MACCHININA, GORO, 28.03.1944

(Ferrara - Emilia-Romagna)

MACCHININA, GORO, 28.03.1944

MACCHININA, GORO, 28.03.1944
Descrizione

Località Macchinina, Goro, Ferrara, Emilia-Romagna

Data 28 marzo 1944 - 28 marzo 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 5

Numero vittime uomini 5

Numero vittime uomini adulti 5

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: sevizie-torture

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: Sezione Speciale della Corte d'Assise di Ferrara, sentenza del 17 aprile 1947. Procedimento contro Tortonesi ed altri: il PM presentò ricorso, presumibilmente per ottenere una pena più dura per Bellini Scaroni e Finessi, ma fu respinto perchè non presentò le motivazioni.


Sezione Speciale della Corte d'Assise di Ferrara, sentenza del 4 luglio 1946
Imputato Rino Volta, accusato di collaborazionismo, per aver trasmesso alla federazione fascista di Ferrara due elenchi di persone «che con atti o con parole avevano dimostrato avversione al neofascismo includendo in tali elenchi i nomi di Luppi Arrigo, Cavicchini Luigi e Don Pietro Rizzo».

Sezione Speciale della Corte d'Assise di Ferrara, sentenza dell'11 ottobre 1946
Imputati Francesco Felloni, Umberto De Sisti, Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distnti tentativi di tentato omicidio.

Annotazioni: Si riporta anche una nuova ipotesi formulata circa l'inserimento del nome di Don Rizzo nell'elenco dei fucilati: la motivazione, infatti, secondo Paolo Gioachin, potrebbe risiedere in ragioni personali e cioè in un contrasto avuto con Quinto Rossi, segretario del sindacato di Jolanda di Savoia e responsabile del fascio giovanile della vicina frazione di Gherardi, «il quale è accusato dalle dicerie di paese di avere avuto rapporti incestuosi con la sorella da cui sarebbe nato un figlio, e anche di essere causa dell’allontanamento del marito dopo pochi mesi di matrimonio. Secondo Rossi il responsabile delle calunnie è proprio il parroco di Iolanda di Savoia, don Pietro Rizzo. Le prime lettere al vescovo Bovelli scritte da Rossi, sono datate agosto 1935. In una lettera di fine agosto 1935 indirizzata al presule ferrarese, il sacerdote di Iolanda sostiene che le accuse sono infondate e che si tratta di una diceria, confermando solamente di avere sentito la voce senza, però, esserne la fonte e senza averla ripetuta come pettegolezzo. La vicenda si protrae nel tempo, tanto che nel 1936 don Rizzo, scrivendo al vescovo, sostiene di aver ricevuto minacce da parte del signor Rossi. Nell’ottobre dello stesso anno Quinto Rossi denunciò il parroco per diffamazione alla prefettura di Copparo» (Paolo Gioachin, La chiesa ferrarese nel biennio 1943-1945, CEDOC SFR, Ferrara, 2014, p. 73)

Scheda compilata da DAVIDE GUARNIERI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-08 22:15:03

Vittime

Elenco vittime

Alberghini Ernesto, nato a Ferrara il primo giugno 1898, dipendente della Società Elettrica Padana
Cavicchini Luigi, nato a Sermide (MN) il 15 gennaio 1893. Partigiano della 35° brigata Bruno Rizzieri
Luppi Arrigo, nacque a Jolanda di Savoia (FE) il 10 agosto 1894 . Partigiano della 35° brigata Bruno Rizzieri
Mazzoni Augusto, nato a Ferrara il primo agosto 1887, dipendente della Società Elettrica Padana. Partigiano della 35° brigata Bruno Rizzieri
Rizzo Don Pietro, parroco di Le Venezie (ora Jolanda di Savoia, FE) nato a Ferrara il 20 gennaio 1900. Partigiano della 35° brigata Bruno Rizzieri.

Elenco vittime partigiani 4

Alberghini Ernesto,
Cavicchini Luigi,
Luppi Arrigo,
Mazzoni Augusto

Elenco vittime religiosi 1

Rizzo Don Pietro

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


GNR Ferrara Compagnia ausiliaria \'M. Giorgi\'

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Alessandro Stefanini

    Nome Alessandro

    Cognome Stefanini

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Baschi (TN) il 28 giugno 1905.

