Pederobba 19-25.9.1944

(Treviso - Veneto)

Episodio di riferimento: Rastrellamento del Monte Grappa - Operazione

Pederobba 19-25.9.1944

Pederobba 19-25.9.1944
Descrizione

Località Pederobba, Pederobba, Treviso, Veneto

Data 19 settembre 1944 - 25 settembre 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 8

Numero vittime uomini 8

Numero vittime uomini adulti 8

Descrizione: Il primo caduto fu Secondo Tonnellato, residente a Pederobba, arrestato il 17/9 su segnalazione di un delatore e portato a Villa Morassutti – sede del Luftwaffen-Sicherungs-Regiment ‘Italien’ – dove fu inquisito e torturato dai tedeschi. Il 19/9 - mentre i paesi attorno al Massiccio del Grappa venivano occupati dalle truppe che il 21/9 avrebbero attaccato i partigiani in montagna – fu impiccato dai nazisti nella piazza centrale di Pederobba.
Le altre vittime, invece, condannate dal Tribunale di Guerra di Quero, furono trasferite a Pederobba con il cosiddetto ‘camion della morte’.
Domenica 24.9 fu la volta di Pietro Lenorose, impiccato nei pressi del passaggio a livello di Levada di Pederobba.
Lunedì 25.9 morìrono: Luigi Giacomo Conte, impiccato a Pederobba in Via Roma; Antonio Mascotto, impiccato a Levada di Pederobba, in Via D’Annunzio; Arcisio Simioni, impiccato a Onigo di Pederobba, sulla strada per Levada; Romeo De Bortoli e Natale Zancanaro, impiccati a sud del vecchio ospedale.
Mercoledì 27.9 toccò a Giovanni Mocellin, impiccato a Onigo di Pederobba davanti alla fabbrica Conti mentre le operaie che uscivano dal lavoro erano obbligate ad assistere all’esecuzione. La fune si spezzò per due volte e il ventiduenne, che gridava disperato, fu risollevato e riattaccato al capestro; a nulla valse che un sacerdote cercasse di fermare lo scempio: i fascisti lo allontanarono colpendolo con i calci delle pistole. Quando infine morì, la sua salma fu lasciata lì a penzolare per alcuni giorni.
L’esecuzione di Mocellin è un’ulteriore conferma del fatto che durante il rastrellamento del Grappa gli squadristi non si limitarono a custodire i posti di blocco, bensì svolsero un ruolo attivo in molte impiccagioni e fucilazioni. Purtroppo nel dopoguerra le CAS di Treviso e di Vicenza incontrarono notevoli difficoltà a individuare coloro che si erano macchiati di tante atrocità, perché le esecuzioni, specie nei centri dei paesi, erano avvenute in presenza di una folla mista di tedeschi e di fascisti ebbri di sangue, in un clima di confusione e di violenza che sovente aveva reso impossibile ai pochi testimoni di rendersi conto con precisione di quanto avveniva.

Modalità di uccisione: impiccagione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da Federico Maistrello
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-28 21:43:24

Vittime

Elenco vittime

1. Conte Luigi Giacomo (‘Serpe’), classe 1926, di Romano di Ezzelino (VI), Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’
2. De Bortoli Romeo, classe 1925, di Arten, Brigata ‘Matteotti’, distaccamento sul Monte Fredina comandato dall’appuntato dei carabinieri Giacca Domenico (‘Colombo’).
3. Lenorose Pietro, classe 1925, di Treviso, residente a Romano di Ezzelino (VI), Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’
4. Mascotto Giuseppe, classe 1924, di Mussolente (VI), Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’
5. Mocellin Giovanni (‘Lucciola’), classe 1922, di San Nazario (VI), Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’
6. Simioni Arcisio (‘Rosso’), classe 1924, di Cittadella (PD), Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’
7. Tonnellato Secondo, classe 1915, di Postioma di Paese (TV), Brigata ‘Matteotti’
8. Zancanaro Natale (Feroce’), classe 1926, di Incino (BL), Battaglione ‘Montegrappa’/Brigata ‘Gramsci’

Elenco vittime partigiani 8

1. Conte Luigi Giacomo (‘Serpe’), classe 1926, di Romano di Ezzelino (VI), Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’
2. De Bortoli Romeo, classe 1925, di Arten, Brigata ‘Matteotti’, distaccamento sul Monte Fredina comandato dall’appuntato dei carabinieri Giacca Domenico (‘Colombo’).
3. Lenorose Pietro, classe 1925, di Treviso, residente a Romano di Ezzelino (VI), Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’
4. Mascotto Giuseppe, classe 1924, di Mussolente (VI), Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’
5. Mocellin Giovanni (‘Lucciola’), classe 1922, di San Nazario (VI), Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’
6. Simioni Arcisio (‘Rosso’), classe 1924, di Cittadella (PD), Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’
7. Tonnellato Secondo, classe 1915, di Postioma di Paese (TV), Brigata ‘Matteotti’
8. Zancanaro Natale (Feroce’), classe 1926, di Incino (BL), Battaglione ‘Montegrappa’/Brigata ‘Gramsci’

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


SS-Polizei-Regiment Bozen

Tipo di reparto: Polizei
Appartenenza: Ordnungspolizei

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • cippo a Levada di Pederobba, in Via d’Annunzio

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Levada di Pederobba, in Via d’Annunzio

    Descrizione: cippo in memoria di Giuseppe Mascotto;

  • Click here to learn more

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Levada di Pederobba, via D\'Annunzio

    Descrizione: lapide in memori di Pietro Lenorose

  • cippo a Onigo di Pederobba, in Piazza Monte Grappa

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Onigo di Pederobba, in Piazza Monte Grappa

    Descrizione: cippo in memoria di Giovanni Mocellin

  • lapide a Onigo di Pederobba, Piazza Monte Grappa

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Onigo di Pederobba, Piazza Monte Grappa

    Descrizione: lapide in memoria di Arcisio Simioni

  • lapide a

    Tipo di memoria: lapide

    Descrizione: Pederobba, nei pressi dell’ex portineria dell’ospedale, due lapidi, in memoria rispettivamente di Natale Zancanaro e di un ignoto;

  • cippo a Pederobba

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Pederobba

    Descrizione: in Via Roma – area verde – cippo in memoria di Secondo Tonellato (dicitura esatta: Tonnellato)

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Mascotto Antonio, medaglia d’argento al valor militare

Bibliografia


Lorenzo Capovilla, Giancarlo De Santi, Sui sentieri dei partigiani nel Massiccio del Grappa, CIerre, Verona, 2006, p. 130.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti