Brunico, 6.07.1944

(Bolzano - Trentino-Alto Adige)

Brunico, 6.07.1944

Brunico, 6.07.1944
Descrizione

Località Brunico, Brunico, Bolzano, Trentino-Alto Adige

Data 6 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 7

Numero vittime uomini 7

Numero vittime uomini adulti 7

Descrizione: Nella primavera-estate del 1944, il governo e le autorità della RSI cercarono di mobilitare la società italiana, quella rimasta sotto il dominio nazista, attraverso una propaganda diffusa e capillare nel tentativo di creare un nuovo esercito e, più in generale, per imporre alla «nazione» la propria volontà di continuare la guerra a fianco dei tedeschi. Per mettere in campo una forza militare efficiente, in grado di affiancare la Wehrmacht e dare il proprio contributo alla causa nazifascista, il governo repubblicano fece ricorso alla coscrizione obbligatoria, applicando metodi draconiani quali l’arresto dei familiari e la condanna a morte dei renitenti alla leva: molto spesso, alle chiamate della RSI si accompagnarono quelle dell’autorità tedesca nei Corpi armati (Luftwaffe, Flak, Wehrmacht, SS ecc.) e nelle formazioni lavorative (Todt, Speer). I risultati sperati furono ampiamente disattesi: prive di qualsiasi credibilità, le autorità di Salò finirono col pubblicare bandi di arruolamento e di mobilitazione che affiancavano alle minacce di fucilazione di renitenti e disertori forme più blande, di assoluzione da qualsiasi reato, se i coscritti si fossero presentati. Le pressioni esercitate quasi quotidianamente dagli organi militari e di polizia nazifascisti ottennero l’effetto contrario, inducendo i giovani delle classi interessate a ignorare le chiamate e a portarsi in montagna. Solo una minima parte entrò effettivamente nelle file della Resistenza partigiana, ma certamente la coercizione imposta dalle autorità d'occupazione spinse la maggioranza dei coscritti alla renitenza e alla diserzione, una scelta a suo modo anti-nazifascista. Nel corso del 1944, circa 150 coscritti lombardi e piemontesi, arruolati nel Distretto di Asti, furono prelevati da un reparto del genio tedesco e incaricati della posa di linee telefoniche alle spalle della linea Gotica, dapprima in Emilia e poi lungo il corso dell'Adige fino a raggiungere Brunico. Il 25 giugno 1944, in due diversi momenti, otto di questi giovani fuggirono attraverso la val Badia verso Cortina d'Ampezzo nel tentativo di unirsi a qualche formazione partigiana. Alcune donne sudtirolesi li aiutarono offrendo loro vestiti e riparo, ma le forze di polizia naziste riuscirono a rintracciarli e arrestarli due giorni dopo la fuga (27 giugno). Ricondotti nell'allora Caserma Lugramani di Brunico (oggi Federico Enrico), furono fucilati come disertori dopo un processo sommario il 6 luglio successivo: fu graziato solo il più giovane, Franco Garattini, che comunque fu condannato a 15 anni di lavori forzati. L'esecuzione si svolse di fronte alla guarnigione, monito per eventuali altre diserzioni, e i corpi furono seppelliti in terra sconsacrata nei boschi lì vicino: le salme furono riesumate solo nel dopoguerra.

Modalità di uccisione: fucilazione

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Non si hanno informazioni circa i reparti o le autorità militari e di polizia tedesche responsabili dell'esecuzione: a Brunico, erano stanziati uffici (Aussenposten) della Sipo e dello SD ma non vi sono notizie circa un loro coinvolgimento nella faccenda. Soldati tedeschi e italiani della RSI erano acquartierati presso gli alloggi della caserma Lugramani. Si parla, in alcune testimonianze, del «Comando tedesco di Brunico».

Scheda compilata da Lorenzo Gardumi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-10 21:13:12

Vittime

Elenco vittime

1) BERGAMASCHI, Mario Raffaele
Lodi, 6 settembre 1923 - Brunico, 6 luglio 1944. Figlio di Sante Andrea e di Orsini Maria Domenica, residente a Lodi, 24 anni.
2) GUERRA, Sergio
† Brunico, 6 luglio 1944. Figlio di Arnaldo Guerra e Armelinda Zanacca, 20 anni, originario di Montechiarugolo (PR), residente a Parma, operaio, celibe.
3) ROSSETTI, Arnaldo
† Brunico, 6 luglio 1944. Originario di Corte dè Frati (CR), 19 anni.
4) UBERTI, Marino
Robecco d\'Oglio (CR), 10 febbraio 1923 - Brunico, 6 luglio 1944. 21 anni.
5) VEZZULLI, Giuseppe
Ticengo (CR), 8 giugno 1923 - Brunico, 6 luglio 1944. Figlio di Pietro Vezzulli e Palmira Tinti, residente a Soncino (CR).
6) VINONI, Luigi
Soncino (CR), 3 marzo 1923 - Brunico, 6 luglio 1944. Figlio di Pietro Michele Vinoni e Teresa Angela Pisoni, residente a Soncino (CR).
7) ZANDA, Senofonte
Brasile, 29 maggio 1923 - Brunico, 6 luglio 1944. Figlio di Camillo Zanda, ignoto il nome della madre, residente a Soncino (CR), meccanico. Soldato della Regia aeronautica, fu catturato dai tedeschi al momento dell\'armistizio e internato in Germania. Rientrato in Italia per adesione alla RSI, fu assegnato a Brunico (marzo-giugno 1944). Croce al merito di guerra per internamento in Germania.