    Note procedimento Contumace al momento del processo. Responsabile dell\'ufficio delle imposte di consumo di Migliarino (FE), fu il fondatore del fascio repubblicano locale, per diventare successivamente comandante delle Brigate Nere cittadine. Relativamente ai fatti di Goro, lfu assolto, in contumacia, dal reato di omicidio plurimo per non aver commesso il fatto, e da quello di collabroazionismo per estinzione del reato a seguito di amnistia. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distinti tentativi di tentato omicidio.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto Brigata nera reparto imprecisato

  • Bellino Bellini

    Nome Bellino

    Cognome Bellini

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque ad Ariano Polesine (Rovigo) il 26 novembre 1908. Aveva frequentato la scuola fino alla seconda classe dell\'istituto tecnico; padre di due figli. Il 25 luglio 1943 si trovava a Bologna e precedentemente era stato segretario amministrativo del fascio mesolano. Si iscrisse al PFR di Mesola, divenendone il segretario politico e quindi anche podestà del comune. Fu comandante delle locali Brigate Nere. Partecipò sia al rastrellamento degli antifascisti di Jolanda di Savoia poi uccisi a Goro sia alla fucilazione sulla riva del Po. Partecipò anche in prima persona a diversi rastrellamenti compiuti nel delta del Po, in territorio rodigino e ferrarese, in collaborazione con elementi tedeschi, a loro volta comandati dal maggiore Hugo Saggau, comandante del 676° Sicherungsbattailon di stanza al castello estense di Mesola (Ferrara). Fu accusato di aver preso parte all\'omicidio del sergente della RAF Arthur Banks e per questo processato da un tribunale militare alleato, accusa dalla quale venne assolto.

    Note procedimento Per i fatti di Goro, il 17 aprile 1947, al procedimento che vide come principale imputato Carlo Tortonesi, fu condannato in contumacia per omicidio continuato e collaborazionismo, a ventun anni di reclusione di cui quindici immediatamente condonati ed all\'interdizione perpetua dai pubblici uffici. La Cassazione il 19 gennaio 1949 rigetto sia il ricorso del PM, sia quello di Bellini che, però, usufruì dello sconto di altri sette anni di pena. Venne arrestato il 2 agosto 1948 a Cerignola (Foggia) dove si era rifugiato dal fratello Mario. Un anno prima della sua scarcerazione presentò domanda doi grazia: i parenti di tutti quattro gli uccisi alla Macchinina, interpellati dai Carabinieri, si dichiararono fermamente contrari ad un atto di clemenza. Ad ogni buon conto fu consigliato, nel caso di una sua liberazione anticipata, di tenere Bellini lontano da Mesola dove, invece, ritornò il 12 ottobre 1951, a meno di due mesi di distanza dalla sua scarcerazione. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza del 17 aprile 1947. Procedimento contro Tortonesi ed altri: il PM presentò ricorso, presumibilmente per ottenere una pena più dura per Bellini Scaroni e Finessi, ma fu respinto perchè non presentò le motivazioni.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR Ferrara Compagnia ausiliaria \'M. Giorgi\'

  • Carlo Tortonesi

    Nome Carlo

    Cognome Tortonesi

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Fossaniova S. Marco (Ferrara) il 5 dicembre 1916. Militare dell\'esercito, fu insignito della croce di guerra.

