelnuovo Bocca d’Adda. Non compare negli elenchi ufficiali dei partigiani riconosciuti e nemmeno in quello delle vittime civili. Su di lui non è stato possibile scoprire niente di più preciso;
FITTAVOLINI GIULIO di Francesco, di anni 18, nato a Roncarolo di Caorso (PC) il 01.10.1925, partigiano riconosciuto delle formazioni SAP. Fittavolo con la sua famiglia presso la Cascina Baracca. Le testimonianze dei sopravvissuti all’eccidio sono concordi nell’affermare che il ragazzo, addetto alla sorveglianza del bestiame presso la Cascina, sia stato ucciso mentre cercava di mettere in salvo le vacche dal fuoco appiccato dai nazifascisti;
GRAZIOLI CARLO di Ippolito, nato a Soncino (CR) il 03.01.1906, partigiano riconosciuto della 38a Brigata SAP viene catturato nella retata del 26 settembre 1944 e di lui si perdono immediatamente le tracce. Molto probabilmente, come le testimonianze sono concordi nel riferire, viene passato per le armi nelle immediate vicinanze della Cascina e il suo cadavere occultato. Abitante della Cascina Baracca, presso la quale risiedeva con la famiglia, composta dalla moglie e da quattro figli. Svolgeva compiti di supervisione e direzione di braccianti e lavoranti;
VACCARI TEODORO di Bartolomeo, nato a Maleo (LO) il 06.02.1914, partigiano riconosciuto della 38a Brigata SAP;
ZILIANI GIACOMO di Cesare, di anni 17, nato a Caorso (PC) il 29.07.1927 a Roncarolo di Caorso (PC), partigiano riconosciuto della 38a Brigata SAP. Lavorante presso la Cascina Baracca, viene catturato nella retata del 26 settembre 1944 e di lui si perdono immediatamente le tracce (probabilmente, come sostengono alcune testimonianze, viene passato per le armi nelle immediate vicinanze della Cascina e il suo cadavere occultato).

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


SS Piacenza

Tipo di reparto: Waffen-SS

GNR di Piacenza

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Raffaele Guidugli

    Nome Raffaele

    Cognome Guidugli

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Note responsabile Tenente

    Note procedimento Le informazioni sui responsabili appartenenti alla GNR e alla BN di Piacenza sono principalmente desunte dalla relazione sull\'azione di Roncarolo del tenente della GNR Raffaele Guidugli, stilata per il suo comando il giorno seguente 27 settembre 1944 e conservata tra gli atti del procedimento contro di lui, sospeso per avvenuto decesso: il Guidugli è stato passato sommariamente per le armi il 1° maggio 1945. Per gli altri responsabili sono state ricavate dalle carte processuali relative a Barera Renato.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR di Piacenza

  • Remo Rossini

    Nome Remo

    Cognome Rossini

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Note responsabile vice brigadiere Remo Rossini Reggio Emilia 28/4/1910; ucciso da soldati tedeschi in Largo Battisti a Piacenza il 13/4/\'45 mentre tentava di rapinare alcuni passanti, GNR PiacenzaRaimondi, GNR Piacenza

    Note procedimento Le informazioni sui responsabili appartenenti alla GNR e alla BN di Piacenza sono principalmente desunte dalla relazione sull\'azione di Roncarolo del tenente della GNR Raffaele Guidugli, stilata per il suo comando il giorno seguente 27 settembre 1944 e conservata tra gli atti del procedimento contro di lui, sospeso per avvenuto decesso: il Guidugli è stato passato sommariamente per le armi il 1° maggio 1945. Per gli altri responsabili sono state ricavate dalle carte processuali relative a Barera Renato.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR di Piacenza

  • Renato Barera

    Nome Renato

    Cognome Barera

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Note responsabile Capitano Barera Renato (Torino, 8/6/1905), vice comandante BN Piacenza

    Note procedimento Le informazioni sui responsabili appartenenti alla GNR e alla BN di Piacenza sono principalmente desunte dalla relazione sull\'azione di Roncarolo del tenente della GNR Raffaele Guidugli, stilata per il suo comando il giorno seguente 27 settembre 1944 e conservata tra gli atti del procedimento contro di lui, sospeso per avvenuto decesso: il Guidugli è stato passato sommariamente per le armi il 1° maggio 1945. Per gli altri responsabili sono state ricavate dalle carte processuali relative a Barera Renato.

  • Sconosciuto Conti

    Nome Sconosciuto

    Cognome Conti

    Note procedimento Le informazioni sui responsabili appartenenti alla GNR e alla BN di Piacenza sono principalmente desunte dalla relazione sull\'azione di Roncarolo del tenente della GNR Raffaele Guidugli, stilata per il suo comando il giorno seguente 27 settembre 1944 e conservata tra gli atti del procedimento contro di lui, sospeso per avvenuto decesso: il Guidugli è stato passato sommariamente per le armi il 1° maggio 1945. Per gli altri responsabili sono state ricavate dalle carte processuali relative a Barera Renato.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR di Piacenza

  • Sconosciuto Fedi

    Nome Sconosciuto

    Cognome Fedi

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Note responsabile Le informazioni sui responsabili appartenenti alla GNR e alla BN di Piacenza sono principalmente desunte dalla relazione sull\'azione di Roncarolo del tenente della GNR Raffaele Guidugli, stilata per il suo comando il giorno seguente 27 settembre 1944 e conservata tra gli atti del procedimento contro di lui, sospeso per avvenuto decesso: il Guidugli è stato passato sommariamente per le armi il 1° maggio 1945. Per gli altri responsabili sono state ricavate dalle carte processuali relative a Barera Renato.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR di Piacenza

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Presso la cascina “Baracca” - oggi ridotta ad un rudere - viene ogni anno organizzata (intorno alla fine di settembre) una commemorazione organizzata dalla locale sezione ANPI e dal Circolo ARCI “La Baracca”.

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Descrizione: Il Comune di Caorso è stato insignito della medaglia di bronzo al Valor Militare (D.P.R. 9 maggio 1994. G.U.29-12-1994, n.303, p. 60).

  • lapide a Caorso, Roncarolo

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Caorso, Roncarolo

    Descrizione: Presso la Cascina Baracca è stata apposta, all’indomani della Liberazione, una lapide commemorativa, in seguito rimossa e apposta a Roncarolo, presso la Chiesa, a causa di un’alluvione. Va segnalato comunque che la lapide non riporta i nomi di tutti i caduti nell’eccidio, riporta invece i nomi di persone note del CLN locale come Cerlesi, Pavesi, Sichel, Verzè o di personaggi importanti della Resistenza passati per la Baracca, come Mario Jachia “Rossini”

Bibliografia


Ziliani Felice, Ribelli per amore, ArteGrafica, Fidenza, 1978, pp.202-203.

Sitografia


http://resistenzamappe.it/regione-pianura-baracca_di_roncarolo_caorso.all

Fonti archivistiche

Fonti

ASPc, fondo CAS, 1945, b. 4, f. Barera Renato
ASPc, fondo CAS, 1946, b. 9, f. Guidugli Raffaele