Elenco vittime disertori 7

1) BERGAMASCHI, Mario Raffaele
Lodi, 6 settembre 1923 - Brunico, 6 luglio 1944. Figlio di Sante Andrea e di Orsini Maria Domenica, residente a Lodi, 24 anni.
2) GUERRA, Sergio
† Brunico, 6 luglio 1944. Figlio di Arnaldo Guerra e Armelinda Zanacca, 20 anni, originario di Montechiarugolo (PR), residente a Parma, operaio, celibe.
3) ROSSETTI, Arnaldo
† Brunico, 6 luglio 1944. Originario di Corte dè Frati (CR), 19 anni.
4) UBERTI, Marino
Robecco d\'Oglio (CR), 10 febbraio 1923 - Brunico, 6 luglio 1944. 21 anni.
5) VEZZULLI, Giuseppe
Ticengo (CR), 8 giugno 1923 - Brunico, 6 luglio 1944. Figlio di Pietro Vezzulli e Palmira Tinti, residente a Soncino (CR).
6) VINONI, Luigi
Soncino (CR), 3 marzo 1923 - Brunico, 6 luglio 1944. Figlio di Pietro Michele Vinoni e Teresa Angela Pisoni, residente a Soncino (CR).
7) ZANDA, Senofonte
Brasile, 29 maggio 1923 - Brunico, 6 luglio 1944. Figlio di Camillo Zanda, ignoto il nome della madre, residente a Soncino (CR), meccanico. Soldato della Regia aeronautica, fu catturato dai tedeschi al momento dell\'armistizio e internato in Germania. Rientrato in Italia per adesione alla RSI, fu assegnato a Brunico (marzo-giugno 1944). Croce al merito di guerra per internamento in Germania.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Reparto Non precisato

Tipo di reparto: Non identificati

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Caserma Federico Enrico di Brunico

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Caserma Federico Enrico di Brunico

    Anno di realizzazione: 2001

    Descrizione: Nel luglio 2001, presso l\'attuale caserma Federico Enrico di Brunico, fu posta una lapide con i nomi delle vittime. Alla cerimonia, parteciparono le sezioni ANPI di Bolzano, Cremona, Lodi, Parma e Trento, le Associazioni ex combattenti e reduci, le autorità municipali di Brunico e dei Comuni d\'origine dei giovani fucilati.

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Descrizione: Medaglia commemorativa donata dal Presidente della Repubblica.

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Anno di realizzazione: 2001

    Descrizione: Dal 2001, ogni 6 luglio si tiene una cerimonia a ricordo dell\'eccidio dei 7 giovani renitenti a Brunico.

Bibliografia


Sitografia


http://altoadige.gelocal.it/bolzano/cronaca/2011/07/10/news/anpi-ricorda-l-eccidio-di-brunico-1.4260143;

http://altoadige.gelocal.it/bolzano/cronaca/2012/07/08/news/oggi-a-brunico-il-ricordo-dell-eccidio-nazista-1.5378091;

https://www.facebook.com/pages/ANPI-sezione-provinciale-di-Lodi/123547040997773;

http://www.anpi-bolzano.it/iniziative.ph;

http://ricerca.gelocal.it/altoadige/archivio/altoadige/2005/07/09/ALAAZ_ALA02.html?ref=search;

http://it.wikipedia.org/wiki/Brunico;

https://groups.google.com/forum/#!topic/deportatimaipiu/jHrV5dxDsnY;

http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:zyi8u3Ac9IJ:xa.yimg.com/kq/groups/32297645/954991530/name/Accadde%2Ba%2BBrunico%2Bdecimo%2Banno%2Bdel%2Bricordo.doc+&cd=3&hl=it&ct=clnk&gl=it;

http://www.comune.bolzano.it/stampa_context.jsp?area=295&ID_LINK=426&page=8570;

https://www.facebook.com/video/video.php?v=749716501753930;

http://forum.associazioni.milano.it/ANPI/anpi-News/archivio%202004-2005/S061B69B9?WasRead=1;

http://beniculturali.ilc.cnr.it:8080/Isis/servlet/IsisConf=/usr/local/IsisGas/InsmliConf/Insmli.sys6.file&Obj=@Insmlid.pft&Opt=get&Type=Doc&Id=050277.

Fonti archivistiche

Fonti

- Fondazione memoria della deportazione, Archivio Aldo Ravelli, Fondo ANED, Documentazione, Testimonianze ex-deportati, Testimonianze sull\'eccidio di Brunico, busta 285, fasc. 71.

- Ufficio anagrafe del Comune di Lodi.

- Ufficio anagrafe del Comune di Parma.

- Ufficio anagrafe del Comune di Robecco d\'Oglio.

- Ufficio anagrafe del Comune di Soncino.