PROVINCIA DI FERRARA

(Ferrara - Emilia-Romagna)

PROVINCIA DI FERRARA

PROVINCIA DI FERRARA
Descrizione

Località Provincia di Ferrara, Ferrara, Ferrara, Emilia-Romagna

Data imprecisata

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il tenente Giorgio Gelmetti fu arrestato il 7 ottobre 1943 a Ferrara su richiesta del seniore Carridi di Bologna, per ordine del comando militare tedesco di quella città. I fascisti ritenevano che avesse «poca simpatia per il fascismo ma durante il governo Badoglio non avrebbe dato manifestazioni specifiche dei suoi sentimenti».rnLiberato il 27 marzo 1944 (non sono state trovate testimonianze che sia rimasto in carcere ininterrottamente per tutto questo periodo), il giorno successivo fu nuovamente fermato e di lui non si seppe più nulla sino al ritrovamento del corpo, un paio di settimane più tardi, nelle acque del Reno, insieme al cadavere dell\'ingegner Giuseppe Stefani. Venne sepolto nel cimitero di Filo (FE).rnGli autori del suo omicidio non vennero mai scoperti. Corrado Mirandola, fascista ferrarese, ipotizzò, in un interrogatorio del 15 giugno 1945 che sia Gelmetti sia Stefani potessero essere stati uccisi dai \'Tupin\' (acronimo per \'Tutti uniti per l\'Italia nostra\', oppure indicante più semplicemente dei piccoli ratti), uomini della Compagnia Ausiliaria \'M. Giorgi\' della GNR, agli ordini di Carlo Tortonesi, una sorta di vero e proprio gruppo autonomo alle dirette dipendenze del capo della provincia Enrico Vezzalini e gruppo che lo seguì anche dopo il suo trasferimento a Novara. Fu Corrado Mirandola, fascista ferrarese, che suggerì, in un interrogatorio del 15 giugno 1945, che sia Gelmetti sia Stefani potessero essere stati uccisi proprio dai \'Tupin, alcuni elementi del quale furono coinvolti nell\'eccidio della Macchinina a Goro (FE) avvenuto il 28 marzo1944.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Annotazioni: Su questa vicenda come su quella dell\'ingegner Giuseppe Stefani esistono pochissime certezze. Ignoti sono rimasti gli esecutori dell\'omicidio. Nonostante il luogo del ritrovamento del corpo sia in territorio ravennate, si è voluta comunque compilare la scheda vista poiché, vista l\'ipotesi relativa agli autori dell\'omicidio, si può supporre anche sia avvenuto in territorio ferrarese.

Scheda compilata da DAVIDE GUARNIERI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-01-23 09:36:06

Vittime

Elenco vittime

Gelmetti Giorgio, tenente colonnello di cavalleria dei Lanceri di Firenze. «Ha lavorato assieme al sostituto procuratore del re Pasquale Colagrande alle dipendenze dell\\\'allora Generale Raffaele Cadorna comandante della Divisione Ariete nel movimento \\\'Italia libera\\\'. Documenti di importanza capitale furono affidati al Gelmetti in quale tempo a ciò fossero recapitati ad una altissima personalità proveniente da Roma». Sono parole del Colonnello Francesco Magnani

Elenco vittime partigiani 1

Gelmetti Giorgio

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio del Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara, fascicolo Giorgio Gelmetti.rnASFe, Questura, gabinetto, categoria A2, b. 1, f. 3