Casteltesino, 12.8.1944

(Trento - Trentino-Alto Adige)

Casteltesino, 12.8.1944

Casteltesino, 12.8.1944
Descrizione

Località Casteltesino, Castello Tesino, Trento, Trentino-Alto Adige

Data 12 agosto 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: Nell’estate del 1944 anche l’area di confine tra l’Alpenvorland (zona d’operazione comprendente le province di Belluno, Bolzano e Trento) e il Veneto fu contraddistinta da un’attività partigiana insidiosa ed effervescente. Le azioni di guerriglia (attacchi, imboscate, sabotaggi, ecc.) intraprese dai partigiani delle formazioni veneto-trentine misero in crisi il sistema di comunicazione tedesco e, soprattutto, la sicurezza dei cantieri che di lì a poco avrebbero avviato i poderosi lavori di costruzione della Blaue linie. Di fatto, l’offensiva partigiana fu presto seguita dalla reazione delle autorità militari nazifasciste: dall’agosto all’ottobre 1944, si susseguì una serie di operazioni antipartigiane volte a reprimere l’insorgenza dei «ribelli» e a riportare sotto controllo territori di estrema importanza strategico-militare. Negli stessi istanti in cui si svolgeva l’operazione Belvedere (12-14 agosto, val Posina-malga Zonta), «la mattina del giorno 12/8/944 arrivava in Castel Tesino un autocarro carico di truppa in rastrellamento che si fermarono [sic!] davanti alla caserma del C.S.T. In quel momento dalla strada che dall’ospedale conduce in via Molizza passava il Sordo che con una falce in spalla andava a lavorare. Vistolo i tedeschi gli diedero l’alt ma questi non sentì forse a causa della sua età e continuò a camminare per cui i tedeschi fecero fuoco e lo uccisero». Secondo la ricostruzione fatta da Giuseppe Sittoni, l’anziano contadino era in compagnia del figlio Severino: il luccichio della falce che l’uomo aveva in spalla fu scambiato dai tedeschi per un fucile e, per questo motivo, i soldati che non avevano ottenuto risposta all’intimazione di fermarsi gli spararono.
Nel dopoguerra, la Commissione patrioti di Trento concesse alla vittima la qualifica di patriota e un assegno di 20 mila lire alla famiglia in virtù della collaborazione fornita al Battaglione Giorgio Gherlenda (Brigata Garibaldi Gramsci) anche se, in realtà, il reparto partigiano iniziò a operare effettivamente dopo la morte di Sordo.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento

Annotazioni: Secondo le carte della Procura militare di Verona, il reparto responsabile dell’uccisione era un’unità SS non meglio precisata.

Scheda compilata da Lorenzo Gardumi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-12 14:53:02

Vittime

Elenco vittime

SORDO, Remigio
Casteltesino, 1 ottobre 1877-12 agosto 1944. Contadino.

Elenco vittime civili 1

SORDO, Remigio
Casteltesino, 1 ottobre 1877-12 agosto 1944. Contadino.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


SS reparto non precisato

Tipo di reparto: Waffen-SS

Memorie
Bibliografia


Lorenzo GARDUMI, Maggio 1945: «a nemico che fugge ponti d’oro»: la memoria popolare e le stragi di Ziano, Stramentizzo e Molina di Fiemme, Trento, Fondazione Museo storico del Trentino, 2008;

Giuseppe SITTONI, Uomini e fatti del Gherlenda: la Resistenza nella Valsugana orientale e nel Bellunese, Borgo Valsugana (TN), Mosaico, 2005.

Sitografia


http://ricerca.gelocal.it/altoadige/archivio/altoadige/2004/04/24/AT9PO_AT901.html.

Fonti archivistiche

Fonti

Procura militare della Repubblica di Verona, Registro generale, fonte CPI 19/87 (Banca dati violenze tedesche CIT-CPI).

Archivio Ufficio storico Stato maggiore esercito (AUSSME), N. 1/11, b. 3034 (Banca dati violenze tedesche CIT-CPI).

Fondazione Museo storico del Trentino, Archivio Commissione provinciale patrioti, AB Allegati, busta 3, Remigio Sordo.