Casteltesino, 15.5.1944

(Trento - Trentino-Alto Adige)

Casteltesino, 15.5.1944

Casteltesino, 15.5.1944
Descrizione

Località Casteltesino, Castello Tesino, Trento, Trentino-Alto Adige

Data 15 maggio 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il 15 maggio 1944 Enrico Moranduzzo fu freddato con alcuni colpi di pistola da Ernesto Zampiero, all’epoca sergente del Corpo di sicurezza trentino.

Tipo di massacro: indefinita

Estremi e note penali: A seguito del processo condotto dalla Corte d’assise straordinaria di Trento (maggio 1946), Zampiero fu condannato a soli otto mesi di reclusione per «omicidio colposo», ordinandone tuttavia la scarcerazione immediata.
Procura Militare Territoriale:
Procura militare della Repubblica di Verona

Annotazioni: Nella documentazione giudiziaria militare, il cognome è stato storpiato in Enrico MORANDUTTO.

Scheda compilata da Lorenzo Gardumi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-11 15:17:13

Vittime

Elenco vittime

MORANDUZZO, Enrico
Casteltesino, 4 settembre 1898-15 maggio 1944.

Elenco vittime indefinite 1

MORANDUZZO, Enrico
Casteltesino, 4 settembre 1898-15 maggio 1944.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Ernesto Zampiero

    Nome Ernesto

    Cognome Zampiero

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Casteltesino, 14 maggio 1921. Commerciante, volontario e poi sergente del CST.

    Note procedimento A seguito del processo condotto dalla Corte d’assise straordinaria di Trento (maggio 1946), Zampiero fu condannato a soli otto mesi di reclusione per «omicidio colposo», ordinandone tuttavia la scarcerazione immediata.

    Nome del reparto Corpo di sicurezza trentino

Memorie
Bibliografia


Lorenzo GARDUMI, Maggio 1945: «a nemico che fugge ponti d’oro»: la memoria popolare e le stragi di Ziano, Stramentizzo e Molina di Fiemme, Trento, Fondazione Museo storico del Trentino, 2008.

Fonti archivistiche:
Procura militare della Repubblica di Verona, Registro generale 188, fonte CPI 22/10 (Banca dati violenze tedesche CIT-CPI).

Archivio Ufficio storico Stato maggiore esercito (AUSSME), N. 1/11, b. 3034 (Banca dati violenze tedesche CIT-CPI).

Corte d’appello di Trento, Sezione istruttoria della Corte d’assise straordinaria, busta 1946, 1-50, fasc. 5/46.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti