ORBICCIANO CAMAIORE 03.09.1944

(Lucca - Toscana)

Episodio di riferimento: CERTOSA DI FARNETA, 02-10.09.1944

ORBICCIANO CAMAIORE 03.09.1944

ORBICCIANO CAMAIORE 03.09.1944
Descrizione

Località Orbicciano, Camaiore, Lucca, Toscana

Data 3 settembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 2

Numero vittime uomini senza informazioni 1

Descrizione: I Padri certosini del convento di Farneta, piccolo paese della periferia di Lucca, diventano nell’estate del 1944 punto di riferimento per gli appartenenti alla comunità locale, per sfollati, ebrei, ex-fascisti, tutti ospitati entro le mura della Certosa per evitare la violenza nazista e la deportazione.
Il clima si fa più teso a partire dal mese di agosto, quando la “guerra contro i civili” colpisce anche la Piana di Lucca: la violenza tedesca cresce con la fine del mese, man mano che l’esercito alleato avanza da Sud, e si palesa la necessità di lasciare la Lucchesia per ritirarsi lungo la Linea Gotica.
Nella notte del 2 settembre 1944, alla vigilia della Liberazione di Lucca, un gruppo di SS entra nel convento e rastrella le circa 100 persone, tra religiosi e civili, ivi residenti. Concentrate tutte le persone (monaci inclusi) in una stanza, la mattina successiva i tedeschi le fanno incamminare lungo la strada che conduce in Versilia.
Le vittime sono rinchiuse sino al 6 settembre in un capannone nei pressi di Nocchi di Camaiore. Nel frattempo, in tutta la zona si intensificano le azioni di rastrellamento e di sfollamento forzato, ed anche la pressione sulle diverse formazioni partigiane che cercano di rallentare e ostacolare le operazioni di ritirata dalla Lucchesia in direzione della Versilia. Molte altre decine di civili vengono rinchiusi nel capannone di Nocchi.
Già il pomeriggio del 3 settembre sono tre gli ostaggi che vengono prelevati e fucilati nella vicina Orbicciano. Due erano dipendenti della Certosa e il terzo un non meglio identificato “napoletano”, forse renitente alla leva.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da Gianluca Fulvetti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-12 16:57:26

Vittime

Elenco vittime

Pellicci Pietro, 36 anni.
Perna Bruno, 31 anni.
Ignoto.

Elenco vittime civili 2

Pellicci Pietro.
Perna Bruno.

Elenco vittime indefinite 1

Ignoto.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


AA.VV., Itinerari della memoria. Anno scolastico 1999-2000. Testimonianze orali raccolte dagli alunni, a cura della Provincia di Lucca, Lucca, 2001 (testimonianza di Solimano Berrettoni e di Rita Vecciani).
Francesco Bergamini, Giuliano Bimbi, Antifascismo e Resistenza in Versilia, Pezzini, Viareggio, 1983.
Giovanni Cipollini, Il piano di sfollamento totale della provincia di Lucca. Maggio-settembre 1944. Pagine di guerra in lucchesia, in “Documenti e studi”, 8/9, dicembre 1988-89.
Gianluca Fulvetti, Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945), Carocci, Roma, 2009, p. 250.
Nicola Lagan, La Certosa dello Spirito Santo di Farneta (Lucca), in Quaderni di Farestoria – Lucca, a. I, n. 1 Gennaio-Aprile 2009, ISRPt, p. 11.
Leone Palagi, Cronache e fatti della Resistenza in Versilia: settembre 1943-settembre 1944, Leone Palagi, Camaiore, 1981.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AS Lucca, CLN Lucca, b. 6, 9, 10.
NARA, rg. 153, box 528, file 16-77.
NARA, rg. 153, box 528, file 75.
NARA, rg. 331, box 1, file 3.
SC Camaiore, RAM 1944.