GROPPO SAN GIOVANNI, BERCETO, 30.06.1944

(Parma - Emilia-Romagna)

GROPPO SAN GIOVANNI, BERCETO, 30.06.1944

GROPPO SAN GIOVANNI, BERCETO, 30.06.1944
Descrizione

Località Groppo San Giovanni, Berceto, Parma, Emilia-Romagna

Data 30 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 7

Numero vittime uomini 5

Numero vittime uomini adulti 3

Numero vittime uomini anziani 2

Numero vittime donne 2

Numero vittime donne bambine 1

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: Nel giugno 1944, tutta l’alta valle del Taro, dai passi del Bocco e del Cento Croci fino al torrente Manubiola, era presidiata dai partigiani che avevano creato il Territorio libero del Taro. Il giorno 30 una colonna tedesca, forte di circa 150 uomini partì da Berceto a bordo di autocarri con l’obiettivo di penetrare nel territorio libero. I soldati furono bloccati da formazioni partigiane del gruppo Molinatico a Frascara. I tedeschi decisero di ripiegare prelevando un gruppo di civili come ostaggi per coprire la ritirata e uccidendo un anziano, Mario Salvanelli, e Giuseppe Ruggeri, massacrato a bastonate. Durante il viaggio trattennero anche il dott. Marchini, in viaggio verso Ostia munito di lasciapassare. Quando il convoglio giunse presso Groppo S. Giovanni, sulle rive del torrente Manubiola, fu attaccato da partigiani del gruppo Poppy, appostati sul lato opposto del torrente. In poco tempo giunsero da Borgotaro altri gruppi di partigiani che attaccarono il nemico accerchiandolo. I tedeschi si fecero scudo degli ostaggi civili, provocando la morte di 4 persone. Il dott. Marchini sarebbe morto il 3 luglio per le ferite.
Nell’azione 14 tedeschi morirono, numerosi furono i feriti, circa 80 soldati si arresero ai partigiani. I morti tedeschi furono sepolti nel cimitero di Albareto.

Modalità di uccisione: tortura a morte,uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: rappresaglia

Scheda compilata da TOMMASO FERRARI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-01-25 15:41:47

Vittime

Elenco vittime

Domenico Del Nevo (56 anni),
Rosetta Del Nevo (11 mesi),
Vittorio Gavaini (47 anni),
Gaetana Ralli, Attilio Levati (41 anni),
Giuseppe Ruggeri ( 40 anni),
Mario Salvanelli (85 anni),
Giovanni Salvanelli (56 anni),
Adolfo Marchini (nato il 27/11/1917, dottore, partigiano della 1 brigata Julia)

Elenco vittime civili 7

Domenico Del Nevo
Rosetta Del Nevo
Vittorio Gavaini
Gaetana Ralli, Attilio Levati
Giuseppe Ruggeri
Mario Salvanelli
Giovanni Salvanelli

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Borgotaro, giardini 4 novembre

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Borgotaro, giardini 4 novembre

    Descrizione: Le vittime sono ricordate nelle lapidi in marmo poste ai piedi del monumento ai caduti collocato nei giardini IV Novembre a Borgotaro.

Bibliografia


Vittorio Barbieri, La popolazione civile di Parma nella guerra 40-45, Associazione nazionale vittime civili di guerra, Parma, 1975, pp. 2014, 2015.
Marco Minardi (a cura di), Memorie di pietra. Monumenti alla Resistenza, ai suoi caduti e alle vittime civili durante l'occupazione militare tedesca nella provincia di Parma, Associazioni partigiane della provincia di Parma ALPI-ANPI-APC, Parma, 2002, pp. 114.
Giacomo Vietti, L'alta Val Taro nella Resistenza, Associazione nazionale partigiani d'Italia, Parma, 1980, pp. 188, 189.

Sitografia


http://www.eccidinazifascisti.parma.it/

Fonti archivistiche

Fonti