ALBARETO, 15.07.1944

(Parma - Emilia-Romagna)

ALBARETO, 15.07.1944

ALBARETO, 15.07.1944
Descrizione

Località Albareto, Albareto, Parma, Emilia-Romagna

Data 15 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: Nell’estate 1944 i comandi della Wehrmacht in Italia organizzarono una serie di operazioni di rastrellamento alle spalle della Linea gotica con il duplice obiettivo di “ripulire” il territorio del retrofronte dai partigiani e rastrellare lavoratori coatti per l'industria tedesca. Tra il 9 luglio e la fine del mese i rastrellamenti dell’operazione Wallenstein II investirono le valli del Taro e del Ceno, dove erano sorti territori liberi controllati dai partigiani.
Pietro Gatti fu ucciso ad Albareto il 15 luglio 1944.

Modalità di uccisione: INDEFINITA

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da TOMMASO FERRARI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-10-11 20:51:25

Vittime

Elenco vittime

Pietro Gatti (Albareto, 82 anni)

Elenco vittime civili 1

Pietro Gatti

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Albareto, ospedale

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Albareto, ospedale

    Descrizione: La lapide in marmo posta all’ingresso del vecchio ospedale dedicata ai caduti delle due guerre mondiali ricorda il nome di Pietro Gatti.

Bibliografia


Vittorio Barbieri, La popolazione civile di Parma nella guerra 40-45, Associazione nazionale vittime civili di guerra, Parma, 1975, p. 153.
Marco Minardi (a cura di), Memorie di pietra. Monumenti alla Resistenza, ai suoi caduti e alle vittime civili durante l'occupazione militare tedesca nella provincia di Parma, Associazioni partigiane della provincia di Parma ALPI-ANPI-APC, Parma, 2002, p. 79.

Sitografia


http://www.eccidinazifascisti.parma.it/

Fonti archivistiche

Fonti