    Note procedimento Il 17 aprile 1947 la CAS di Ferrara lo riconobbe colpevole di collaborazionismo e di omicidio continuato per i fatti di Goro, condannandolo alla pena di morte mediante fucilazione alla schiena. La Corte di Cassazione il 19 gennaio 1949 rigettò il ricorso dell\'avvocato di Tortonesi che intendeva ottenere la concessione delle attenuanti e delle attenuanti generiche, ma trasformò la pena di morte in ergastolo in base al DL 22 gennaio 1948, n. 21. Il 27 maggio 1950 la Corte d\'Apello di Bologna commutò l\'ergastolo in trenta anni di reclusione, determinando la pena residua in 19 anni di reclusione. La stessa corte il 20 giugno 1954 ridusse nuovamente la pena di reclusione a dieci anni. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza del 17 aprile 1947. Procedimento contro Tortonesi ed altri: il PM presentò ricorso, presumibilmente per ottenere una pena più dura per Bellini Scaroni e Finessi, ma fu respinto perchè non presentò le motivazioni.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR Ferrara Compagnia ausiliaria \'M. Giorgi\'

  • Dario Seghi

    Nome Dario

    Cognome Seghi

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque negli USA il 25 ottobre 1903.

    Note procedimento Detenuto dal 26 agosto 1946. La CAS di Ferrara lo asslse dall\'accusa di omicidio per non aver commesso il fatto, mentre il reato di collaborazionismo fu dichiarato estinto per amnistia. Cinque giorni dopo la sentenza fu rimesso in libertà. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distinti tentativi di tentato omicidio.

  • Edro Scaroni

    Nome Edro

    Cognome Scaroni

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Massa Fiscaglia (FE) il 29 giugno 1911.

    Note procedimento Accusato di omicidio continuato, fu processato assieme a Carlo Tortonesi, il 17 aprile 1947 fu assolto da questo reato e ma condannato per collaborazionismo a sei anni ed otto mesi di carcere. Il 19 gennaio 1949 la Cassazione annullò senza rinvio la condanna, dichiarando estinto il reato per amnistia. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza del 17 aprile 1947. Procedimento contro Tortonesi ed altri: il PM presentò ricorso, presumibilmente per ottenere una pena più dura per Bellini Scaroni e Finessi, ma fu respinto perchè non presentò le motivazioni.

  • Enzo Visioli

    Nome Enzo

    Cognome Visioli

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque il 31 maggio 1886 a Barletta (BT). In possesso della licenza liceale. Cavaliere e commendatore della corona d\'Italia dal 1926, cavaliere mauriziano, della stella coloniale, donato di 2°classe del Sovrano ordine militare di Malta, non svolse il servizio militare perchè assegnato alla 3° categoria. Fu commissario prefettizio di diversi comuni delle province di Como e Napoli. Coniugato, padre di una figlia, proveniva da Napoli quando fu nominato questore di Ferrara. Nel gennaio 1945 venne trasferito a Bologna. Subito dopo la Liberazione venne internato nel campo di Terni dalle autorità alleate e il 12 ottobre 1945 trasferito nel carcere di Ferrara.

    Note procedimento Il 21 aprile 1946 la Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara lo condannò complessivamente a 20 anni ed otto mesi di carcere Sarebbero stati 31 ma «considerato che il Visioli commise i fatti perchè travolto dagli avvenimenti bellici e politici, e pel suo carattere non ebbe forza di reagire ai medesimi». Tra i vari capi di imputazione vi era anche quello di favoreggiamento per aver omesso di denunciare i colpevoli dell\'eccidio di Goro a lui in realtà ben noti, ma da tale accusa fu assolto per insufficienza di prove. Nello stesso procedimento venne giudicato anche per i fatti della Certosa di Ferrara e della fucilazione di Copparo. Il 16 dicembre 1946 la Corte di Cassazione rigettò il ricorso presentato dall\'ex questore. Il 6 ottobre 1947 la moglie richiese la grazia. Non è stato trovato alcun documento che ne testimoni l\'eventuale concessione. Il suo fascicolo dell\'archivio della questura ferrarese fu chiuso nel 1951.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR Ferrara Compagnia ausiliaria \'M. Giorgi\'

  • Francesco Felloni

    Nome Francesco

    Cognome Felloni

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque il 18 agosto 1896 a Fossanova S. Marco (FE). Aveva frequentato la scuola fino alla classe terza dell\'istituto tecnico; padre di due figlie. Detenuto dal 7 maggio 1945. Squadrista, iscritto al PNF sin dal 1921, nel 1943 divenne segretario politico del fascio di Pontelagoscuro (FE), carica che mantene fino al 25 luglio. Aderì anche al PFR e nel 1944 gli fu conferito l\'incarico di ispettore federale in diversi comuni della provincia. Nel mese di maggio 1944 lasciò ogni incarico perchè nominato vice comandante dei Tupin di Carlo Tortonesi.

