Offagna, 12.07.1944

(Ancona - Marche)

Offagna, 12.07.1944

Offagna, 12.07.1944
Descrizione

Località Offagna, Offagna, Ancona, Marche

Data 12 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 7

Numero vittime uomini 4

Numero vittime bambini 1

Numero vittime uomini adulti 2

Numero vittime uomini anziani 1

Numero vittime donne 3

Numero vittime donne bambine 1

Numero vittime donne adulte 2

Descrizione: Il 12 luglio 1944 la località di Offagna, ubicata a 15 Km da Ancona, era presidiata da soldati tedeschi e si trovava a poca distanza dalla linea del fronte. Nel paese si erano già segnalati episodi di razzie e violenze a danno di abitanti del luogo e sfollati. Nel tardo pomeriggio del 12 luglio tre soldati tedeschi, dopo abbondanti libagioni, irruppero in casa del mezzadro Gasparri Nazzareno alla ricerca di donne. Il Gasparri però aveva provveduto a fare nascondere la moglie e le sue due figlie e, seppur minacciato dai soldati, riuscì a fuggire. Infuriati, i militari uccisero il contadino Cardellini Vittorio che incontrano casualmente per strada. Poi si diressero verso la casa colonica dei Lucantoni dove, con colpi di arma da fuoco, uccisero tutti i componenti della famiglia presenti. Uno dei figli, Marino, di sei anni, morirà il giorno successivo per le ferite riportate.
La sera del 17 luglio i soldati del 2° Corpo d’Armata polacco, nel corso dell’offensiva per liberare Ancona raggiungeranno questo centro.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: ritirata

Estremi e note penali: Secondo alcune testimonianze i tre militari responsabile erano di nazionalità russa.
Nel monumento dedicato alla Resistenza, ubicato ad Ancona, inaugurato nel 1965, nella 12^ tavola viene ricordato l’eccidio della famiglia Lucantoni.
Ad Offagna una targa ricordo dell’eccidio è stata posta nel 2008 all’interno del Museo della Liberazione di Ancona.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): La memoria dell’episodio si è tramandata ed è ancora presente nella comunità di Offagna. Diverse le testimonianze orali raccolte, non esistono sostanziali differenze di giudizio in merito all’episodio.

Scheda compilata da Mario Fratesi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-04-10 12:27:29

Vittime

Elenco vittime

Cardellini Vittorio (detto Enrico) nato a Offagna il 6/10/1878, paternità Ermenegildo, contadino, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 21/01/1947 a Pesaro.
Lucantoni Giovanni (detto Barbabella), nato a Offagna il 12/4/1901, paternità Nazzareno, contadino, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 21/01/1947 a Pesaro.
Gasparri Virginia, nata a Osimo il 12/7/1900, paternità Nazzareno, moglie di Giovanni Lucantoni, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 21/01/1947 a Pesaro.
Lucantoni Rosa (detta Palmina), nata a Offagna il 28/7/1889, paternità Nazzareno, sorella di Giovanni, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 21/01/1947 a Pesaro.
Lucantoni Umberto, nato a Offagna il 3/2/1926, paternità Giovanni, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 21/01/1947 a Pesaro.
Lucantoni Marino, nato a Offagna il 14/1/1938, paternità Giovanni, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 21/01/1947 a Pesaro.
Lucantoni Maria, nata a Offagna il 1/5/1942, paternità Giovanni, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 21/01/1947 a Pesaro.

Elenco vittime civili 7

Cardellini Vittorio
Gasparri Virginia
Lucantoni Giovanni
Lucantoni Rosa
Lucantoni Marino
Lucantoni Umberto
Lucantoni Maria

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


278. Infanterie Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Ancona

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Ancona

    Anno di realizzazione: 1965

    Descrizione: Nel monumento dedicato alla Resistenza, ubicato ad Ancona, inaugurato nel 1965, nella 12^ tavola viene ricordato l’eccidio della famiglia Lucantoni.

  • lapide a Ancona

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Ancona

    Anno di realizzazione: 2008

    Descrizione: Ad Offagna una targa ricordo dell’eccidio è stata posta nel 2008 all’interno del Museo della Liberazione di Ancona.

Bibliografia


Mons. Mario Fazi - Mons. Ido Pieroni, 17 Luglio. E’ il giorno dell’offensiva e della completa Liberazione, Accadenmia della Crescia, Offagna 2002, pp. 12-13.
Claudia Ferri, ll partigiano Neno e altre storie, Comune di Offagna e Istituto Storia Marche, Polverigi 2005, pp. 38-57.
Ruggero Giacomini, Ribelli e partigiani. La Resistenza nelle Marche 1943-1944, Affinità elettive, Ancona 2008, p. 394.
Offagna, Strage di, in Enciclopedia dell’Antifascismo e della Resistenza, La Pietra, Milano 1984, Vol. V. p. 839.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Centrale dello Stato, Fondo Ricompart - Ufficio per il servizio riconoscimento qualifiche e per le ricompense ai partigiani, Marche, schedario e pratica:
n. 12478 (Lucantoni Giovanni);
n. 12483 (Lucantoni Umberto);
n. 12484 (Lucantoni Marino);
n. 12485 (Lucantoni Maria);
n. 12486 (Cardellini Vittorio), trasmessa al Distretto militare di Ancona il 25/09/1959;
n. 12487 (Lucantoni Rosa);
n. 12488 (Gasparri Virginia).