Roncalceci, Ravenna, 14.11.1944

(Ravenna - Emilia-Romagna)

Roncalceci, Ravenna, 14.11.1944

Roncalceci, Ravenna, 14.11.1944
Descrizione

Località Roncalceci, Ravenna, Ravenna, Emilia-Romagna

Data 14 novembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 23

Numero vittime uomini 10

Numero vittime bambini 3

Numero vittime uomini adulti 4

Numero vittime uomini anziani 1

Numero vittime uomini senza informazioni 2

Numero vittime donne 13

Numero vittime donne bambine 3

Numero vittime donne adulte 6

Numero vittime donne anziane 2

Numero vittime donne senza informazioni 2

Descrizione: In generale, le stragi compiute in provincia di Ravenna dalle truppe della Wehrmacht in ritirata coinvolgono intere famiglie o parti consistenti di esse, non per ragioni politiche ma per motivi militari. In più casi le vittime sono fatte saltare insieme alle loro abitazioni o ai luoghi dove hanno trovato rifugio per il semplice fatto che quegli edifici hanno una funzione strategica per la salvaguardia della ritirata o la tenuta delle linee tedesche. In altre circostanze la strage viene compiuta in seguito ad un attacco subito,
ma più che di una rappresaglia, si tratta nuovamente dell’applicazione di una strategia, quella della tabula rasa. Trattandosi di “azioni militari” non solo viene evitata ogni pratica pubblicitaria più consona ad “azioni di ordine pubblico” con valenze fortemente politiche, ma sono prese misure atte ad occultare la strage stessa. Solo in città le uccisioni assumono valori diversi, testimoniando la semplificazione organizzativa del sistema tedesco nella provincia ravennate. A partire dall'autunno inoltrato conta solo la sicurezza e la sopravvivenza dell’esercito tedesco. Non sono dunque più praticate distinzioni tra fascisti, civili, donne, bambini, vecchi o partigiani.

Nel diario della 114ª Jäger, in data 14 novembre, è descritta la riorganizzazione delle truppe stabilita per la notte successiva. Non vi sono riferimenti a rappresaglie o rastrellamenti. Ciò potrebbe significare che il 14 novembre ad operare nella zona di Roncalceci – San Pancrazio in cui vengono uccisi ventitré abitanti sono truppe appartenenti ad altra divisione e più precisamente alla 305ª Infantrie Division o alla 356ª Infantrie Division. Il luogo del massacro è casa Fornaci, a ridosso del fiume Montone, ovvero dove passa la linea difensiva tedesca «Augsberger Line». Ciò che si conosce è che:

«tra l’8 e il 9 [novembre] a San Pancrazio furono deportate 200 persone, il 14 ne furono trucidate 24 e tra queste c’erano due intere famiglie: i Fabbri e i Gardelli, ma per S. Pancrazio non era ancora finita, il 17 ne trucidarono altre 14».

Mambelli, un giornalista, appunta sul suo diario:

«Per motivi che si credono in relazione ad un alterco ottenuto al rifiuto di consegnare un porco, ucciso e nascosto, i tedeschi hanno fucilato stamane in frazione Ragona (San Pancrazio) 24 persone delle famiglie Fabbri, proprietario Gardelli, colonica, Staraglia e Giorgioni, sfollati, arsi i loro cadaveri e la casa. I fanciulli trucidati in grembo alle madri, i corpi ammucchiati a ridosso dei pagliai, cosparsi di infiammabili perché anche le ceneri siano disperse, testimoniano in modo tremendo ed accusano davanti a Dio ed all’umanità gli autori di tante barbarie. […] Il fratello del Gardelli Aldo, con cui il tedesco ladro avrebbe altercato, ha potuto salvarsi dentro una botte, fuggendo prima che incendiassero la casa: la famiglia si era stabilita in S. Pancrazio nel 1930».

Venti giorni dopo la strage Russi, comune sito alcuni chilometri più a nord, sarà liberato dagli Alleati, mentre i nazisti si attestano a nord del fiume Senio.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: incendio di abitazione

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: ripulitura e desertificazione

Scheda compilata da Enrica Cavina
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-06 21:37:31