    Note procedimento L\'11 ottobre 1946 fu condannato per collaborazionismo ed omicidio colposo e condannato complessivamente a diciotto anni di carcere di cui sei anni furono immediatamente condonati (\'uccisione di Agida Cavalli, Filo, 28 febbraio 1944). Relativamente ai fatti di Goro fu assolto per insufficienza di prove dall\'accusa di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distinti tentativi di tentato omicidio. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR Ferrara Compagnia ausiliaria \'M. Giorgi\'

  • Galvino Ferraresi

    Nome Galvino

    Cognome Ferraresi

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque ad Ambrogio (FE) il 31 novembre 1881. Aveva frequentato la scuola fino alla seconda elementare; era padre di tre figli. Artigliere nella milizia confinaria dell\'esercito dal 1928 al 1931, dal 1939 al 1945 era stato arruolato nell\'81° battaglione Ravenna, dislocato in Albania, Croazia, Bosnia e Montenegro. Era stato iscritto sia al PNF sia al PFR

    Note procedimento Il 29 settembre 1945 la CAS di Ferrara lo condannò a otto anni e sei mesi di reclusione per collaborazionismo di cui cinque immediatamente cancellati. Tornò in libertà il 6 febbraio 1947 dopo la sentenza della Cassazione che applicò il provvedimento di amnistia.

  • Gianni Merlanti

    Nome Gianni

    Cognome Merlanti

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque ad Ostellato (FE) il 29 dicembre 1915. Aveva frequentato la scuola sino al quarto anno dell\'istituto tecnico inferiore. Padre di due fgli. Contumace al momento del processo. Fu richiamato nei militari per tre volte e dall\'ultima rinetrò sbandato dalla Croazia il 12 settembre 1943. Iscritto sia al PNF sia al PFR, nell\'ottobre 1944 partì per la Germania

    Note procedimento Accusato di vari reati (partecipazione a rastrellamenti, omicidi, invio di operai in Germania) fu assolto per non aver commesso il fatto dalle accuse di omicidio (anche per la vicenda di Goro), e per amnistia da quella di collaborazionismo. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distinti tentativi di tentato omicidio.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto GNR non precisato

  • Giorgio Minetti

    Nome Giorgio

    Cognome Minetti

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Giorgio Minotti, nato a Portomaggiore il 23 aprile 1898 Elettricista, iscritto al PNF dal 1921 al suo scioglimento, marcia su Roma (ma dichiarò di non avervi preso parte) e sciarpa littorio, affermò di non aver fatto parte delle squadre d\'azione, delle BN, della GNR, di non aver ricoperto alcuna cairca politica. Fece parte della MVSN e venne mandato in Libia, dove restò per cinque mesi, rifiutando poi la proposta di prendere parte alla guerra di Spagna. Si iscrisse al PFR perchè, disse, «ancora mi illusi che si potesse venire ad un accomodamento e che si trovasse anche il modo di farla finita con la guerra». Risiedeva a Massa Fiscaglia (FE). Fu coinvolto nell\'eccidio della Macchinina di Goro (FE) dichiarò che gli fu ordinato di scortare i prigionieri alcuni dei quali sarebbero stati uccisi sulla riva del Po a Goro (FE). Fu liberato dal carcere di Codigoro (FE) il 4 agosto 1945 e contestualmente diffidato ad osservare buna condotta morale e politica. Il 20 agosto 1946 fu emesso un nuovo ordine di cattura nei suoi confronti questa volta per la vicenda di Agida Cavalli: fu arrestato il giorno successivo.

