Filottrano, 17.06.1944

(Ancona - Marche)

Filottrano, 17.06.1944

Filottrano, 17.06.1944
Descrizione

Località Filottrano, Filottrano, Ancona, Marche

Data 17 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Antifascista di vecchia data, Giuseppe Mercuri era solito collaborare alla causa partigiana in vario modo: recuperando soldi, indumenti e trasmettendo messaggi e comunicazioni. Nel corso del giugno 1944, mentre le truppe tedesche in ritirata verso nord si attestarono nel comune di Corinaldo, Mercuri tentò di convincere alcuni ex prigionieri di guerra, sembra ucraini, inquadrati in reparti ausiliari non combattenti, a disertare. Venendo scoperto in tale attività, a nulla valsero le preghiere della moglie ai comandanti della colonna, neppure l’intervento del Segretario del fascio locale. L’uomo, secondo il racconto della figlia che raccolse le testimonianze dei presenti, il 16 giugno 1944, forse per una spia o forse perché si comportò in modo troppo imprudente, fu fermato, legato a un albero di un’antica villa, bastonato e torturato. Fu in seguito condotto nelle retrovie. Lungo il tragitto verso Filottrano continuò ad essere picchiato e schernito, come ricordano molti paesani che si trovarono casualmente a osservare la scena. Il giorno successivo fu ucciso a Filottrano. Il suo corpo, straziato da vari colpi di pistola e da una picconata alla testa, fu abbandonato in un fosso, dove sotto scorreva l’acqua. Qualcuno lo tirò fuori e lo depose in una cassa di legno. La famiglia lo ritroverà dopo molta attesa e disperata ricerca.

Modalità di uccisione: arma da taglio,uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: ritirata

Annotazioni: Responsabili: Dal mese di maggio la 278° divisione di fanteria germanica, guidata dal generale Harry Hoppe, si ritirò lentamente verso nord combattendo sulla direttrice costiera contro il II Corpo polacco, comandato dal generale Wladyslaw Anders e più all’interno contro il Corpo Italiano di Liberazione, al comando del generale Umberto Utili. Dal’8 giugno a fianco della 278° venne posta la 71° divisione fanteria, reduce dei combattimenti sostenuti a Cassino. Si ipotizza che i soldati tedeschi responsabili della strage potessero appartenere a tali divisioni.

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-07-09 15:45:27

Vittime

Elenco vittime

Mercuri Giuseppe, n. 11/5/1894 a Corridonia, paternità Benedetto, sposato con Assunta Pividori, variazione di Qualifica da caduto per rappresaglia a Partigiano caduto, Gap Corridonia.

Elenco vittime antifasciste 1

Mercuri Giuseppe

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Giulio Bedeschi (a cura di), Fronte italiano: c’ero anch’io. La popolazione in guerra, Mursia, Milano 1987, pp. 551-554.
Aldo Chiavari, L’ultima guerra in Val di Chienti (1940-46). Il passaggio del fronte e la liberazione del Maceratese, SICO, Macerata 1997.

Sitografia


www.storiamarche900.it/main?p=storia_territorio_filottrano

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Centrale dello Stato, Fondo Ricompart - Ufficio per il servizio riconoscimento qualifiche e per le ricompense ai partigiani, Marche, schedario e pratica n. 7738.
Archivio Centrale dello StatoCorridonia, RAM 1944, parte II/serie C, n. 1.