Vittime

Elenco vittime

1 Baldini Serafina di 18 anni, nata l\'8/11/1926 a Bagnacavallo, risulta partigiana volontaria nella 28ª Brigata Garibaldi dal 15/06/1944 al 14/11/1944.
2 Buffardini Domenica di 24 anni, nata nel 1920.
3 Buffardini Giovanni di 37 anni, nato nel 1907.
4 Casadio Antonia di 66 anni, nata il 20/03/1878 a San Pancrazio, risulta partigiana volontaria nella 28ª Brigata Garibaldi dal 30/06/1944 al 14/11/1944.
5 Ciani Giuseppina di 26 anni, nata nel 1918.
6 Fabbri Francesco di 45 anni, nato nel 1899 a Russi, risulta partigiano volontario nella 28ª Brigata Garibaldi dal 30/06/1944 al 14/11/1944.
7 Fabbri Ottavio di 75 anni, nato nel 1869, padre di Francesco.
8 Fabbri Piero di 7 anni, nato nel 1937, figlio di Francesco.
9 Fabbri Teresa di 4 anni, nata nel 1940, madre di Francesco. Il suo nome da nubile è Fiammenghi Teresa Adele.
10 Foschini Aurelia di 31 anni, nata il 2/07/1913.
11 Gardelli Anna di 2 anni, nata il 12/01/1942.
12 Gardelli Giuseppe, nato il 5/12/1907 a Ladino (Fc), risulta partigiano volontario nella 28ª Brigata Garibaldi dall\'8/09/1943 al 14/11/1944.
13 Gardellli Livio di 1 anno, nato nel 1943.
14 Gardelli Maria Dina di 3 anni, nata il 12/01/1941.
15 Giorgioni Ermando di 10 anni, nato l\'8/11/1934.
16 Giorgioni Giulio, nato l\'8/09/1903 a Faenza, risulta partigiano volontario nella 28ª Brigata Garibaldi dal 2/07/1944 al 14/11/1944.
17 Landi (o Bandi) Carmela, nata il 23/10/1881 a Predappio (Fc), risulta partigiana volontaria nella 28ª Brigata Garibaldi dal 2/07/1944 al 14/11/1944.
18 Maioli Rosa di 62 anni, nata nel 1882.
19 Morelli Olga di 30 anni, nata il 2/10/1914 a Ravenna, risulta partigiana volontaria nella 28ª Brigata Garibaldi dal 2/07/1943 al 14/11/1944.
20 Patuelli Rosa, nata il 7/05/1910 a Bagnacavallo, risulta partigiana volontaria nella 28ª Brigata Garibaldi dal 12/07/1944 al 14/11/1944.
21 Santoni Enrica di 21 anni, nata il 25/03/1923 a Bagnacavallo, risulta partigiana volontaria nella 28ª Brigata Garibaldi dal 30/06/1944 al 14/11/1944.
22 Scatolon Guerrino di 17 anni, nato nel 1927.
23 Sbaraglia Francesco di 39 anni, nato il 5/11/1905 a Filetto, risulta partigiano volontario nella 28ª Brigata Garibaldi dal 15/06/1944 al 14/11/1944.

Elenco vittime civili 13

Buffardini Domenica,
Buffardini Giovanni,
Ciani Giuseppina,
Fabbri Ottavio,
Fabbri Piero,
Fabbri Teresa,
Foschini Aurelia,
Gardelli Anna,
Gardellli Livio,
Gardelli Maria Dina,
Giorgioni Ermando,
Maioli Rosa,
Scatolon Guerrino

Elenco vittime partigiani 10

Baldini Serafina,
Casadio Antonia,
Fabbri Francesco,
Gardelli Giuseppe,
Giorgioni Giulio,
Landi (o Bandi) Carmela,
Morelli Olga,
Patuelli Rosa,
Santoni Enrica,
Sbaraglia Francesco

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • cippo a argine destro Montone 158, Roncalceci, Ravenna

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: argine destro Montone 158, Roncalceci, Ravenna

    Descrizione: Cippo posto in via argine destro Montone 158, Roncalceci.

Bibliografia


ANPI di Ravenna (a cura di) Eccidi e stragi nazi-fasciste in Provincia di Ravenna.

P. Scalini, La notte più buia é prima dell’alba (Ravenna 1944-1945), Galeati, Imola, 1975, pp. 190 – 191.
ANPI di Ravenna (a cura di) Albo d’oro. Salvaste l’Italia non morirete mai 1943-1945, 1976.

A. F. Babini, Giovecca, anche qui è nata la Resistenza, , Comitato Antifascista Giovecca, Bologna, aprile 1980, p. 375.

M. Baioni, G. Masetti, Popolazione e memoria della guerra nel Ravennate (1943-1945), Ravenna, Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, stampa 1994, p. 117, p. 127, pp. 129-141.

G. Casadio La memoria della Resistenza nelle iscrizioni dei cippi, lapidi e monumenti della provincia di Ravenna, Longo Editore, Ravenna, 1995, vol. 1, p. 107, vol. 2, p. 228.

E. Cavina, Crimini di guerra e violenza nazifascista nella provincia di Ravenna tra l'8 settembre 1943 e il 25 aprile 1945, tesi di dottorato di ricerca in Storia e Informatica - XVI Ciclo, Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, a.a. 2003-2004, prima parte p. 109, seconda parte p. 69.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

ISRECFO, A. Mambelli, Diario degli avvenimenti di Forlì e in parte di Romagna dal 1939 al 1945, pp. 296-297.

AANPIRA, schedario dei caduti della provincia di Ravenna.