    Note procedimento Il 7 ottobre 1946 la Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara lo condannò a sette anni di carcere di cui cinque immediatamente condonati per i fatti di Goro. Nello stesso processo venne giudicato per l\'uccisione di Agida Cavalli (Filo, 28 febbraio 1944). Il 14 novembre 1947 venne dimesso dal carcere di Pisa, dopo l\'assoluzione promulgata dalla Cassazione per amnistia. Il suo fascicolo fu chiudso nel novembre 1950 Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR Ferrara Compagnia ausiliaria \'M. Giorgi\'

  • Giorgio Minotti

    Nome Giorgio

    Cognome Minotti

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Portomaggiore (Ferrara) il 23 aprile 1893. Detenuto dal 21 agosto 1946. Dichiarò di essersi iscritto al PNF, di aver fatto parte della MVSN per una decina d\'anni, partecipando alla campagna d\'Africa, ma di non essere mai entrato né nelle Brigate Nere né nella GNR. Era stato anche squadrista e marcia su Roma.

    Note procedimento L\'11 ottobre 1946 la CAS di Ferrara lo condannò a sette anni di carcere per collaborazionismo di cui cinque immediatamente cancellati ed all\'interdizione perpetua dei pubblici uffici. Fu assolto per non aver commesso il fatto dall\'accusa di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distnti tentativi di tentato omicidio. La pena fu scontata sino al 14 novembre 1947 a Pisa, quando la Cassazione, con sentenza del 10 novembre, dichiarò estinto il reato di collaborazionismo. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distinti tentativi di tentato omicidio.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto GNR non precisato

  • Giulio Bonora

    Nome Giulio

    Cognome Bonora

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a S. Maria Codifiume (Ferrara) l\'8 gennaio 1917. Aveva frequentato la scuola fino alla quarta elementare. Detenuto dal 23 gennaio 1946. Muratore, richiese di diventare ausiliario di pubblica sicurezza l\'11 novembre 1944. Le indagini avevano permesso di stabilire che aveva fatto parte della MVSN prima e successivamente anche delle Brigate Nere e dei \'Tupin\'.

    Note procedimento L\'11 ottobre 1946 la CAS di Ferrara lo condannò per collaborazionismo a otto anni di cui cinque immediatamente condonati. In relazione ai fatti di Goro Fu assolto per non aver commesso il fatto dall\'accusa di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distnti tentativi di tentato omicidio. Il 12 novembre 1947 fu scarcerato perchè la Cassazione aveva dichiarato il reato estinto per amnistia. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distnti tentativi di tentato omicidio.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR Ferrara Compagnia ausiliaria \'M. Giorgi\'

  • Luigi Micheletti

    Nome Luigi

    Cognome Micheletti

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Mesola (FE) il 15 settembre 1898. Padre di tre figli. Detenuto dal 7 maggio 1945. Squadrista, marcia su Roma, si iscrisse sia al PNF sia al PFR, ma non entrò nelle Brigate Nere.

    Note procedimento La CAS di Ferrara lo condannò per i fatti di Goro a sei anni ed otto mesi di reclusione per collaborazionismo di cui cinque immediatamente cancellati. Fu assolto per non aver commesso il fatto dall\'accusa di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distnti tentativi di tentato omicidio. Venne scarcerato il 7 gennaio 1947 grazie al decreto ministeriale di amnistia. Nel 1948 divenne un assegnatario dell\'Ente Delta Padano e nel 1950 venne denunciato dai Carabinieri di Mesola (Ferrara) per invasione di terreni. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distnti tentativi di tentato omicidio.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

  • Luigi Ricci

    Nome Luigi

    Cognome Ricci

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Rovereto (FE) il 6 aprile 1904. In possesso della licenza media. Contumace al momento del processo. Squadrista e segretario del fascio di Ostellato (FE) dal dicembre 1942 al 25 luglio 1943 e di quello repubblicano dal settembre dello stesso anno al gennaio 1944, fece anche parte delle Brigate Nere con le quali operò anche nella Romagna e nel bolognese.

    Note procedimento Relativamente ai fatti di Goro, fu assolto dal reato di omicidio per non aver commesso il fatto e da quello di collaborazionismo per amnistia. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distinti tentativi di tentato omicidio.

  • Quirico Colombani

    Nome Quirico

    Cognome Colombani

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Ostellato (FE) il 7 giugno 1907. Aveva frequentato le scuole sino alla terza elementare; padre di tre figli. Detenuto dal 16 ottobre 1945. Si iscrisse al PFR di Dogato (Ferrara) nel dicembre 1943, diventandone membro del direttorio. Successivamente venne chiesta la sua espulsione dal partito che avrebbe, però, potuto evitare fornendo informazioni sull\'attività partigiana della zona.

    Note procedimento L\'11 ottobre 1946 la CAS di Ferrara lo riconobbe colpevole di collaborazionismo (cinque anni e dieci mesi) ed omicidio colposo (otto anni), condannandolo complessivamente a sei anni e sei mesi, di cui cinque immediatamente condonati ed all\'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Nello stesso processo venne giudicato per l\'uccisione di Agida Cavalli (Filo, 28 febbraio 1944). La Cassazione il 10 novembre 1947 accolse il suo ricorso, annullando senza rinvio per amnistia la sentenza di Ferrara emessa sia relativamente ai fatti di Goro sia all\'omicidio Cavalli. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distinti tentativi di tentato omicidio

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto GNR non precisato

  • Renato Farinella

    Nome Renato

    Cognome Farinella

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Codigoro (FE) il 2 febbraio 1899. Aveva frequentato la scuola sino alla quinta elementare; padre di un figlio. Detenuto dal 21 agosto 1946. Ex impiegato dei sindacati fascisti di Ariano ferrarese (FE) e Massa Fiscaglia (Ferrara) era iscritto al PNF sin dalla sua nascita ed al PFR. Era un milite della GNR.

    Note procedimento Relativamente ai fatti di Goro, venne condannato a sette anni (di cui cinque condonati) per collaborazionismo. Uscì dal carcere di Pisa il 14 novembre 1947, dopo che la Cassazione aveva dichiarato estinto il reato per amnistia. Il 15 agosto 1957 fu chiuso il suo fascicolo personale. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distinti tentativi di tentato omicidio.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto GNR non precisato

  • Riccardo Sangiorgi

    Nome Riccardo

    Cognome Sangiorgi

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Mesola (FE) il 21 febbraio 1905.

    Note procedimento Detenuto dal 7 maggio 1945. Aveva frequentato la scuola sino alla quinta elementare. Aviatore dal 1927 al 1929, dopo la Liberazione dichiarò di aver fatto parte volontariamente delle Brigate Nere di Mesola dall\'ottobre 1944 al 22 aprile 1945, occupandosi in particolare di rastrellamenti e perquisizioni. In un interrogatorio del 4 febbraio 1946 ammise di esser stato presente all\'eccidio della Macchinina ma di non aver sparato e di non aver assistito alla esecuzione perchè aveva dovuto inseguire uno dei fucilandi che aveva tentato la fuga. Condannato a sette anni di reclusione per collaborazionismo di cui cinque immediatamente cancellati ed all\'interdizione perpetua dai pubblici uffici, fu assolto per non aver commesso il fatto dall\'accusa di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distnti tentativi di tentato omicidio. Con sentenza del 10 novembre 1947, la Cassazione annullò senza rinvio la sentenza, per estinzione del reato di amnistia e ritornò così a vivere nel proprio paese d\'origne. Fu scarcerato il 7 maggio 1947. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distinti tentativi di tentato omicidio.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR Ferrara Compagnia ausiliaria \'M. Giorgi\'

  • Rino Volta

    Nome Rino

    Cognome Volta

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a S. Martino (FE) il 12 febbraio 1897. Segretario politico del PFR ed ispettore di zona

    Note procedimento Accusato di collaborazionismo, tra l\'altro, per aver trasmesso alla federazione fascista di Ferrara due elenchi di persone «che con atti o con parole avevano dimostrato avversione al neofascismo, includendo in tali elenchi i nomi di Luppi Arrigo, Cavicchini Luigi e Don Pietro Rizzo». Il 4 luglio 1946 lvenne dichiarato il non luogo a procedere nei suoi confronti per estinzione del reato a seguito di amnistia. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza del 4 luglio 1946 Imputato Rino Volta, accusato di collaborazionismo, per aver trasmesso alla federazione fascista di Ferrara due elenchi di persone «che con atti o con parole avevano dimostrato avversione al neofascismo includendo in tali elenchi i nomi di Luppi Arrigo, Cavicchini Luigi e Don Pietro Rizzo».

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR Ferrara Compagnia ausiliaria \'M. Giorgi\'

  • Romano Ferrari

    Nome Romano

    Cognome Ferrari

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Massa Fiscaglia (FE) il 17 settembre 1913. Militare in congedo dell\'esercito. Il suo nome venne fatto da Giuseppe Trevsani come autore degli arresti a Jolanda di Savoia, ma i Carabinieri non riuscirono a trovare prove della sua effettiva partecipazione. Si iscrisse al PNF dopo aver mlitato in alcune organizzazioni giovanili fasciste. Fece parte dei battaglioni delle BN presenti in Croazia ed al suo ritorno si occupò dell\'ordine pubblico a Massa Fiscaglia, su ordne del capo zona Francesco Felloni. Dichiarò di essersi recato a Jolanda di Savoia per prelevare quattro persone e portarle a Mesola ma di non aver avuto nulla a che fare con la loro fucilazione. Aveva anche retto temporaneamente il comando della BN di Mesola.

    Note procedimento L\'11 ottobre 1946 fu condannato a 7 anni di carcere per collaborazionismo di cui cinque immediatamente condonati. Fu assolto per non aver commesso il fatto dall\'accusa di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distnti tentativi di tentato omicidio. Con sentenza del 10 novembre 1947, la Cassazione applicò nei suoi confronti l\'amnistia e ritornò così a vivere nel proprio paese d\'origne. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distinti tentativi di tentato omicidio.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto Brigata nera reparto imprecisato

  • Umberto De Sisti

    Nome Umberto

    Cognome De Sisti

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Ferrara il 6 luglio 1912. Detenuto dal 16 maggio 1945.

    Note procedimento L\'11 ottobre 1946 la Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara lo dichiarò colpevole di omicidio continuato (trenta anni) e collaborazionismo (venti anni), condannandolo complessivamente a trent\'anni di carcere di cui un terzo immediatamente condonati. La Corte di Cassazione, il 10 novembre 1947, rigettò il ricorso, condannandolo al pagamento delle spese. La Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara con declaratoria del 26 marzo 1948 condonò altri dieci anni in base al DPR 28 febbraio 1948 n. 32 (restava una pena residua di dieci anni). La Corte d\'Appello di Bologna, con ordinanza del 22 febbraio 1950 condonò un altro anno di reclusione (DPR del 23 dicembre 1949 n. 930). La stessa corte con ordinanza del 20 ottobre 1959 dichiarò estinti i reati (DPR 11 luglio 1959 n. 460) Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR Ferrara Compagnia ausiliaria \'M. Giorgi\'

  • Virgilio Finessi

    Nome Virgilio

    Cognome Finessi

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Codigoro (FE) il 16 aprile 1902. Aveva frequentato la scuola fino alla classe terza dell\'istituto tecnico. Squadrista dal 1921, marcia su Roma, si iscrisse al PNF e successivaemente anche al PFR, entrando poi nel distaccamento di Massa Fiscaglia (FE) delle Brigate Nere.

    Note procedimento Accusato di omicidio continuato, fu processato assieme a Carlo Tortonesi, il 17 aprile 1947 fu assolto da questo reato e condannato a cinque anni e tre mesi di carcere per collaborazionismo, di cui cinque immediatamente condannati, permettendogli, così, di tornare immediatamente in libertà. Successivamente la questura di Ferrara dispose nei suoi confronti una attenta vigilanza, visto il carattere violento che avrebbe potuto condurlo a «compiere azioni delittuose per motivi politici». Tanto era l\'odio nei suoi confronti da parte della popolazione che i Carabinieri, nel 1946, ne consigliarono l\'allontanamento da Massa Fiscaglia «anche per garanzia della medesima persona». Il 19 gennaio 1949 la Cassazione annullò senza rinvio la condanna, dichiarando estinto il reato per amnistia. Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza del 17 aprile 1947. Procedimento contro Tortonesi ed altri: il PM presentò ricorso, presumibilmente per ottenere una pena più dura per Bellini Scaroni e Finessi, ma fu respinto perchè non presentò le motivazioni.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto Brigata nera reparto imprecisato

  • Washington Rivani

    Nome Washington

    Cognome Rivani

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nacque a Formignana (FE) il 7 novembre 1899.

    Note procedimento Detenuto dal 21 agosto 1946. Si iscrisse sia al PNF sia al PFR; fece parte della MVSN e delle Brigate Nere. Relativamente alla vicenda di Goro, nella quale venne coinvolto dalle parole di Giuseppe Trevisani, elemento delle Brigate Nere di Codigoro (Ferrara), venne assolto dall\'accusa di omicidio plurimo per non aver commesso il fatto e da quello di collaborazionismo per amnistia.Sezione Speciale della Corte d\'Assise di Ferrara, sentenza dell\'11 ottobre 1946 Imputati Riccardo Sangiorgi, Luigi Micheletti, Dario Seghi, Giorgio Minotti, Romano Ferrari, Renato Farinelli, Washington Rivani, Giulio Bonora, Quirico Colombani, Luigi Ricci detto Gigetto, Alessandro Stefanini, Gianni Merlani, imputati di cinque delitti distinti di omicidio premeditato e di due distinti tentativi di tentato omicidio.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto Brigata nera reparto imprecisato

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Viene annualmente deposta una corona di fiori al monumento.

  • monumento a Goro, Macchinina

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Goro, Macchinina

    Descrizione: Monumento sul luogo dell\'accaduto. Sul cemento della base si trova scritto: «ERNESTO ALBERGHINI/ LUIGI CAVICCHINI / ARRIGO LUPPI / AUGUSTO MAZZONI / DON PIETRO RIZZO / 28 MARZO 1944». Sul retro si trova «25 APRILE 1980 / MAURIZIO BONORA» ed una targhetta con «Magistrato per il Po / Uff. Operativo Ferrara / 178/87 / impresa SOCERI / Rovigo»

Bibliografia


Rolando Balugani, La scia di sangue lasciata dai 'Tupin' (1943-1945), SIGEM, Modena, 2004, pp. 91-140
Davide Guarnieri, La libertà nel fiume, BFS, Pisa, 2007
Paolo Gioachin, La chiesa ferrarese nel biennio 1943-1945, CEDOC SFR, Ferrara, 2014, pp. 66-74.
Andrea Poggiali, I segni della guerra, volume 2°, Ravenna, Claudio Nanni editore, 2012, p. 65
Giovanni Raminelli, Don Pietro Rizzo, Artigiana Stampa, Ariano Polesine, 2000
Articoli su «La Nuova Scintilla» del 16, 23 e 30 gennaio 1945 e del 6 gennaio 1946

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 16, f. 405
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 27, f. 810
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 47, f. 1529
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 55, f. 1789
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 57, f. 1843
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 58, f. 1883
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 58, f. 1901
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 60, f. 1958
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 73, f. 2446
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 75, f. 2499
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 80, f. 2677
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 82, f. 2761
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 92, f. 3148
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 93, f. 3154
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 93, f. 3174
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 94, f. 3219
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 105, f. 3586
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 113, f. 3928
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 114, f. 3958
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 120, f. 4153
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 123, f. 4326
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 127, f. 4363
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A8, 1° versamento, b. 134, f. 4606
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A4a, 1° versamento, b. 3, f. 113
ASFe, Questura, gabinetto, categoria A4a, 1° versamento, b. 4, f. 121
ACS, Ministero dell\'Interno, Direzione generale di pubblica sicurezza, divisione affari generali e riservati (1944-1946), b. 100, f. Ferrara. Eccidio di Goro
ASBo, Corte d\'Assise, Sentenze, CAS Ferrara, volume 30, sentenza n. 37 del 4 luglio 1946
ASBo, Corte d\'Assise, Sentenze, CAS Ferrara, volume 30, sentenza n. 18 del 11 novembre 1946
ASBo, Corte d\'Assise, Sentenze, CAS Ferrara, volume 30, sentenza n. 11 del 17 aprile 1947